Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    "Una scelta pericolosa"

    "L'approvazione da parte della Commissione Europea di una nuova varieta' GM per l'uso alimentare e' una scelta infelice, miope e pericolosa. Uno studio pubblicato in febbraio finanziato dal governo inglese conferma l'avvenuto trasferimento di geni dalla soia GM ai batteri dell'intestino umano, e la consegeuente produzione nel tubo digerente di proteine per la resistenza a diserbanti."
    25 maggio 2004 - Jeffrey M. Smith


    "L'approvazione da parte della Commissione Europea di una nuova varieta' GM per l'uso alimentare e' una scelta infelice, miope e pericolosa. Uno studio pubblicato in febbraio finanziato dal governo inglese conferma l'avvenuto trasferimento di geni dalla soia GM ai batteri dell'intestino
    umano, e la consegeuente produzione nel tubo digerente di proteine per la resistenza a diserbanti." Se il mais dolce Bt11 appena approvato ha lo stesso effetto, i batteri della nostra flora intestinale potrebbero trasformarsi in fabbriche viventi della tossina Bt, un pesticida.

    Tutto cio' e' pericoloso? Quando il mais Bt e' stato somministrato a un gruppo di topi, questi animali hanno sviluppato una risposta immunitaria piu' forte di quella scatenata dalla tossina del colera, una maggiore vulnerabilita' alle allergie e un'eccessiva proliferazione cellulare nell'intestino tenue. Lavoratori agricoli esposti al mais Bt hanno sviluppato reazioni allergiche a livello dell'epidermide; l'analisi del sangue ha poi confermato la presenza di una risposta anticorpale al
    pesticida. Il 22 febbraio l'Institute for Gene Ecology di Norvegia ha annunciato che 39 filippini che vivono nelle vicinanze di un terreno coltivato a mais Bt hanno sviluppato, nel periodo in cui il mais
    rilascia il polline, reazioni allergiche a livello di vie respiratorie, pelle e intestino, accompagnate da febbre. Le analisi del sangue hanno confermato una reazione immunitaria alla tossina Bt. (Anche se questi primi risultati non costituiscono una prova definitiva del collegamento fra il polline e i sintomi, il quadro non e' in contraddizione con cio' che si sa della tossina Bt.)

    L'istituto norvegese ha reso noti anche dei risultati preliminari, secondo i quali "il promotore" usato per attivare i transgeni inseriti nella maggior parte delle piante GM e' stato ritrovato intatto negli organi dei ratti, tre giorni dopo che gli animali avevano ricevuto un unico pasto a base di alimenti transgenici. Studi di laboratorio hanno inoltre rivelato che in provetta il promotore e' attivo entro le cellule umane. Se questo promotore, presente anche nel Bt11, dovesse trasferirsi
    al DNA dei nostri organi interni, potrebbe generare seri problemi. Numerosi scienziati affermano che il promotore potrebbe:
    1.attivare costantemente geni a caso,
    2.creare instabilita' genetica o mutazioni,
    3.promuovere la crescita cellulare potenzialmente precancerosa
    4.riattivare virus quiescenti, presenti nel DNA.

    L'industria biotech aveva sempre sostenuto che i geni vanno distrutti durante la digestione e che il trasferimento di geni dai cibi GM e' impossibile. Ora che questo trasferimento e' stato invece dimostrato, la Commissione Europea dovrebbe studiarne gli effetti sulla salute umana e,
    nel frattempo, eliminare immediatamente gli alimenti GM gia' in commercio. E invece, nell'evidente tentativo di proteggersi dall'ingiusto ricorso davanti al WTO promosso dagli Stati Uniti, la Commissione ha appena fatto l'esatto contrario, esponendo in questo modo
    la popolazione ai gravi rischi connessi con i cibi GM. Ora spetta agli importatori, ai venditori e ai consumatori proteggersi,rifiutando questo e tutti gli altri cibi GM e, inoltre, richiedendo che
    vengano condotti test di sicurezza e ricerche a lungo termine e complete
    in merito alla miriade di possibili problemi che questi cibi possono gia' stare creando nella popolazione".

    Note:

    Jeffrey M. Smith e' l'autore di "L'inganno a tavola - Le bugie delle
    industrie e dei governi sulla sicurezza dei cibi geneticamente
    modificati, prefazione di Vandana Shiva, pagg. 224, 18,00 €, Nuovi Mondi

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)