Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Albania pattumiera d'Italia

    La donazione italiana allo sviluppo Una discarica a Tirana e un mega-inceneritore vicino Durazzo. E' quanto prevede un accordo tra governo italiano e quello di Fatos Nano per smaltire i nostri rifiuti. Le proteste di ambientalisti, intellettuali e stampa albanese. E l'ambasciatore italiano minaccia: se non accettate, non entrerete in Europa
    17 giugno 2004 - Tonino Perna
    Fonte: www.ilmanifesto.it
    17.06.04

    Nel più assoluto silenzio stampa, da un paio di settimane il governo italiano sta lavorando per esportare un po' di rifiuti in territorio albanese. E' noto che in Campania non si sa dove mettere i rifiuti e la Lombardia - dopo le proteste della Lega - non è più disposta a trattarne. In Calabria non si trova un sito per l'inceneritore (eufemisticamente chiamato «termovalorizzatore») dopo che la gente della piana di Gioia Tauro è scesa in piazza - con decine di sindaci e rappresentanti delle associazioni ambientaliste - per impedire il raddoppio del termovalorizzatore di Rosario. Ed ancora: a Pettogallico, alla periferia di Reggio Calabria, da tre mesi va avanti un braccio di ferro tra la giunta regionale calabrese e migliaia di cittadini - in prima fila le donne del posto - che non ne vogliono sapere della scelta di localizzare la discarica della città, sulle sponde di un torrente che accoglie uno degli agrumeti più belli della provincia. Così, nel silenzio, qualcuno ha pensato a trovare una soluzione. Se non riusciamo a trovare in casa chi si vuole prendere i nostri rifiuti proviamoci con i vicini. A partire dai più deboli.

    Alla fine di maggio viene siglato un accordo tra la cooperazione italiana e il governo albanese per l'implementazione di due iniziative. Il primo intervento riguarda un dono del governo italiano di 400.000 euro per il miglioramento/ampliamento della discarica di Sharra (vicino a Tirana). Si tratta di un vecchio sito, che già nel periodo di Enver Hoxha era destinato a discarica per la capitale. Ma, dalla caduta del regime ad oggi Tirana ha triplicato la sua popolazione e, soprattutto, si sono moltiplicati i consumi e le merci usa e getta, e la vecchia discarica non ce la fa più. Non solo: i rifiuti, di qualunque genere, vengono buttati in discarica senza tener conto delle infiltrazioni delle falde acquifere e dei danni conseguenti. Con questo nuovo progetto, almeno sulla carta, si dovrebbero rendere impermeabili i terreni e ridurre i danni ambientali. Ma, quanto verrebbe ampliata la discarica e per quali rifiuti (qualità e provenienza) non è dato sapere.

    Il secondo intervento riguarda Kashar, un'area a nord di Durazzo, dove è prevista la costruzione di un termovalorizzatore della portata di 1000 tn al giorno. L'investimento di 6 milioni di euro viene effettuato con un prestito a tasso agevolato da parte dell'Italia. Beneficiaria un'impresa italiana che, per l'occasione, ha costituito a Tirana la sede sociale di un'impresa, l'Albaniabeg Ambient. Approfondendo i termini dell'accordo si scopre che i rifiuti che il termovalorizzatore di Kashar utilizzerà provengono per il 40% dall'Italia, e l'accordo dura per 25 anni. La cosa più interessante, oserei dire geniale, è che questi «rifiuti» saranno importati dall'Italia come «materie prime per combustione», evitando sia le tasse doganali che vengono pagate in questi casi dal paese esportatore, sia l'allarme della pubblica opinione.

    Tutto sembrava filare liscio e nessuno si aspettava le proteste che stanno scuotendo l'Albania in questi giorni. Diversi intellettuali, tecnici e opinionisti sono intervenuti sulla stampa albanese ponendo pesanti interrogativi su tutta la vicenda. Le associazioni ambientaliste sono scese in piazza insieme a semplici cittadini allarmati dalle notizie apprese e preoccupati per la vicinanza dei siti a centri abitati. In particolare, l'area scelta per il termovalorizzatore a nord di Durazzo è una delle poche aree a vocazione turistica che non sia stata devastata dalla speculazione edilizia di questi anni. I contadini del luogo sono scesi nelle strade a protestare insieme agli operatori turistici. Ma è stato soprattutto il quotidiano Shekulli, uno dei più importanti giornali albanesi, che ha attaccato questo accordo in modo pesante e diretto, rompendo una tradizionale alleanza con il governo socialista di Fatos Nano.

    Secondo alcune indiscrezioni il proprietario di Shekulli è uno dei maggiori imprenditori albanesi che è interessato al business dei rifiuti e il monopolio di un'impresa italiana sull'operazione non è stata molto gradita. Le accuse mosse da Shekulli sembrano sospette, ma sicuramente un tecnico stimato come il professor Sazan Guri e altri intellettuali intervenuti sulla questione non hanno interessi individuali da difendere. Guri, docente all'Università di Tirana, si domanda come mai si costruisce un impianto per bruciare il doppio di quello che l'Albania ha bisogno e allo stesso tempo si va ad un drastico ampliamento della discarica di Sharra. Dove sta il trucco? Perché non costruire un piccolo impianto commisurato ai bisogni del paese? si domanda uno dei responsabili del Ppna, la più importante associazione ambientalista albanese.

    Di fronte a queste critiche all'accordo tra governo albanese e cooperazione italiana, scende in campo il nostro ambasciatore Jannucci. Con un lungo comunicato Jannucci attacca pesantemente la stampa albanese - in particolare Shekulli - ed esterna il suo pensiero «unico» in forma mirabile. «Per entrare in Europa - scrive - non basta non aver più bisogno dei visti, significa accettare la libera concorrenza e lo standard del pensiero europeo. Se gli albanesi vogliono entrare in Europa devono pensare come gli europei». E poi prosegue: «Tutto questo non fa che influenzare negativamente i negoziati per l'integrazione nella Ue, perché con questi atteggiamenti si dà ragione a chi pensa che l'Albania non è ancora pronta e matura per entrare nella grande famiglia europea». Infine, il nostro propone come rimedio di organizzare una pubblicità/progresso (come si fa nei paesi civili) e suggerisce lo slogan: «Chi disinforma tiene anche te lontano dall'Europa . Digli di non farlo!».



    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)