Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Chi ha paura dell'OGM?

    Grande successo negli Usa per "The future of food". Un documentario denuncia sui pericoli delle coltivazioni transgeniche e sul ruolo delle multinazionali biotech
    18 settembre 2004 - Cesare Balbo
    Fonte: www.espressonline.it
    settembre 2004

    . Annunciato come il "Fahrenheit 9/11" del cibo "The future of food", un documentario "anti-OGM", è l'ultimo della nuova ondata dei film "contro" che, pur trattando temi scottanti e 'scomodi', riscuotuono un gran successo di pubblico.
    Diretto, scritto e prodotto dalla filmaker Deborah Koons, terza e ultima moglie di Jerry Garcia l'ex-leader della band di San Francisco Grateful dead scomparso nove anni fa, è un film- intervista ad agricoltori ed esperti che evidenzia in che misura gli alimenti geneticamente modificati stiano minacciando la sicurezza del cibo. Secondo Koons Garcia l'ingegneria genetica, utilizzando tecniche di incrocio e di ricombinazione, ha profondamente minato le coltivazioni tradizionali, selezionate e raffinate dall'uomo in migliaia di anni. "The future of food" è un'esortazione a trattare con cautela quelle biotecnologie che diminuiscono la sicurezza alimentare e a contrastare brevetti o monopoli che rischiano di minare la libertà di scelta del cibo, che non è solo un prodotto commerciale ma è un diritto umano, o almeno dovrebbe esserlo.

    Dalle interviste ad agricoltori ed esperti, che denunciano come la natura rischia di essere brevettata da sei multinazionali biotech, emerge chiaro che il futuro del cibo è tutt'uno con la sovranità e l'autodeterminazione alimentare e con la tutela dei piccoli proprietari terrieri. Il documentario sostiene che la sempre maggiore dipendenza alimentare dalle sei multinazionali che controllano il mercato delle piante transgeniche rischia di mettere a repenataglio il diritto degli agricoltori a proteggere i propri campi e negare ai consumatori una corretta informazione sui processi degli alimenti in commercio.

    L'anti-OGM movie intercetta un sentimento sempre più diffuso negli USA, dove i dsitrubi alimentari sono sempre più diffusi. Non a caso, in giro per i Festivals, "The future of food" sta bissando il successo di "Super size me" di Morgan Spurlock, che per sottolineare nel suo documentario gli effetti di una dieta solo a base di hamburger è ingrassato tanto da mettere in pericolo la propria salute. Se Spurlock sostiene la tesi che quel tipo di dieta è causa della aggravata obesità degli americani , il film della Koons Garcia senza affermare che gli OGM hanno influito sulla salute pubblica, avanza forti dubbi sulla loro sicurezza. E' una lotta impari con i giganti delle multinazionali ma l'arma vincente può anche essere un semplice film con la mission di estendere dappertutto la prima misura OGM-free approvata quest'anno all'inizio di marzo nella California settentrionale. Dove agricoltori e consumatori hanno vinto uniti col 56% dei voti approvando la cosiddetta a "Proposition H" contraria alla diffusione, alla coltivazione e alla crescita di OGM nella contea di Mendocino.

    Note:

    Trailer:http://www.thefutureoffood.com/trailer.htm

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)