Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Cecità ambientale

Il Protocollo di Kyoto arriva in ritardo e contiene disposizioni inadeguate. Anche se fosse davvero applicato, potrebbe solo rallentare, ma non fermare i cambiamenti climatici.
13 dicembre 2004
Patrick Sabatier
Fonte: www.internazionale.it
10/16 dicembre 2004

Il Protocollo di Kyoto entrerà finalmente in vigore nel febbraio del 2005, grazie alla ratifica della Russia: ci sono voluti sette anni.
Ondate di caldo e scioglimenti della calotta polare o dei ghiacciai hanno avuto il tempo di convincere gli scettici che il riscaldamento del pianetà è una realtà, accellerata dalle emissioni nell'atmosfera dei gas responsabili dell'effetto serra, sprigionati dalle attività umane. Sette anni sono anche il tempo che resta per raggiungere gli obiettivi fissati a Kyoto per il 2012, ma sopratutto per definire un piano molto più ambizioso per il futuro e contrastare una minaccia che, per alcuni, viene subito dopo quella del terrorismo. SE ne sta discutendo in quseti giorni a Buenos Aires, alla conferenza dell'Onu sul clima.

Il Protocollo di Kyoto arriva in ritardo e contiene disposizioni inadeguate. Anche se fosse davvero applicato, potrebbe solo rallentare, ma non fermare i cambiamenti climatici. Tuttavia l'iniziativa, benchè tardiva e insufficiente, è meglio di niente.
Sarà un esempio per i paesi in via di sviluppo, soprattutto Cina e India, che vogliono rimontare il distacco imitando le modalità di industrializzazione e il tenore di vita dei paesi avanzati aggravando così i problemi ambientali.

Ecco perchè è gravissimo il rifiuto degli Stati Uniti di sottoscrivee il Protocolo do Kyoto, in base a una concezione arcaica dell' "interesse nazionale". La miopia di Bush deriva da una fede cieca nella tecnologia e dal rifiuto di modificare l'american way of life.
E' vero: solo una rivoluzione tecnologica, e cioè l'abbandono dei combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturale), permetterà di scongiurare le catastrofi climatiche.
Ma serve anche una rivoluzione culturale: politiche di lotta agli sprechi, promozione delle energie rinnovabili e correzione di certi aspetti del nostro stile di vita.
Bisogna convincere gli Stati Uniti che quel che è bene per il pianeta è bene anche per loro. E non viceversa.

Note: Da: "Libération" Francia

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)