Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Il progresso 'necessario' sta distruggendo migliaia di specie viventi e non si vede perché non dovrà far scomparire anche quella umana

    Modello di sviluppo arraffa e divora

    2 gennaio 2005 - Giorgio Bocca
    Fonte: www.espresso.it
    Dicembre 2004

    Milano

    L'ex premier britannico Benjamin Disraeli ha detto: "Nel nome della necessità sono stati compiuti i delitti più inutili ed efferati". Se ne sta compiendo un altro nella Cina del capitalismo-comunista tanto efferato quanto nascosto. Ventimila minatori morti per la riapertura delle vecchie miniere di carbone, necessarie alla grande crescita produttiva. Prima il carbone poi la vita dei minatori, non è stato questo il modello della grande rivoluzione industriale? Le foreste africane del Niger, l'estuario del Mississippi, le coste del Vietnam, le incontaminate terre dell'Alaska.

    Da noi, per via della necessità, si parla del ritorno all'idroelettrico, con prudenza naturalmente, con un migliore sfruttamento degli impianti già esistenti, ma si sa come andrà a finire: nuove dighe, il ritorno al nucleare.
    La necessità giustifica il troppo che giustifica le umane stragi. Nelle due torri di Manhattan distrutte l'11 settembre del 2001 sono scomparse le sedi di 400 società, la sola banca di investimenti Kefee e Bruyette ha perso 56 impiegati. Troppo di tutto, anche di nazioni, di bandiere, di lingue, ma una soltanto che funzioni in tutto il mondo, la lingua dei soldi che parla solo di finanza e di tecniche nel nome della necessità.

    Lo sviluppo 'necessario' procede senza regole. Per trent'anni nell'Italia del nord le grandi opere pubbliche sono state rimandate, nessuno ha capito il perché, forse pesava la stanchezza per la ricostruzione del dopoguerra, forse altri investimenti sembravano preferibili. Ora le grandi opere e la loro necessità sono irresistibili: nella sola Lombardia l'Hub della
    Malpensa l'aeroporto gigante che riempie di rumori e veleni l'intera valle del Ticino, la nuova gigantesca Fiera campionaria che già attende milioni di visitatori cinesi, la nuova Scala, le varianti di valico, l'alta velocità ferroviaria nella totale indifferenza se i grandi numeri saranno compatibili con gli spazi e con gli inquinamenti.

    Del resto una buona parte dei guasti è già stata compiuta, attorno a Milano l'avvelenamento dei terreni ha superato i 30 metri di profondità, il traffico è talmente insopportabile che i sindaci chiedono poteri dittatoriali per risolverlo, ma come è possibile se la circolazione cresce nel milanese di 100 mila auto l'anno?

    Per l'altra legge della necessità che è l'agglomerazione degli impianti e del profitto l'industria chiama industria, il gigantismo altro gigantismo, la nuova Fiera guida lo sviluppo incontenibile dell'ovest Milano: nuove strade per l'aeroporto gigante, nuovi snodi autostradali, nuovo gigantesco scasso del territorio per l'alta velocità ferroviaria, secondo una razionalità demenziale ma a cui non ci si può opporre.

    I tecnici e i costruttori di questo sviluppo convulso sono bravissimi a violare la legge della impenetrabilità dei corpi, ma si disinteressano delle previsioni ambientali o sociali; da tempo è stata abolita la contabilità del dare e dell'avere su quale parte del pubblico sia stato incamerato dal privato e quanto di esso dai privati più ricchi e potenti.

    Solo ora, ma troppo tardi, gli 87 comuni piemontesi e lombardi, a cui la grande Malpensa ha reso difficile a volte impossibile la vita, hanno cominciato a contare i danni e a chiedere di fermarli.

    I cantori dello sviluppo continuo sono ottimisti: tutto va nel migliore dei modi, le macchine intelligenti allargheranno per tutti il tempo libero che a sua volta creerà nuove occupazioni. Lo sviluppo non si cura delle scelte giudiziose, arraffa e divora dove gli conviene, sta distruggendo migliaia di specie viventi e non si vede perché non dovrà far scomparire anche quella umana, così finiremo una buona volta di occuparci della sua, nostra stoltezza.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)