Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Brasile: Temer dichiara guerra alle favelas di Rio
    Il presidente brasiliano ordina l’invio della polizia militare per decreto

    Brasile: Temer dichiara guerra alle favelas di Rio

    Si tratta di una sorta di stato d’assedio non dichiarato
    27 febbraio 2018 - David Lifodi
  • Brasile: contro Lula una condanna già scritta
    12 anni e un mese di reclusione per l’ex presidente brasiliano accusato di aver riscosso una presunta tangente

    Brasile: contro Lula una condanna già scritta

    Per il momento il Partido dos Trabalhadores ha scelto di candidare ugualmente Lula per le presidenziali del prossimo autunno
    31 gennaio 2018 - David Lifodi
  • Manovre militari alla Tripla Frontera
    L’addestramento degli eserciti di Stati Uniti, Brasile, Perù e Colombia guarda minacciosamente verso Caracas

    Manovre militari alla Tripla Frontera

    Il territorio latinoamericano fa gola a molti perché ricco di risorse naturali
    15 novembre 2017 - David Lifodi
  • Brasile: Temer dichiara guerra agli indios
    Il presidente brasiliano riduce i bilanci della Fundação Nacional do Índio per la gioia della bancada ruralista

    Brasile: Temer dichiara guerra agli indios

    Nei primi sei mesi del 2017 le violazioni dei diritti dei popoli indigeni sono ulteriormente cresciute
    4 ottobre 2017 - David Lifodi
Via libera agli Ogm

Il Brasile di Lula cede alla Monsanto

5 marzo 2005 - Luca Fazio
Fonte: www.ilmanifesto.it
4.03.05

Lula A voler essere generosi con il presidente del Brasile Luis Inacio Lula Da Silva, si potrebbe dire che alla fine nulla ha potuto contro lo strapotere di Monsanto e le sue «sorelle» che da dieci anni stanno facendo di tutto per imporre gli organismi geneticamente modificati (ogm) in Brasile (Codetec, Embrapa e Pioneer). E' di ieri notte, infatti, la notizia che il congresso di Brasilia ha approvato la legge sulla biosicurezza che di fatto spalanca le porte agli ogm (352 voti a favore e 60 contrari). Potranno essere coltivati, venduti, stoccati, consumati (con etichetta), importati e esportati. Il presidente Lula non ha ancora firmato la legge, e solo per questo Monsanto non ha ancora voluto commentare quella che sarebbe una delle sue più grandi conquiste: il Brasile è il secondo esportatore mondiale di soia. Una cosa è certa: appena è cominciata a circolare la notizia le azioni della Monsanto hanno cominciato a salire. Si tratta di una sconfitta durissima - destinata a ripercuotersi su tutto il mercato agricolo mondiale - per l'ala ambientalista e di sinistra del governo Lula, la stessa che aveva fatto della battaglia contro gli ogm uno dei tratti costitutivi della «novità Lula» che aveva suscitato tante speranze non solo tra i contadini - e non solo in Brasile. La nuova legge è una mazzata tremenda per il ministro dell'ambiente Marina Silva e per il ministro dello sviluppo agrario Miguel Rossetto, i due rappresentanti del governo che già in passato avevano duramente criticato Lula per il voltafaccia in materia di ogm. Trionfano invece gli interessi economici e «scientifici» rappresentati dal ministro dell'agricoltura Roberto Rodriguez e del ministro della ricerca scientifica Humberto Campos. Per riuscire a ottenere la maggioranza in un Congresso che più volte si era dimostrato contrario agli ogm, grazie a un potente lavoro di lobby, il provvedimento è stato inserito in un unico testo di legge sulla biosicurezza. Un testo che mescola gli ogm e la ricerca sugli embrioni, tema molto sentito e sui cui infatti era prevedibile un vasto consenso.

Nonostante l'opposizione di buona parte della comunità agricola brasiliana, i semi geneticamente modificati da tempo entravano illegalmente negli stati del sud passando dalla vicina Argentina. E, non senza la complicità dei diretti interessati - Monsanto & Co. - venivano mescolati per abbattere i costi. Trattandosi di veri e propri semi di contrabbando, Monsanto si spingeva fino a chiedere sanzioni al governo brasiliano. Un conto salato che ieri è stato abbondantemente pagato con gli interessi, e con ripercussioni disastrose non solo per l'agricoltura brasiliana ma per il mondo intero. In Brasile si semina a ottobre, e dal prossimo raccolto anche per gli europei sarà più difficile acquistare sementi ogm-free.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)