Dichiarazione Berlino: Cappato e Pannella chiedono un referendum europeo

• Dichiarazione di Marco Cappato e Marco Pannella, Deputati europei radicali
del Gruppo dell'Alleanza dei liberali e Democratici Europei.

La celebrazione del cinquantenario dei Trattati deve essere l'occasione non
certo per dispiegare l'ennesima prova di retorica europeista - alla quale si
accompagna immancabilmente un rafforzamento dei connotati nazionali e
burocratici dell'Unione - ma per riprendere l'iniziativa verso l'Europa
politica, federalista e democratica. Come radicali al Parlamento europeo non
solo riteniamo urgente che l'Unione si apra all'altra sponda del
Mediterraneo, ma proponiamo una misura concreta di partecipazione diretta
dei cittadini alla vita istituzionale europea.

Abbiamo infatti iniziato oggi la raccolta firme di Parlamentari europei su
una dichiarazione scritta che chiede:

"che le future proposte di riforma dei Trattati dell'Unione europea siano
innanzitutto sottoposte alla votazione dei cittadini tramite un "referendum
europeo", cioè a suffragio universale diretto, al quale siano chiamati
contemporaneamente tutti i cittadini europei"

5 primi firmatari

Marco Cappato, Gérard Onesta, Riccardo Ventre, Józef Pinior e Marco Pannella

Testo della dichiarazione scritta

0028/2007

Dichiarazione scritta sul referendum europeo

Il Parlamento europeo,

– visto l'articolo 116 del suo regolamento,

– vista la risoluzione del Parlamento europeo sul periodo di riflessione:
struttura, temi e contesto per una valutazione del dibattito sull'Unione
europea,

A. considerando l'importanza delle scelte di fondo dell'Unione europea per
tutti i suoi cittadini,

B. ritiene che le decisioni sulle riforme dell'Unione devono implicare
direttamente "il popolo europeo" in quanto tale,

1. chiede che le future proposte di riforma dei Trattati dell'Unione europea
siano innanzitutto sottoposte alla votazione dei cittadini tramite un
"referendum europeo", cioè a suffragio universale diretto, al quale siano
chiamati contemporaneamente tutti i cittadini europei;

2. invita la Conferenza dei Presidenti a consultare la commissione per gli
affari costituzionali al fine di esaminare la questione;

3. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente dichiarazione, con
l'indicazione dei nomi dei firmatari, ai parlamenti degli Stati membri, alla
Commissione europea e al Consiglio.

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)