Elezioni europee del 6-7 giugno 2009

Un errore (casuale?) negli spot sulle elezioni europee

Come cancellare quindici anni di cittadinanza europea
25 maggio 2009

cittadinanza europea Grazie agli spot che appaiono quotidianamente sulle principali reti televisive sappiamo come si vota alle prossime elezioni europee. Non possiamo tuttavia non rilevare con sconcerto un errore fattuale contenuto nei medesimi spot, che cioè “possono votare i cittadini italiani che hanno compiuto i 18 anni”.

Com’è noto, in virtù del Trattato di Maastricht tutti i cittadini comunitari hanno diritto di voto, attivo e passivo, nelle elezioni europee (e amministrative) nel paese in cui sono residenti, anche se cittadini di un altro stato (se vengono naturalmente seguite determinate procedure per l’inserimento nelle liste elettorali). Lo dice anche un documento dello stesso Ministero dell’Interno (http://www.mamma.am/mamma/docs/199.pdf), dove si aggiunge esplicitamente che “il principio che sottende la direttiva e' quello della ‘cittadinanza dell'Unione’, in un’ottica di integrazione europea”. I cittadini di altri paesi dell’UE non solo possono votare in Italia ma addirittura essere candidati.

Perché quest’“ottica di integrazione europea” viene a mancare completamente negli spot televisivi promossi dal governo? Perché si tace di una conquista fondamentale degli ultimi anni quale la cittadinanza dell’Unione? L’Europa fa paura?

Pia Locatelli, parlamentare europea PSE, candidata al Parlamento Europeo per Sinistra e Libertà, circoscrizione Nord-Ovest
Piero Graglia, candidato al Parlamento Europeo per il Partito Democratico, circoscrizione Nord-Ovest
Felice Besostri, candidato alla Provincia di Milano per la lista Sinistra per la Provincia di Milano
Maria Agata Cappiello
Piergiorgio Grossi, segretario della sezione di Genova del Movimento Federalista Europeo
Francesca Lacaita
Marisa Pattera, Movimento Federalista Europeo
Cristina Ronzitti
Nicola Vallinoto, Movimento Federalista Europeo

Articoli correlati

  • Con Mimì Lucano per una nuova umanità
    Pace
    Appello . Una proposta unitaria per le elezioni europee

    Con Mimì Lucano per una nuova umanità

    In Europa hanno clamorosamente fallito le terapie di austerità, ma appaiono pericolose le derive sovraniste e nazionaliste, che sconfinano nel fascismo e nel razzismo
    15 gennaio 2019
  • Europace

    Per una sinistra unita, plurale ed eurofederalista

    Praticare la democrazia e la partecipazione a tutti i livelli
    14 giugno 2014
  • Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra federalismo e nazionalismo (2a puntata)
    Europace
    Il M5S e l'Europa

    Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra federalismo e nazionalismo (2a puntata)

    La redazione Europace di Peacelink sta seguendo da diverso tempo l'evoluzione del pensiero pentastellato sull'Europa. Dal referendum sull'Euro all'intervista a Nigel Farage. In questo articolo intervistiamo Antonio Longo, direzione nazionale del Movimento Federalista Europeo, sulla recente scelta di partecipare alle elezioni europee.
    20 ottobre 2013 - Nicola Vallinoto
  • Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra nazionalismo e federalismo
    Europace

    Il M5S verso le elezioni europee in bilico tra nazionalismo e federalismo

    PeaceLink intervista Michele Ballerin, militante eurofederalista e saggista, che ha recentemente pubblicato l’e-book 'Gli Stati Uniti d’Europa spiegati a tutti'. Si tratta di una reazione alla video intervista a Nigel Farage, leader dell’UK Indipendence Party e co-presidente dell’ELD (gruppo europeo della libertà e della democrazia), pubblicata sul blog di Beppe Grillo.
    8 agosto 2013 - Nicola Vallinoto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)