Rappresentanza all'Onu

24 settembre 2004
Fonte: Il Manifesto - 24 settembre 2004

Il 21 settembre primo giorno dell'Assemblea Generale dell'Onu a New York
si è tenuto a battesimo l'asse Tokyo-Berlino-Brasilia-Delhi: Giappone, Germania,
Brasile e India hanno infatti saldato un'alleanza strategica per entrare
nel Consiglio di Sicurezza come membri permanenti.

L'offensiva è stata decisa nel corso di un vertice a quattro tra il premier
giapponese Junichiro Koizumi, il ministro degli esteri tedesco Joschka Fischer,
il presidente brasiliano Ignacio Lula da Silva e il primo ministro indiano
Manmohan Singh. I quattro leader hanno espresso la «convinzione condivisa
di rappresentare candidati legittimi a un seggio permanente in un Consiglio
di Sicurezza allargato».

Sia Lula che Fischer, se fossero realmente progressisti, dovrebbero, invece,
sostenere legittimamente la candidatura di un seggio permanente per l'area
geografica che rappresentano. Lula per il Sudamerica, e in particolare per
il Mercosur, e Fischer per l'Europa, e in particolare per l'Unione europea.

In questo modo si darebbe il via a una riforma democratica del Consiglio
di Sicurezza dell'ONU non più basata su interessi nazionali e maggiormente
rappresentativa di tutti i popoli del mondo.

Articoli correlati

  • Taranto deve salvare i suoi bambini
    Ecologia

    Taranto deve salvare i suoi bambini

    Una Fiaccolata per ricordare i bambini vittime d'inquinamento industriale
    25 febbraio 2019 - Lidia Giannotti
  • Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?
    Latina
    A seguito della condanna dell'ex presidente confermata dal Tse il suo posto potrebbe essere preso dall'ex sindaco di San Paolo

    Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?

    Bolsonaro e Alckmin saranno i principali candidati delle destre nelle presidenziali del 7 ottobre
    3 settembre 2018 - David Lifodi
  • Presidenziali Brasile: un fronte comune contro Jair Bolsonaro
    Latina
    La persecuzione giudiziaria contro Lula potrebbe spalancare le porte del Planalto ad uno dei politici più retrogradi del paese dal ritorno della democrazia

    Presidenziali Brasile: un fronte comune contro Jair Bolsonaro

    I sondaggi indicano Lula come favorito, ma a meno che la Corte suprema non gli permetta di candidarsi alle elezioni di ottobre resterà in carcere
    4 agosto 2018 - David Lifodi
  • Mobilitiamoci per ICAN
    Pace
    Appello alla mobilitazione generale

    Mobilitiamoci per ICAN

    per portare il nostro paese e l'Europa intera, all'adesione al Trattato di interdizione di ogni ordigno nucleare approvato dall'ONU nel luglio 2017
    28 luglio 2018 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)