PRESENTAZIONE DEL LIBRO: LO STATO E LA GUERRA DI EKKEHART KRIPPENDORFF

TARCENTO, GIOVEDÌ 29 GENNAIO 2009, ore 20.30 - Lo Stato e la guerra di Ekkehart Krippendorff, uno dei maggiori esperti mondiali di Peace Studies, è un libro pubblicato in originale tedesco nel 1985. Il libro espone con brillantezza e ricchezza di dati come lo Stato in quanto istituzione e l'apparato militare siano storicamente legati in modo strettissimo, ma nefasto per il benessere dei cittadini. Nonostante siano passati più di 20 anni dalla sua pubblicazione, la tesi del libro mantiene la sua attualità assoluta.
25 gennaio 2009
Francesco Pistolato

LO STATO E LA GUERRA L’insensatezza delle politiche di potenza a cura di F. Pistolato

TARCENTO, GIOVEDÌ 29 GENNAIO 2009, ore 20.30
Nella Villa De Rubeis Florit, via Sottoriviera, 1 a Tarcento (UD), in collaborazione con il CICT, Centro Iniziative Culturali di Tarcento, il prof. Fulvio Salimbeni, Direttore del Centro interdipartimentale di Ricerca sulla Pace IRENE, presenterà:
Lo Stato e la guerra.
L’insensatezza delle politiche di potenza
di Ekkehart Krippendorff
Gandhi Edizioni, Pisa 2009
Sarà presente il traduttore, Francesco Pistolato.
Lo Stato e la guerra di Ekkehart Krippendorff, uno dei maggiori esperti mondiali di Peace Studies, è un libro pubblicato in originale tedesco nel 1985 per la Suhrkamp e viene ora proposto per la prima volta in traduzione in una lingua straniera dal Centro interdipartimentale di Ricerca sulla Pace IRENE dell'Università di Udine per i tipi della Gandhi Edizioni di Pisa.
Il libro espone con brillantezza e ricchezza di dati come lo Stato in quanto istituzione e l'apparato militare siano storicamente legati in modo strettissimo, ma nefasto per il benessere dei cittadini. L'analisi dell'Autore mostra poi che la politica di potenza è configurabile come una patologia e la ragion di Stato costituisce un'insensatezza cronica.
Nonostante siano passati più di 20 anni dalla sua pubblicazione, la tesi del libro mantiene la sua attualità assoluta. Le frequenti citazioni dalla letteratura mondiale di diverse epoche arricchiscono e conferiscono efficacia all’esposizione, sempre molto stringente. L'atemporalità della tesi non intende escludere che l'uomo possa dare un'impostazione diversa alla propria vita collettiva, anzi questo è l'invito che esplicitamente l'Autore formula nell'introduzione all'opera, suo autentico testamento spirituale.
IRENE intende compiere uno sforzo considerevole per promuovere la conoscenza di quest’opera fondamentale. La presentazione di Lo Stato e la guerra a Tarcento è la prima di una lunga serie. Verrà tempestivamente data comunicazione delle successive.
Il volume può essere prenotato con una mail a: irene@uniud.it

Articoli correlati

  • Massimo Sani: la Storia in Televisione 
    Cultura
    Recensione

    Massimo Sani: la Storia in Televisione 

    Quaderno n. 9 della serie «Inquadrature» a cura di Paolo Micalizzi. Comune di Ferrara - Servizio Manifestazioni Culturali e Turismo. Con il patrocinio del Comune di Ferrara: città patrimonio dell’umanità. Pubblicazione a cura della casa editrice Este Edition, aprile 2019
    16 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi
    Storia della Pace
    Oggi ricorre l'anniversario della repressione del 4 giugno 1989

    Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi

    Gli eroi nella fotografia del carro armato sono due: il personaggio sconosciuto che rischiò la sua vita piazzandosi davanti al carro armato e il pilota che si rifiutò di falciare il suo compatriota, fermando l'intera colonna
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick
    Pace
    Suscitò l'ira di Trump

    Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick

    Trump disse: "Sarebbe bellissimo vedere i proprietari delle squadre dire: portate quel figlio di puttana fuori dal campo, fuori, è licenziato". In questi giorni quel gesto è stato replicato da alcuni poliziotti e da vari giocatori di calcio
    3 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta
    Pace
    Se vogliamo difendere la Repubblica

    Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta

    I simboli della "difesa della Patria" oggi sono le mascherine, i guanti, il disinfettante; simboli di tutela della vita, della salute dei piu' deboli e fragili. Gli strumenti militari, invece, cacciabombardieri, blindati e corazzate non sono serviti a fermare il virus, non ci hanno difeso.
    2 giugno 2020 - Mao Valpiana
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)