Genova

Memoria

Siamo tutti coinvolti

20 luglio 2006
Loris Campetti
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«Entriamo in una galleria e contemporaneamente nel gioco attraverso cui il mondo si diverte a sorprendere. Ti inzuppa gli occhi di buio e poi alza il fazzoletto all'improvviso, regalandoti il mare». In treno a Genova, cinque anni dopo. Il viaggio nel tunnel è raccontato da Simona Orlando, autrice dell'ultimo libro su quel maledetto 20 luglio del 2001 segnato, come la vita di Carlo Giuliani e un po' la nostra, dall'arroganza degli otto padroni del mondo e dalla cieca violenza delle loro truppe scelte. Anzi, le truppe scelte erano le nostre - si fa per dire. Come era nostro quel Giancarlo Fini che guidava le fila del più grave attacco eversivo alla democrazia italiana del dopoguerra: l'unico raffronto che i più anziani riescono a fare è con il '60, ancora Genova, poi Reggio Emilia, poi l'Italia intera. «Anche se voi vi credete assolti» è il titolo del libro, Aliberti editore (15 euro). Consigliamo di leggerlo durante un viaggio sul treno diretto a Genova. Canticchiare sottovoce le parole di Fabrizio De André da cui è tratto il titolo del libro («siete lo stesso coinvolti») vi aiuterà a sopportare la lettura, cioè il ricordo.
Genova è un passaggio non alienabile dalla vita di molti. Un incubo. Sospensione della democrazia, si è detto e scritto. Ma anche uscita dall'innocenza per intere generazioni giovani, per quelle più adulte il violento precipitare nel passato. Per tutti la paura del futuro. A chi, tra i «reduci» di quel G8, non è capitato di svegliarsi di soprassalto con gli occhi pieni di fumo dei lacrimogeni, le immagini di piazza Alimonda, di piazzale Kennedy, la Diaz, Bolzaneto? Qualcuno, nella notte successiva a quella dell'uccisione di Carlo, quando da una scuola imbrattata dal nostro sangue uscivano in barella ragazzi e ragazze massacrati di botte, ci tirava per la giacca mentre urlavamo di rabbia, e ci diceva: «Ma quello è un compagno». Il riferimento era a un funzionario del capo della polizia De Gennaro che ci raccontava menzogne su quel che stavano facendo. Insieme all'innocenza, a Genova abbiamo perso la capacità di distinguere la destra dalla sinistra.
Dice Heidi, la mamma di Carlo all'autrice del libro, che chi non era a Genova in quei giorni sarà sempre bene accolto. Ha ragione, perché cinque anni fa è cominciata una nuova storia, in tanti si sono sentiti coinvolti, anche chi non c'era ha contribuito a disinnescare nei giorni e nei mesi successivi al G8 la bomba contro la democrazia messa dal governo Berlusconi, attraverso il lavoro sporco di dirigenti e funzionari in quota alla sinistra. Dopo Genova le piazze hanno cominciato a riempirsi di uomini e donne di tutte le età, un altro mondo è diventato possibile per una moltitudine. Contro il liberismo, contro la guerra. Come nel '60 la democrazia - o il suo simulacro? - era salva.
Genova è la rappresentazione vivente della separatezza tra società reale e società politica. La sua memoria non è condivisa. Le vittime di Genova devono sopportare oggi la stessa violenza di 5 anni fa, constatando che i carnefici sono rimasti al loro posto, o hanno fatto carriera. Se il cambiamento della politica non sa o non vuole garantire neppure verità e giustizia, non si può chiamare cambiamento ma continuità. E in continuità con quei giorni di 5 anni fa, Piazza Alimonda non può chiamarsi «piazza Carlo Giuliani». Solo per noi - ma siamo tanti - si chiama e si chiamerà sempre così.

Articoli correlati

  • Critical Mass attaccata dalla polizia
    Consumo Critico
    Commento di Giulietta Pagliaccio, presidente di FIAB-Federazione Italiana Amici della Bicicletta

    Critical Mass attaccata dalla polizia

    A Torino una manifestazione pacifica per la mobilità sostenibile viene attaccata dalla polizia
    24 marzo 2019 - Linda Maggiori
  • Reato di tortura: i risvolti di una legge
    Pace
    Approvata la legge sulla tortura

    Reato di tortura: i risvolti di una legge

    Gran parte degli atti commessi alla scuola Diaz, se giudicati in base alla nuova legge, non sarebbero qualificabili come torture
    20 luglio 2017 - Laura Tussi e Vittorio Agnoletto
  • Genova

    G8 Genova, 15 anni fa le violenze e la morte di Carlo Giuliani

    19 luglio 2016 - Chiara Carenini
  • Genova
    Attesa il prossimo 5 luglio la sentenza della Cassazione per uno dei più inquietanti fatti avvenuti durante il G8 di Genova del 2001

    Pestaggio nella scuola Diaz, attesa la sentenza finale

    La magistratura parla di quel pestaggio come un fatto di "inusitata violenza, pur in assenza di reali gesti di resistenza", nei confronti delle persone presenti per trascorrere la notte nella scuola. Amnesty International considera quelle violenze "la più grande sospensione dei diritti democratici, in un paese occidentale, dalla fine della seconda guerra mondiale"
    12 giugno 2012 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)