Kimbau

Il lungo tragitto verso la riconciliazione e la democrazia

Lottiamo insieme agli oppressi per la costruzione della pace in Congo

Occorre per tutti noi impegnati nella difesa dei diritti degli ultimi, saper perseverare, con una speranza coraggiosa e ferma, senza cedere ai ricatti dei piccoli potenti prepotenti che già hanno ricevuto la loro ricompensa grazie al sopruso
Chiara Castellani
Fonte: Avvenire, 18 Luglio 2006

Come è difficile riuscire a dar senso alla croce nella tragedia senza fine vissuta dal popolo congolese e dai suoi pastori disposti a condividerla.
La Repubblica Democratica del Congo. E' la nazione dove opera Chiara Castellani, come medico volontario


E come è facile quindi cadere in tentazione, quando la realtà è angoscia come nell’orto degli olivi.

Di fronte a queste tentazioni storiche in un momento cruciale per il futuro del Paese, la Chiesa congolese ha oggi bisogno di nuovi slanci per continuare, come prima e più di prima, a giocare il suo ruolo profetico. I vescovi e in genere i pastori in Congo in questo momento hanno un ruolo chiave di guida spirituale nell’edificare il futuro del Congo e nel guidare un popolo che ha vissuto momenti di sbando nel suo cammino verso la pace e verso la democrazia. E che oggi si prepara a vivere degli avvenimenti di importanza cruciale per l’avvenire non solo del Congo ma di tutta l’Africa.

Insisto: oggi più che mai qui in Congo, in questo clima in cui gli ultimi sono sempre più ridotti a vittime è facile cedere, cadere nella tentazione di fuggire al proprio impegno in favore degli oppressi per la giustizia sociale. La bandiera arcobaleno è un simbolo che compare anche in Africa

Lo dico anche per me, che mi dichiaro in Italia missionaria da avamposti e che sono ufficialmente al servizio degli ultimi: di fronte alle pressioni dei piccoli potenti prepotenti che già hanno ricevuto la loro ricompensa grazie al sopruso, come è forte anche per me la tentazione, per quieto vivere (o forse solamente per sopravvivere?) di venire meno al mio impegno di camminare a fianco degli ultimi che sono le vittime di sempre. A chi piace giocare il ruolo di vittima? Non è molto più gratificante il ruolo del vincitore, o magari quello dell’eroe? Occorre invece per tutti noi impegnati nella difesa dei diritti degli ultimi, saper perseverare, con una speranza coraggiosa e ferma davanti alla tentazione di accontentare chi già possiede, anche a costo di divenire noi stessi bersaglio dei suoi ricatti. Senza però cedere ai suoi ricatti, perché sarebbe venir meno alla dignità di figli di Dio a cui siamo chiamati.

Ci occorre in questo momento una grande fermezza di fronte alle pretese di chi già possiede a sufficienza di che vivere e non ha preoccupazioni economiche. Non dobbiamo cedere, non ne abbiamo il diritto, perché la costruzione della pace del Congo dovrà essere figlia della giustizia distributiva e non solo della riconciliazione delle fazioni in lotta.

Articoli correlati

  • Se il mondo va in guerra
    Cultura
    Poesia

    Se il mondo va in guerra

    Se il mondo va in guerra / voglio solo dirti che ti amo, / che l'amore non basta / in questa terra di fiori e di roghi,/ che dovrebbe esserci / la tua bellezza in ogni angolo
    26 febbraio 2022 - Dale Zaccaria
  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)