Kimbau

L'uccisione in Congo dell'ambasciatore italiano Luca Attanasio

"Voglio che il mondo sappia il bene che ha fatto, la memoria è sacra"

La dottoressa Chiara Castellani, missionaria laica nella Repubblica Democratica del Congo, lo ricorda assieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all'autista
23 febbraio 2021
Redazione PeaceLink

Luca Attanasio, ambasciatore italiano ucciso in Congo "E' morto un giusto mentre distribuiva degli aiuti umanitari. La sua morte chiede che si faccia finalmente giustizia dei 5 milioni di morti in 20 anni nell'Est del Congo".

Così la dottoressa Chiara Castellani ricorda l'ambasciatore Luca Attanasio.

Ci ha scritto Chiara Castellani esprimendo tutto il suo dolore per l'uccisione dell'ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio, assieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all'autista locale.

Una persona molto buona e semplice.

Ecco quello che scrive Chiara Castellani dal Congo: "Voglio che il mondo sappia il bene che ha fatto, la memoria è sacra".

Luca Attanasio con Chiara Castellani

E poi ci dice: "Ho sotto gli occhi le sue foto. Non riesco a mandarvele tramite Internet. Ce n'è una con lui che è nel nostro ospedale e cammina insieme a noi. La persona più semplice e alla mano di questa terra". A sinistra Chiara Castellani, a destra l'ambasciatore Luca Attanasio

Articoli correlati

  • "Luca Attanasio non è morto invano"
    Kimbau
    Testimonianza di Chiara Castellani per Luca Attanasio

    "Luca Attanasio non è morto invano"

    La dottoressa Chiara Castellani, medico missionario nella Repubblica democratica del Congo parla dell’ambasciatore Luca Attanasio di cui era amica
    27 marzo 2021 - Umberto Rondi
  • Chiara Castellani racconta Luca Attanasio
    Kimbau
    Voci dal Congo

    Chiara Castellani racconta Luca Attanasio

    Luca era dalla nostra parte: documentava, fotografava, denunciava. Come si può fermare tutta questa mostruosità? Smettendo di vendere le armi, anzi smettendo di scambiare armi con minerali preziosi.
    1 marzo 2021 - Laura Tussi
  • Ambasciatore italiano ucciso in Congo: a Taranto le sue radici familiari
    Taranto Sociale
    L'assassinio di Luca Attanasio

    Ambasciatore italiano ucciso in Congo: a Taranto le sue radici familiari

    Il papà di Luca, Salvatore Attanasio, è tarantino. Si è diplomato all’istituto tecnico Righi, a Taranto, e poi è andato a Milano per iscriversi ad Ingegneria e laurearsi. Lì si è anche sposato e Luca è nato a Limbiate.
    23 febbraio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"
    Kimbau
    Intervista sulla solidarietà al tempo della pandemia

    Chiara Castellani: "Pensare al proprio prossimo"

    "O si entra in questa dimensione di voler pensare agli altri e ciascuno di noi entra in questa prospettiva anche di globalizzazione della solidarietà con gli altri, o non riusciremo a salvarci tutti assieme, in questo dovremmo imparare anche dall’Africa".
    22 settembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)