Latina

Manifestazioni contro il terrorista Posada

diverse organizzazioni hanno realizzato una manifestazione a New York per esigere l'arresto e l' estradizione del terrorista Luis Posada Carrile, per essere giudicato in Venezuela per l'abbattimento di un aereo civile cubanoi nel 1976 di fronte alle coste delle Barbados, causando la morte di 73 persone. LO stesso terrorista è accusato di atti terrotistici a l'Avana che causarono anche la morte di un cittadino italiano
18 maggio 2005
Fonte: adital, PL - Il Mattino

Adital,PL- Diversas organizaciones realizan hoy una marcha para exigir el arresto y extradición del terrorista Luis Posada Carriles para que sea juzgado en Venezuela por la voladura de un avión civil cubano en 1976 frente a las costas de Barbados que causó la muerte de 73 personas. Exigirá también el fin a los ataques patrocinados por el gobierno de Estados Unidos contra Cuba.
La marcha de este martes, que se realizará en Nueva York, estará patrocinada por el Centro de Acción Internacional, el Comité Free The Five de Nueva York, Mujeres Radicales, ProLibertad y Pastores por la Paz, entre otros grupos.
Esta manifestación en la misma ciudad que fue víctima en el 2001 del atentado contra las Torres Gemelas, coincide con otro que se efectuará con igual propósito en La Habana, Cuba, y en la cual se prevé la participación de más de un millón de personas.Posada Carriles también estuvo involucrado en el intento de asesinato del presidente cubano, Fidel Castro, durante la celebración de la X Cumbre Iberoamericana, celebrada en Panamá, en el año 2000.
El plan del magnicidio, en el cual intervinieron Gaspar Jiménez, Guillermo Novo y Pedro Remón, consistía en detonar nueve kilogramos de explosivo C-4 en el paraninfo de la Universidad de Panamá, donde hablaría el líder cubano.
Los cuatro resultaron encarcelados, condenados y posteriormente indultados por la ex presidenta panameña Mireya Moscoso, quien se confabuló con la ultraderecha cubano-americana de Miami e importantes funcionarios del gobierno estadounidense.
Familiares de las víctimas del atentado contra el avión de Cubana, académicos y líderes de organizaciones sociales llamaron la pasada semana a la Administración republicana a extraditar a Posada Carriles durante una conferencia de prensa en Washington, y en la que Wayne Smith, quien dirigió la Sección de Intereses de Estados Unidos en La Habana de 1979 a 1982, preguntó cómo "si estamos librando una guerra brutal contra el terrorismo se puede amparar a Posada y mantener siquiera una pizca de credibilidad".
El ex funcionario en La Habana expresó que la familia Bush tiene antecedentes de proteger a sujetos como Posada y Orlando Bosch, otro de los responsables el estallido del avión en Barbados, y consideró como única opción para Estados Unidos expulsar a Posada Carriles

da Il Mattino
la manifestazione a L'Avana


Agenti dell'immigrazione del governo americano hanno arrestato ieri a Miami l'esule cubano Luis Posada Carriles, poche ore dopo che a L'Avana Fidel Castro aveva guidato una gigantesca marcia «contro il terrorismo», accusando gli Usa di dare protezione all'uomo ritenuto responsabile di un attentato contro un aereo cubano. Posada Carriles, hanno reso noto portavoce dell'Immigrazione, è detenuto «in attesa di una valutazione del suo status di immigrato». L'uomo, un ex agente della Cia ed ex membro dei servizi di sicurezza venezuelani, stava cercando in questi giorni asilo politico negli Stati Uniti. Il Venezuela ha chiesto all'amministrazione Bush di estradarlo, per poterlo processare per l'attentato del 1976 all'aereo cubano, che provocò 73 morti. Posada Carriles era stato arrestato a Panama per il tentato omicidio di Castro, ma lo scorso anno è stato scarcerato, tra le proteste dell'Avana. A Cuba, è ritenuto il responsabile anche di una serie di attentati contro strutture turistiche che nel 1997 provocarono, tra l'altro, la morte di un turista italiano, Fabio Di Celmo. E ieri, all’Avana, il presidente cubano Fidel Castro ha guidato una gigantesca marcia «contro il terrorismo» davanti alla sezione d'interessi statunitense. In piazza almeno un milione di persone. «Esigiamo il castigo per gli assassini che si trovano negli Stati Uniti, vogliamo giustizia», ha detto Castro, il quale ha aggiunto che se il governo di Washington «non cesserà l'appoggio» a Posada Carriles, «Cuba mobiliterà l'opinione pubblica mondiale». Posada Carriles ha oggi 77 anni. Personaggio legato alla Cia, nel 1978 confessò di essere l'autore dell'attentato del 1976 contro un aereo della Cubana de Aviacion che causò la morte delle 73 persone che si trovavano a bordo. È stato condannato in Venezuela per l'attentato ma è riuscito ad evadere nel 1985, dopo otto anni di carcere, grazie all'aiuto di Jorge Canosa, allora presidente di una organizzazione anticastrista finanziata dagli Usa.


Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)