Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Venezuela bolivariano non arretra
    Maduro confermato presidente grazie ad una base chavista ancora solida

    Il Venezuela bolivariano non arretra

    Il boicottaggio elettorale di gran parte dell'opposizione non ha pagato
    23 maggio 2018 - David Lifodi
  • Chávez presente!
    Alcune riflessioni sulle elezioni del 20 maggio in Venezuela a partire dal libro del professor Luciano Vasapollo dedicato alla rivoluzione bolivariana

    Chávez presente!

    Edizioni Efesto, 2018
    16 maggio 2018 - David Lifodi
  • Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro
    In vista delle presidenziali del 20 maggio si moltiplicano i tentativi per costringere il presidente bolivariano alla salida

    Venezuela: quattro sfidanti contro Maduro

    Si teme di nuovo un intervento militare contro Caracas mascherato da ragioni umanitarie
    7 maggio 2018 - David Lifodi
  • Una buona notizia
    Raccontala ai parlamentari che conoscete e chi sa che non si formi una maggioranza capace di far decidere il futuro governo a “disubbidire” agli ordini dell’imperatore americano

    Una buona notizia

    Un altro paese, il Venezuela, ha depositato alle Nazioni Unite lo strumento di ratifica del Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari che vieta la produzione, il possesso, la presenza al proprio interno e il transito nel territorio di armi nucleari.
    31 marzo 2018 - Giorgio Nebbia

Venezuela: Bush-Chavez, ora è guerra elettronica

La Camera Usa approva una radio-tv per portare in Venezuela un'informazione «obiettiva e completa». E' la risposta «imperialista» a Telesur, in onda dal 24 luglio. Ma non solo
24 luglio 2005 - Maurizio Matteuzzi
Fonte: Il Manifesto

Gli Stati uniti di Bush non danno tregua al Venezuela di Chavez (che si avvia sempre più a diventare un Fidel ma con un mare di petrolio). Senza vergogna e anche con una notevole dose di stupidità. L'ultimo capitolo - anzi il più recente perchè di certo non sarà l'ultimo - della guerra fra Washington e Caracas è l'annuncio, martedì, dell'approvazione da parte della Camera dei reappresentanti Usa di un emendamento che autorizza l'amministrazione «a inziare trasmissioni radio-televisive che garantiranno una fonte altamente accurata, obiettiva e completa di notizie al Venezuela», per mezz'ora al giorno. Insomma un'altra radio e tv «Martì», quella fonte «accurata e obiettiva» di notizie con cui da anni gli Usa cercano invano di svegliare i cubani dal torpore e dalle menzogne del castrismo per indicargli la retta via della democrazia e della libertà. A proporre l'emendamento alla legge che finanzia tramissioni radio-televisive finanziate dal governo nord-americano è stato il repubblicano della Florida Connie Mack, sostenuto da altri congressisti che devono il loro seggio all'esilio anti-castrista di Miami, come l'assatanata Ileana Ros-Lehtinen (che ha già annunciato ulteriori iniziative). «Questa è la strada giusta - ha detto l'on. Mack - perché Chavez è chiaramente un'influenza negativa sull'emisfero e così noi mandiamo a dire a lui e ai suoi accoliti che lo teniamo d'occhio».

La «Martì» venezuelana nelle intenzioni dovrebbe contrapporsi a Telesur, la emittente televisiva voluta da Chavez che comincerà a trasmettere il suo segnale domenica 24 luglio, il giorno della nascita del libertador Simon Bilivar. A Telesur, che vuole essere una sorta di Cnn dell'America latina, partecipano diversi paesi del Cono sud: il Venezuela per il 51%, l'Argentina di Kirchner per il 20%, Cuba per il 19% e l'Uruguay di Tabaré Vazquez per il 10%. Ma anche il Brasile di Lula partecipa all'impresa di avere una informazione «alternativa» a quella che viene dal nord. La sua sede centrale sarà a Caracas e ha aperto redazioni a Buenos Aires, Brasilia, Montevideo, l'Avana, Città del Messico e Bogotà. Dovrebbe essere ascoltata e vista in tutta l'America latina e anche nel sud degli Stati uniti dove ormai la comunità ispano-parlante è maggioritaria. Ciò che renderà più complicato stopparla con le (prevedibili) interferenze.

Chi ha invece assicurato che riuscirà a rendere inascoltabile e invisibile la «Martì» venezuelana è stato Chavez. Mercoledì, il giorno dopo l'emendamento (che dovrà ora passare al senato Usa), è apparso sulla Venezolana de Television, l'unico canale statale (gli altri sono tutti privati e ferocemente anti-chavisti), per dire che se i gringos voglio «la guerra elettronica», lui è pronto e la «nuova «aggressione al Venezuela» non passerà. «Se Fidel è riuscito a neutralizzare il segnale di Radio Martì, noi faremo altrettanto». Chavez è stato come al solito torrenziale: «E' finito il tempo in cui ce ne stavamo zitti e buoni e porgevamo l'altra guancia come diceva Gesù Cristo... Risponderemo e la risposta sarà durissima... Ci sarà una guerra elettronica e se ne pentiranno perché la loro aggressione genererà nuova cosciena in America latina»... il Venezuela «non è isolato» mentre «il gigante imperialista sta entrando nella disperazione».

L'iniziativa del Congresso Usa, su cui non si è ancora espressa la Casa bianca (anche se non c'è motivo di dbitare che l'approvi), oltre che l'ennesima prova di arroganza neo-coloniale è anche stupida. Primo perché anche in Venezuela la radio-tv «obiettiva e completa» (che, sullesempio di Radio Martì dovrebbe chiamarsi Radio Bolivar) c'è già, ascoltabilissima, ed è la Voz de America di cui sarà un (costoso) duplicato. Poi perché la (chimiamola) Radio Bolivar andrebbe a fare una concorrenza involontaria ai media radiotelevisivi locali che sono tutti tranne uno in mano all'opposizione.

In Venezuela, con i tradizionali partiti d'opposizione ormai allo sbando, l'opposizione in questi anni è stata incarnata dai giornali, dalle radio e dalle televisioni private, che si sono spinti oltre ogni limite di decenza. Per cui è molto difficile sostenere che in Venezuela «non esiste liberta di stampa» anche se è vero che la maggioranza chavista del Congresso ha approvato una nuova legge che dà al governo ampi poteri di intervento.

Quello che Bush e il Congresso Usa non possono sopportare di Chavez sono gli stretti legami con Cuba, le sue alleanze con paesi come Cina e Iran, i progetti d'integrazione dell'America latina (e d'opposizione all'Alca). La Petrosur, con Brasile e Argentina, la Petrocaribe, con 13 paesi caraibici, la Petroandina, con la Comunità andina. E ora Telesur. Petrolio (di cui il Venezuela copre il 15% del fabbisogno Usa) e telecomunicazioni, troppo per lasciarli nelle mani di Chavez.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)