Latina

Messico: rivoluzione in moto

4 gennaio 2006
Fonte: il Mattino

Marcos parte per il viaggio come delegato zero


Abbandonato l'ormai obsoleto fucile imbracciato giusto 12 anni fa, il subcomandante Marcos si è trasformato in «Delegato Zero» per intraprendere una campagna politica contro tutto l'assetto politico-economico del Messico. Difficile e lunga sfida che, come s'addice ai suoi trascorsi, ha cominciato caricandosi di simboli dal doppio effetto, sui suoi simpatizzanti, contadini indigeni, sinistre e media. Il «Delegato Zero» (ovvero l'ex professore di filosofia Sebastian Guillen, 47 anni, 22 dei quali trascorsi nella Selva Lacandona, nello Stato meridionale del Chiapas) con un casco sull'immancabile passamontagna nero, ha abbandonato la Selva in motocicletta, lo stesso mezzo utilizzato dal giovane Ernesto Chè Guevara per un memorabile viaggio in America Latina. Sul davanti della moto, che Marcos ha chiamato «Sombraluz», ombraluce, c'è una targa con stampata la sigla Ezln (Esercito zapatista di liberazione nazionale) in rosso e dietro la bandiera nazionale. Alla testa di un convoglio di camion e vecchi autobus affollati di altri compagni in passamontagna, Marcos ha dato così il via allo «Zapatour». O, più specificatamente «alla campagna nazionale per costruire un altro modo di fare politica», con la quale, per i prossimi sei mesi, in coincidenza con la campagna elettorale per le presidenziali del prossimo 2 luglio, toccherà i 31 Stati del Paese e Città del Messico. La suggestiva carovana, tra due ali di migliaia di contadini zapatisti e curiosi, è approdata a San Cristobal de la Casas, la capitale del Chiapas. Nella città dove 12 anni fa il subcomandante guidava l'insurrezione armata, ora, l'ormai «Delegato Zero» - pur se al suo arrivo si è visto spegnere le luci della via principale («I signori lì sopra cercheranno di oscurare tutto quello che è nostro») - nel suo primo comizio ha subito contrapposto la Sesta Dichiarazione da lui scritta nel settembre scorso al Patto di Chapultepec. Cioè l'accordo siglato in novembre dai tre principali partiti del Paese, dai loro candidati alle presidenziali e da imprenditori, sindacati e dirigenti civili. «Il grande potere del denaro - ha tuonato Marcos - ha firmato un dichiarazione contro la nostra Sesta e l'hanno fatto in un castello, dove si sono riuniti quanti ci chiedono di dimenticare le nostre necessità, le nostre lotte e di metterci a loro servizio». Insomma tutti. Non solo l'establishment politico-economico di destra ma anche Andres Manuel Lopez Labrador, il leader del Partito della rivoluzione democratica (Prd), di sinistra ed in testa ai sondaggi per le presidenziali. Anzi, il principale obiettivo di Marcos sembra proprio lui.

Articoli correlati

  • Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti
    Latina
    In Chiapas attaccata dalla polizia la Caravana Sur en Busca de los 43

    Messico: devastazione ambientale e assenza di diritti

    E il Frayba denuncia che la vita dei lottatori sociali per la difesa del territorio continua ad essere a rischio
    26 febbraio 2020 - David Lifodi
  • La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache
    Migranti
    Trump sfida l'UNESCO

    La costruzione della barriera anti-migranti sugli antichi siti degli Indiani Apache

    Sono iniziate le esplosioni controllate all’interno dell’Organ Pipe Cactus National Monument, al confine con lo stato messicano di Sonora, sito sacro per la cultura indiana e protetto dall’UNESCO
    13 febbraio 2020 - Fanpage
  • Messico: ancora una donna assassinata
    Latina
    Il 17 gennaio, a Ciudad Juarez, uccisa l'attivista femminista Isabel Cabanillas

    Messico: ancora una donna assassinata

    Si tratta della quarta donna assassinata nella città nel solo mese di gennaio. La giovane è stata uccisa per il suo attivismo politico a favore dei diritti delle donne di fronte all'indifferenza delle istituzioni
    27 gennaio 2020 - David Lifodi
  • Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico
    Latina
    La polizia del governo golpista assedia l’ambasciata messicana a La Paz

    Crisi diplomatica tra Bolivia e Messico

    Sono rifugiati nell’ambasciata numerosi ministri del governo di Evo Morales
    8 gennaio 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)