Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Brasile: Lula condannato da una dittatura a bassa intensità
    Le forze armate minacciano di far tornare l'orologio della storia al golpe del 1964

    Brasile: Lula condannato da una dittatura a bassa intensità

    Dietro la persecuzione politica contro l'ex presidente si nascone una campagna per far tacere ogni forma di dissenso nel paese
    9 aprile 2018 - David Lifodi
  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Un libro di Davide Reina

    "Per un'economia giusta"

    L'autore dice basta allo sfruttamento incondizionato delle risorse, basta alla crescita continua, basta alla speculazione finanziaria, basta alla ricchezza esclusiva, basta i manager onnipotenti e iperpagati. E da specialista della materia propone la sua via d'uscita
  • Brasile: in memoria di una partigiana della democrazia
    Il 14 marzo Marielle Franco, attivista femminista, è stata uccisa a Rio de Janeiro da nove colpi di arma di fuoco

    Brasile: in memoria di una partigiana della democrazia

    Sulla morte della donna pesa la militarizzazione delle favelas imposta di recente da Temer
    19 marzo 2018 - David Lifodi

Brasile e Argentina: nel 2007 addio al dollaro?

L'indipendenza economica e l'integrazione del Mercosud
17 settembre 2006 - Serena Corsi
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Dal 2007 Argentina e Brasile potrebbero fare a meno del dollaro come moneta di riferimento dei propri scambi commerciali . La proposta di de-dollarizzazione è stata presentata ai primi del mese a Rio de Janeiro dai due ministri dell'economia, l'argentina Felisa Miceli e il brasiliano Guido Mantega, e mira a rompere la storica dipendenza dalla moneta Usa agevolando l'integrazione economica fra i paesi. Una nuova era che vedrebbe l'uso esclusivo di pesoe realper i pagamenti alle rispettive banche centrali dei flussi commerciali bilaterali (circa sedicimila milioni di dollari nel 2005).
Lo sganciamento non è privo di rischi : si basa sul presupposto che le due economie siano perfettamente stabili e non vi sia all'orizzonte una crisi economica che costringa a svalutare fortemente la moneta dell'uno o dell'altro, come quella che ha travolto l'Argentina nel 2001 dopo il crollo della fittizia parità peso-dollaro o, in minor misura, il Brasile nel '99, dopo che il presidente Cardoso, appena passato l'appuntamento elettorale e vinta la rielezione, deprezzò vistosamente il real.L'idea comunque era già in cantiere all'ultimo vertice del Mercosud a Cordoba, in luglio. Nella città argentina si è parlato della creazione della Banca dello sviluppo del Mercosud - una delle idee-forza del presidente venezuelano Hugo Chavez. Una banca cui spetterà il compito di erogare crediti per iniziative di sviluppo ai paesi membri al posto del Fondo monetario internazionale che ha sempre vincolato i prestiti all'applicazione delle sue micidiali ricette di politica economica, con risultati funesti, almeno sul piano sociale, per quasi tutti i paesi del Sudamerica .
L'idea è dunque di un sistema di pagamenti in moneta locale, il cui progetto pilota verrà presentato al prossimo vertice del Mercato economico del Sud in programma per il prossimo dicembre.
Inizialmente coinvolgerà solo Argentina e Brasile, per poi coinvolgere anche il nuovo entrato Venezuela - il che non dovrebbe costituire un problema - e i più diffidenti Paraguay e Uruguay. Per Montevideo si tratterebbe di un complicato banco di prova politico: vicinissimo negli ultimi mesi a firmare un trattato bilaterale con Washington, dovrebbe finalmente scegliere in che staffa tenere il piede. Anzi non è escluso che in questo modo i due giganti Argentina e Brasile - che peraltro hanno sempre trattato finora Uruguay e Paraguay con molta sufficienza e una certa arroganza - vogliano impedirgli di diventare il grimaldello statunitense nella regione.
A Rio de Janeiro la determinazione a voltare pagina rispetto a decenni di sudditanza economica da Washington e dagli organismi internazionali è emersa anche nell'ordine del giorno relativo alla linea comune da tenere a Singapore, dove in questi giorni si svolge il vertice annuale di Fmi e Banca mondiale. Il Mercosud chiede che sia data più voce in capitolo ai paesi in via di sviluppo presentando il conto dei danni che le politiche liberiste - passate e presenti- imposte dall'organismo finanziario hanno provocato nel continente.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)