Latina

La guerra di Chavez per un seggio al Consiglio Onu

Dalla diplomazia del petrolio al movimento dei non allineati, il Venezuela porta avanti la sua candidatura. L’opposizione di Washington che preferisce il più mansueto Guatemala
21 settembre 2006
Angela Nocioni
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Un seggio al Consiglio dell’Onu. Una tribuna perfetta per gli show mediatico-politici di Hugo Chavez che per occupare un posto da membro non permanente sta tenendo insieme un agguerrito fronte diplomatico.
Può contare sul gioco di sponda dei Paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Uruguay e Paraguay) e sull’appoggio di Cina, Russia, Cuba, Iran, Malesia e India. Ma deve vedersela con l’opposizione di Washington che spinge perché al posto del Venezuela chavista sia scelto il più mansueto Guatemala.

Il 16 ottobre l’Assemblea generale delle Nazioni unite dovrà eleggere i cinque Paesi che sostituiranno Giappone, Grecia, Danimarca, Tanzania e Argentina il cui mandato termina nel dicembre del 2006.

Il presidente venezuelano punta a subentrare all’Argentina. Il mandato dura due anni. Per riuscirci gli servono 128 voti. Tanti. Dagli ambienti diplomatici venezuelani alle Nazioni unite, fino a qualche settimana fa ottimisti rispetto all’esito della votazione, trapela malumore, gli sherpa si lamentano di defezioni improvvise.

Che Haiti si schierasse a fianco del Guatemala era la mossa meno attesa. Haiti è legata a Caracas da forniture di carburante a prezzi più che di favore, eppure il ministro degli esteri haitiano ha parlato chiaro: non possiamo ignorare le richieste degli Stati Uniti.

La posizione della presidente cilena Michelle Bachelet è ancora incerta. Socialista, appoggiata da Chavez fin troppo caldamente prima della sua elezione nel gennaio scorso, sembrerebbe la sostenitrice naturale della causa venezuelana, ma i mille vincoli economici e finanziari che legano il (ricco) Cile alla politica statunitense l’hanno per ora indotta a volersi mantenere al di fuori della disputa. I venezuelani temono di perder voti per strada, di vedere amici vecchi e nuovi sfilarsi via all’ultimo momento. A poco è valsa finora la campagna acquisti di Chavez in Centro America. Il Costa Rica, l’Honduras, il Salvador, il Nicaragua e Panama si sono già schierati con il Guatemala che può contare sull’appoggio di Spagna, Canada, Gran Bretagna, Germania, Finlandia, Giappone, Corea del sud, Australia e Marocco.

Chavez per vincere ce la sta mettendo tutta. Giura che ce la farà e muove quel che può in ogni consesso internazionale gli capiti a tiro. La XIV riunione dei capi di Stato e di governo del movimento dei Paesi non allineati, chiusasi quattro giorni fa all’Avana, gli è servita sostanzialmente a questo. Il movimento dei non allineati ha mantenuto poche delle promesse suscitate nel 1961, quando fu fondato per tenere insieme i Paesi che non rispondevano (o dicevano di rispondere) né a Washington né a Mosca. Rimane comunque un utile strumento per cucire alleanze da far pesare all’Assemblea delle nazioni unite. E Chavez all’Avana in questi giorni si è sbracciato in spericolate operazioni diplomatiche, costate un velato appoggio alle tentazioni nucleari iraniane, pur di far uscire nella dichiarazione finale del vertice un passaggio in cui tutti i membri si impegnano a sostenere Venezuela, Bolivia e Cuba dalle pressioni statunitensi.

La riunione ha celebrato con non poca retorica la creazione di un blocco internazionale antinordamericano il cui nucleo duro dovrebbe esser formato da Cuba, Venezuela, Iran, Corea del Nord e Bolivia. Ma la sensazione è che si sia trattato di pompose dichiarazioni di intenti utili più che altro a compattare le forze attorno al concreto obiettivo di far sedere il Venezuela al Consiglio dell’Onu. La visita di un sorridente Kofi Annan al convalescente Fidel Castro è stata da più parti letta come un appoggio del segretario Onu alla candidatura venezuelana. Della conversazione si sa poco. A parte che il vecchio presidente cubano ha ricevuto l’ospite in vestaglia.

Articoli correlati

  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
  • Un'agenda per il disarmo
    Disarmo
    Garantire il nostro futuro comune

    Un'agenda per il disarmo

    Il portoghese António Guterres, nono Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha assunto l'incarico il 1º gennaio 2017 e ha scritto un importante documento, l'Agenda ONU per il disarmo, di cui qui riassumiamo alcuni punti salienti.
    2 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Agenda ONU per il disarmo nucleare
    Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)