Latina

Comunicato stampa di Amnesty International sui fatti di Oaxaca

Messico: rendere pubbliche le informazioni sui detenuti e indagare gli abusi di Oaxaca

10 novembre 2006
Comunicato Amnesty International (Traduzione di Monica Mazzoleni)

7 novembre 2006. Amnesty International è preoccupata per il destino delle persone detenute in Oaxaca dal 29 ottobre 2006.
Durante questo periodo le organizzazioni non governative dei diritti umani in Oaxaca hanno cercato di ottenere informazioni riguardo a più di 80 persone detenute, inclusi diversi minori.
Tuttavia, né le autorità federali né quelle statali hanno reso ufficialmente pubblico i nomi di tutte le persone tenute in custodia.

La mancanza di informazioni ufficiali riguardo i detenuti, le loro condizioni fisiche, le accuse che devono affrontare, potrebbe significare che essi sono detenuti in “incommunicado” e soggetti a maltrattamenti che costituiscono violazione grave dei diritti umani. Negli ultimi cinque mesi Amnesty International ha ricevuto rapporti riguardo molti dimostranti detenuti dalle autorità di stato che sono stati soggetti a tortura, maltrattamenti e “incommunicado”.

Amnesty International chiede con urgenza alle autorità di pubblicare i nomi delle persone detenute e le accuse a loro carico.
Allo stesso modo, le autorità pubbliche, devono dimostrare che queste persone abbiano avuto accesso ai familiari, cure mediche e rappresentanza legale di loro scelta e che siano stati condotti davanti a un giudice.
E' fondamentale che le autorità permettano ai rappresentanti della società civile, inclusi i difensori dei diritti umani in Oaxaca, l'accesso ai luoghi di detenzione per verificare la situazione dei detenuti.
La Commissione Nazionale dei Diritti Umani e la Commissione Statale dei Diritti Umani di Oaxaca devono coordinare i loro sforzi, con la società civile, per vigilare sul rispetto dei diritti dei detenuti.

Le autorità devono inoltre rendere pubbliche ogni informazione in loro possesso riguardo le persone, incluso i membri della sicurezza pubblica, che sono state uccise o ferite nel contesto del conflitto.

Amnesty International esprime il suo sconcerto per i 17 morti che risultano dall’inizio del conflitto, di cinque mesi fa.. Diversi di loro pare siano stati uccisi da individui e gruppi di persone armate con apparenti legami con il partito di governo dello stato. L’organizzazione chiede con urgenza che si proceda ad un’indagine federale e imparziale su questi crimini. Inoltre condanna l’apparente uso eccessivo della forza da parte di membri della polizia municipale, statale e federale nelle varie operazioni contro i manifestanti e sottolinea la necessità di investigare in modo imparziale le violazioni dei diritti umani.

Amnesty International inoltre condanna la violenza usata da alcuni settori dell’Assemblea Popolare del Popolo di Oaxaca (APPO) nei confronti della polizia statale e federale e ha fatto un richiamo perché i manifestanti rispettino lo stato di diritto durante le loro proteste.

Antecedenti:
Il giorno 29 ottobre 2006 più di 4000 elementi della Polizia Federale Preventiva (PFP) ha fatto ingresso nella città di Oaxaca per sloggiare migliaia di maestri in sciopero e simpatizzanti di APPO che da vari mesi occupavano la città esigendo le dimissioni del governatore dello stato, Ulises Ruis Ortis. Il 2 novembre ci fu uno scontro quando simpatizzanti di APPO e la polizia si scontrarono all’entrata della Università Autonoma Benito Huarez di Oaxaca, che era ancora occupata da simpatizzanti di APPO.
Il 7 di novembre ci fu un’altra manifestazione contro il governo dello stato e per il ritiro della PFP da Oaxaca.

Indice AI: AMR 41/051/2006

Note: Firma l’appello di Amnesty International:
http://www.amnesty.it/appelli/azioni_urgenti/messico?page=azioni_urgenti

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa
    Latina
    Per la prima volta l’Ezln esce dal territorio messicano

    Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa

    L’Escuadron 421 (4 donne, 2 uomini ed una donna trans) sbarcherà nel vecchio continente a metà giugno, presumibilmente sulle coste della Galizia. Gli zapatisti hanno fatto sapere che il loro viaggio servirà per parlare della loro resistenza.
    5 maggio 2021 - David Lifodi
  • Paraguay: la protesta non si ferma
    Latina
    Il paese è al collasso sanitario, ma il governo prosegue la repressione contro i movimenti sociali

    Paraguay: la protesta non si ferma

    La temporanea sparizione mediatica del presidente Abdo non ha placato la rabbia contro i colorados
    6 aprile 2021 - David Lifodi
  • Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale
    Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)