Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti
    In occasione delle proteste contro l’approvazione della riforma pensionistica

    Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti

    Molti gli operatori dell’informazione feriti
    20 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Argentina: il macrismo attacca la libera informazione
    Licenziato il giornalista di C5N Victor Hugo Morales, che aveva denunciato le pratiche mafiose del Clarín

    Argentina: il macrismo attacca la libera informazione

    Da quando Macri è giunto al potere gran parte dei giornalisti ritenuti non graditi è stata licenziata
    13 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin
  • Santiago Maldonado è morto?
    A 77 giorni dalla scomparsa di Santiago Maldonado, il corpo di un uomo è stato trovato galleggiare proprio sulle acque del fiume Chubut.

    Santiago Maldonado è morto?

    Non ne è stata confermata l'identità, ma le spiegazioni "fantasiose" delle autorità non sono mancate
    19 ottobre 2017 - Raúl Zecca Castel
Durante la dittatura fu responsabile di sequestri, omicidi e sparizioni

Argentina: libero il torturatore Patti

La giustizia gli ha concesso di esercitare la sua funzione di deputato
18 aprile 2008 - David Lifodi
Fonte: Pagina 12

Torturatore durante gli anni della dittatura argentina (1976-1983), adesso Luis Patti è di nuovo un uomo libero. Non è bastato alla Camera Federale il suo coinvolgimento in crimini orrendi, sequestri, omicidi e torture per mantenerlo in regime di carcerazione preventiva e annullare l'inquietante verdetto espresso dalla Corte Suprema, che gli ha riconosciuto il diritto a richiedere il suo posto da deputato conquistato a Escobar (provincia di Buenos Aires) nel 2005 con oltre il 70% dei voti nelle file del Partido de Unión Federalista.
Il curriculum da perfetto torturatore Luis Patti comincia a crearselo nel 1973 quando, in una pasticceria di Escobar, uccide tre giovani ritenuti presunti responsabili di aver violentato una donna, ma in realtà del tutto estranei a questo episodio: il fatto viene segnalato soltanto dal piccolo giornale locale "El Actual", diretto dal militante comunista Tilo Wenner che il 25 Marzo 1976, un solo giorno dopo il colpo di stato della giunta militare insediatasi alla Casa Rosada, viene sequestrato e diventa uno dei primi desaparecidos.
Patti "lavora" talmente bene come repressore che nel 1976 riesce ad ottenere l'archiviazione sia per l'assassinio dei tre giovani rivelatasi innocenti sia per le torture inflitte in prigione al detenuto Julio Di Battista, e nel frattempo diventa uno dei più stretti collaboratori del generale Camps, che più di una volta si congratula con lui per la "capacità di svolgere brillantemente i suoi compiti".
Altre denunce piovono negli anni seguenti contro Patti: la Conadep (Comisión Nacional sobre la Desaparición de Personas) lo ha riconosciuto come il torturatore soprannominato "El Loco", mentre Isabel de Mariani, appartenente alle Abuelas de Plaza de Mayo trovò la sua casa messa a soqquadro da una squadraccia di cui lui stesso era il responsabile e che assassinò a sangue freddo sua nuora e sequestrò sua nipote. Infine, in occasione dell'assassinio di Augustin Cambiasso e Eduardo Pereyra, avvenuto il 17 Maggio 1983 dopo tre giorni di sequestro, l'allora capo della Bonaerense Fernando Verplaesten (anch'esso integrante del gruppo di torturatori vicini alla giunta militare), giustificò il rapimento e la successiva sparizione. Il successo elettorale del maggio 1995 a Escobar gli valse l'immunità nonostante nel 1990 il giudice Raul Alberto Borrino avesse formulato contro di lui l'accusa di tortura.
Evidentemente i lunghi mesi di carcerazione preventiva non gli hanno tolto influenti agganci con i giudici della Camera Federale e della Corte Suprema, altrimenti non si spiega in alcun modo la sua scarcerazione: "la giustizia argentina aveva l'opportunità storica per dimostrare quanto teneva ai diritti umani", hanno spiegato i familiari delle vittime, ricordando inoltre che la libertà concessa a Patti potrebbe invitarlo alla fuga, come già hanno fatto altri personaggi legati alla dittatura militare in attesa della sentenza definitiva della Camera dei Deputati, che già nel 2006 aveva impedito a Patti di assumere il suo incarico politico per "mancata idoneità morale".

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)