Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi
  • In attesa del referendum costituzionale

    C'è chi dice NO

    Dieci ragioni per bocciare la riforma della Costituzione, scritta sotto dettatura del governo. Renzi dice che "riduce i costi della politica", ma questo obiettivo si poteva raggiungere in altri modi.
    29 agosto 2016 - Giacomo Alessandroni
  • Occorre un pronunciamento popolare che difenda la Costituzione repubblicana

    Perché votare NO al referendum sulla modifica della Costituzione?

    Perché asservisce il parlamento alle sue voglie, di fatto si appropria abusivamente del potere legislativo e rompe la separazione e l'equilibrio dei poteri; con la qual cosa uccide nei suoi medesimi fondamenti la democrazia rappresentativa e lo stato di diritto.
    18 agosto 2016 - Peppe Sini
Anche a Tarija quasi la metà dei cittadini si oppone all'autonomia dell'Oriente boliviano

Bolivia: grandi manovre per estromettere Evo Morales dal governo

I prefetti separatisti orientati a non partecipare al referendum revocatorio del 10 Agosto
26 giugno 2008 - David Lifodi
Fonte: Telesur

La Bolivia continua a rimanere il teatro delle grandi manovre organizzate dai prefetti della "media luna" che continuano a lavorare alacremente per la secessione dei loro dipartimenti dal resto del paese. Non sono bastati i risultati inferiori alle aspettative ottenuti nei vari referendum separatisti (ultimo in ordine di tempo quello avvenuto a Tarija lo scorso 22 Giugno) a frenare la volontà di rendersi autonomi dal resto del paese e proclamare l'Oriente boliviano libero dal controllo di La Paz, adesso i prefetti tentano di giocarsi il tutto per tutto nel tentativo di portare il paese direttamente alle urne. La strategia di Manfred Reyes Villa (Cochabamba), Ernesto Suarez (Beni), Leopoldo Fernadez (Pando), Mario Cossio (Tarija) e Ruben Costas (Santa Cruz) si è spostata adesso dal piano dipartimentale a quello nazionale: il loro piano consiste nel rifiutare il referendum revocatorio indetto da Morales per il prossimo 10 Agosto e spingere per una consultazione elettorale a breve termine allo scopo di estromettere dall'agone politico lo stesso Morales prima della naturale scadenza del suo mandato nel 2010.
Nel frattempo, una volta di più le organizzazioni separatiste dell'Oriente boliviano hanno dato di nuovo il peggio se stesse: in occasione del recente viaggio di Morales a Santa Cruz due giovani appartenenti alla Ujc (Uniόn Juvenil Cruceñista) sono stati fermati con un fucile in mano nei dintorni dell'aeroporto cruceño di El Trompillo in procinto di compiere un attentato contro il presidente.
Nonostante la situazione resti tesa, la Corte Nacional Electoral ha ribadito il suo impegno nei preparativi per il referendum revocatorio di Agosto, sottolineando inoltre che l'unico organismo legalmente legittimato a bloccarne lo svolgimento resta il Congresso boliviano, per cui i prefetti separatisti e i leader dei comitati civici per l'autonomia si pongono ancora una volta fuori della legalità con la loro richiesta di sospensione.
La difesa della democrazia in Bolivia resta affidata ancora di più ai movimenti sociali, che hanno avuto un ruolo significativo nel boicottaggio dei referendum dipartimentali facendo campagna elettorale per l'astensione o per il "No". Ripetendo più o meno l'esito delle consultazioni referendarie a Pando, Beni e Santa Cruz, a Tarija i voti contrari all'autonomia hanno raggiunto il 47%, di cui il 34,8% corrispondenti all'astensione e il 13,2% al "No".
Facendo un bilancio complessivo dei quattro referendum risulta evidente che in totale una buona metà della popolazione dei dipartimenti separatisti ha rifiutato la proposta di statuto autonomo, quindi l'Oriente boliviano resta si spaccato in due, ma senza contare sulla maggioranza schiacciante per la secessione che si auguravano i prefetti della "media luna", che hanno potuto disporre anche del braccio violento della Ujc, impiegata a picchiare e a minacciare contadini, indigeni e tutta quella fascia di popolazione secondo la quale si trattava di una consultazione incostituzionale, illegittima e antidemocratica: il rischio di altri colpi di scena (quali le elezioni generali per cui stanno lavorando i prefetti e il rifiuto ufficiale di partecipare al referendum revocatorio del prossimo 10 Agosto) potrebbe ancora essere dietro l'angolo.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)