Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi
  • In attesa del referendum costituzionale

    C'è chi dice NO

    Dieci ragioni per bocciare la riforma della Costituzione, scritta sotto dettatura del governo. Renzi dice che "riduce i costi della politica", ma questo obiettivo si poteva raggiungere in altri modi.
    29 agosto 2016 - Giacomo Alessandroni
  • Occorre un pronunciamento popolare che difenda la Costituzione repubblicana

    Perché votare NO al referendum sulla modifica della Costituzione?

    Perché asservisce il parlamento alle sue voglie, di fatto si appropria abusivamente del potere legislativo e rompe la separazione e l'equilibrio dei poteri; con la qual cosa uccide nei suoi medesimi fondamenti la democrazia rappresentativa e lo stato di diritto.
    18 agosto 2016 - Peppe Sini
Morales fa il pieno di voti nell'occidente e aumenta la sua popolarità nei dipartimenti separatisti

Bolivia: parità tra Morales e i separatisti nel referendum revocatorio

I governatori della mezza luna sono ampiamente riconfermati dal loro elettorato
19 agosto 2008 - David Lifodi
Fonte: Bolpress - 29 agosto 2008

Il referendum revocatorio tenutosi lo scorso 10 Agosto in Bolivia ha offerto una duplice chiave di lettura e interpretazione: da un lato Morales e il suo vice Linera hanno ampiamente superato l'ostacolo ottenendo una significativa riconferma, dall'altro quasi tutti i prefetti dei dipartimenti separatisti hanno a loro volta mantenuto fermo il loro posto di comando. Si può dire che la situazione è rimasta più o meno quella precedente al referendum. Una visione ottimista indica che Morales ha aumentato di dieci punti percentuali i voti che nel dicembre 2005 lo condussero alla presidenza del paese, guadagnando il 63% dei consensi e provocando la mancata riconferma di Manfred Reyes Villa (prefetto di Cochabamba bocciato dal voto popolare e costretto alle dimissioni), mentre un'analisi più pessimista non può fare a meno di notare l'innegabile successo dei governatori della destra separatista nelle mezza luna boliviana. "Evo ha vinto, ma ha perso" è stato il ritornello dei separatisti, nei cui dipartimenti Morales, pur aumentando in modo non scontato il suo consenso, non è riuscito a scalfire la popolarità dei prefetti. Ruben Costas, il governatore razzista di Santa Cruz che ha continuato ad insultare Morales anche ad urne chiuse, ha ottenuto il 70% dei voti, mentre Mario Cossio ed Ernesto Suarez (prefetti di Tarija e Beni) hanno raggiunto il 60%, percentuale intorno alla quale si è avvicinato anche Leopoldo Fernandez , governatore di Pando. Altrettanto innegabile è stato l'aumento di voti di Evo nei dipartimenti a lui più ostili, oltre al pieno di consensi nell'occidente indigeno, dove il suo successo era scontato: a Tarija Morales ha guadagnato il 49,83% dei consensi, riuscendo quasi ad impattare con il 50,17% di "no" alla sua riconferma. Nei dipartimenti di Beni e Santa Cruz la popolarità del presidente boliviano si è attestata rispettivamente al 43,72% e al 40,75%, segnale che indica un significativo miglioramento, pur se ancora distante anni luce rispetto all'indice di gradimento dei governatori separatisti.
In definitiva, la percentuale di "si" per Morales non è stata soddisfacente solo nella città di Sucre, dove l'ex cocalero ha raggiunto a fatica il 29%, e nel dipartimento di Chuquisaca. La graduale crescita del consenso a Morales in quasi tutto il paese, concomitante al declino della destra di Podemos (il cui leader Quiroga ha dovuto digerire la sconfitta e la conseguente revoca del suo governatore Luis Paredes nel dipartimento di La Paz), hanno per il momento convinto i prefetti della mezza luna ad una parziale marcia indietro. Escluso Reyes Villa, che sembra essere intenzionato a ricorrere contro il voto che lo ha privato della sua carica, i governatori di Tarija, Pando e Beni hanno accettato la ripresa del dialogo offerta da Morales, in particolare la sua proposta di un patto legale-economico-istituzionale che permetta al paese di respirare un clima politico nuovo. Tuttavia le premesse di questo nuovo tentativo di dialogo offerto da Morales all'opposizione devono ancora intraprendere una strada univoca sulla via di una riconciliazione che sembra comunque assai poco probabile: il prefetto di Santa Cruz Ruben Costas ha evitato di partecipare all'incontro ed ha proseguito nei suoi violenti attacchi verbali a Morales, nonostante alcuni ministri di Palacio Quemado siano stati incaricati di contattarlo per riprendere il dialogo, mentre Manfred Reyes Villa si è fatto alla fine da parte nominando però come governatore ad interim il suo delfino Ferrel.
Morales ha giocato coraggiosamente la carta del referendum per superare l'impasse politico determinato dai prefetti della mezza luna e mettendosi in gioco nel tentativo di far perdere l'appoggio politico di cui godono i governatori nei loro territori: in pratica non è riuscito a farli bocciare dal voto popolare, ma è riuscito perlomeno a dimostrare che un'ampia maggioranza di boliviani crede nel suo progetto.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)