Latina

Una storia vera

28 febbraio 2009
Flaviano Bianchini

foto Naida era nata nel 2000, un anno importante, “porterà fortuna” si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti quartieri della città più alta del mondo: Cerro de Pasco. Come tutti gli abitanti di Cerro de Pasco era abituata a convivere con la grossa voragine nel centro della città che tutti chiamavano semplicemente el tajo, il taglio. Il taglio è una grande miniera a cielo aperto per l’estrazione di piombo, zinco e argento.
Così come era abituata al tajo, Naida era anche abituata ad avere l’acqua un’ora e mezza alla settimana e a vivere al lato de los desmontes, le grandi montagne di rocce triturate ammassate un po’ ovunque nella città. Ce n’era una anche dietro casa sua, una grossa montagna alta più di cento metri con una base di un paio di ettari. Per tutti i bambini di Columna Pasco era un invito al gioco. Ma nessuno andava mai a giocarci. “Quelle rocce sono velenose! Non dovete neanche avvicinarvi!” dicevano loro le mamme preoccupate.
Ma per quanto uno non andasse a giocarci i mucchi di rocce erano lì. Non si muovevano. Nella stagione delle piogge dai desmontes venivano giù dei piccoli ruscelli di acqua arancione. “Quei piccoli ruscelli sono acque acide! Non bisogna toccarle!” si diceva in città. La miniera invece diceva che era acqua normalissima. “Pura acqua piovana” si leggeva nei comunicati. Nella stagione secca invece, dalle montagne di rocce si alzavano vere e proprie nubi di polvere. “Quella polvere è dannosa, c’è del piombo dentro. Fa male!” dicevano gli ambientalisti. “Quella polvere è normalissima polvere, come quella che si leva dalle strade” diceva l’impresa mineraria.
Naida era cresciuta con quelle diatribe e non ci faceva caso. Lei credeva a sua mamma e ai desmontes non si avvicinava nemmeno. Ma loro erano lì. A meno di cento metri da casa sua.
La sua vita proseguì così regolare come quella di tutti i bambini della città mineraria. Giocava, andava a scuola e si teneva lontano dai desmontes. Desmontes a Cerro de Pasco
Verso la fine del 2008 però qualcosa iniziò ad andare storto. Naida non giocava più tanto e aveva sempre dei tremendi mal di testa. Passò il natale e così anche il capodanno e i mal di testa continuavano ad aumentare. All’inizio i genitori di Naida non si preoccuparono, poi, visto che i dolori continuavano, la portarono al centro di salute più vicino. Nel centro di salute notarono subito che qualcosa non andava ma non avevano i mezzi per fare delle analisi più approfondite. Così la mandarono in un ospedale a Lima. Ma lì, due giorni dopo il ricovero, Naida morì.
“Atrofia celebrale” si leggeva nel referto. Le analisi dimostrarono che nel sangue di Naida c’erano 111 µg/dl di piombo. Il limite consentito dalla Organizzazione Mondiale della Salute è di 10 µg/dl. Sopra i 70 µg/dl è previsto il ricovero immediato. Il rischio è proprio quello di incorrere in un’atrofia celebrale.
Nel solo 2008 erano stati 9 i casi di atrofia celebrale a Cerro de Pasco, ma l’impresa continuava a negare la propria responsabilità. Dicevano che il tutto non era in alcun modo relazionato con i desmontes né con le operazioni minerarie. Ad appoggiare questa idea poi c’era anche DIGESA (la Direzione Generale di Salute, l’organo che dovrebbe tutelare la salute dei cittadini) che, invece di eseguire analisi più approfondite si limitava solo a “dar voce” alle idee della multinazionale mineraria.
“Ma allora da dove arriva il piombo se non dalla miniera? Nelle altre città non ci sono casi simili.” Sosteneva la gente. Ed è vero. In tutta la regione di Pasco ci sono stati solo 9 casi di atrofia celebrale nel 2008. E tutti e 9 nella città di Cerro de Pasco, proprio sotto i desmontes e ai bordi del tajo.
La popolazione ne voleva sapere di più. Così arrivarono dei ricercatori per indagare sulla presenza di piombo o di altri metalli nel sangue della popolazione.
Ma ancora una volta si mise in mezzo DIGESA che ormai, agli occhi di tutti, era solo un portavoce dell’impresa mineraria e non un difensore della salute della popolazione.
I ricercatori avevano tutte le carte in regola ma DIGESA sosteneva che uno studio del genere non era necessario e che solo poteva aumentare i conflitti interni alla città e tentò di impedirlo con tutti i mezzi possibili.
Ma la gente continuava a morire. Un mese dopo Naida, il 18 febbraio, fu la volta di Marcos. Aveva undici anni. Anche lui morto per atrofia cerebrale. Nel suo organismo c’erano 94 µg/dl di piombo. “È colpa della miniera” insorse quasi tutta la città. Ma la compagnia non ebbe bisogno di dire nulla. Anche questa volta fu DIGESA a dichiarare che la morte di Marcos non poteva essere in alcun modo relazionata all’attività mineraria.
Tutto regolare. Tutto normale. Tutto deve continuare ad andare come sempre è andato.
Per la Direzione Generale di Salute di Cerro de Pasco la morte di una decina di bambini all’anno per atrofia cerebrale è tutto nella normalità. L’importante è che non si scomodi il grande colosso minerario, loro padre-padrone.

Note: I nomi Naida e Marcos sono nomi inventati. Le loro storie no.

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • I bambini che vivono vicino all'ILVA hanno difficoltà di apprendimento e di attenzione
    Taranto Sociale
    Si constatano tratti psicopatologici (ansia e depressione) e aumento di iperattività

    I bambini che vivono vicino all'ILVA hanno difficoltà di apprendimento e di attenzione

    "Riduzione del Quoziente di Intelligenza rilevata con la batteria WISC (Wechsler Intelligence Scale for Children) nelle aree di Tamburi e Paolo VI, rispetto alle aree a maggiore distanza dalle sorgenti di emissione", si legge sullo studio dell'Istituto Superiore della Sanità.
    7 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo
    Latina
    Ballottaggio del 6 giugno: la sinistra ripone le proprie speranze sul maestro rurale

    Perù: un voto a Pedro Castillo per cancellare il fujimorismo

    Assemblea Costituente e nazionalizzazione dei settori strategici dell’economia tra i cavalli di battaglia del candidato di Perù Libre
    28 aprile 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)