Latina

REP.DOMINICANA : SCIOPERO GENERALE: RELIGIOSO, “PAESE RISCHIA CRISI BOLIVIANA”

29 gennaio 2004
Misna misna@misna.org

29/1/2004 18:21
“Il Paese rischia una crisi come quella che per un mese ha paralizzato la Bolivia, culminata nella morte di decine di persone e nella caduta del governo”. È quanto riferisce alla MISNA una fonte religiosa contattata telefonicamente nella Repubblica dominicana. “Lo sciopero generale di 48 ore non sarà sufficiente a spingere il presidente Hipólito Mejía e i suoi esperti d’economia a lasciare le loro poltrone. I leader che hanno organizzato lo sciopero, molti dei quali sono stati arrestati dalle forze dell’ordine, credo stiano convincendosi della necessità di proclamare uno sciopero indeterminato, bloccando così per il tempo necessario il Paese e spingendo il presidente e i suoi consiglieri a rassegnare le dimissioni” riferisce alla MISNA l’interlocutore, che non può tuttavia non rilevare un pericolo di segno opposto: “È anche vero che il governo non sta aspettando altro che la scusa per dichiarare ufficialmente che il Paese è caduto in preda al caos. Questo avrebbe due conseguenze: la militarizzazione della società dominicana e il rinvio delle elezioni presidenziali, che dovrebbero svolgersi a maggio. Mejía potrebbe, insomma, prolungarsi il mandato, se ne avesse l’occasione” spiega il religioso. “Il Paese – continua la fonte raggiunta dalla MISNA – ha risposto compatto alla richiesta di astensione dal lavoro avanzata dai leader sindacali. Oggi le strade delle città dominicane sono vuote, i negozi chiusi, come le scuole. Non c’è acqua né energia elettrica. Le vie non sono pattugliate dalla polizia bensì dall’esercito e dalla marina” riferisce il religioso, confermando che il numero delle vittime è salito a tre, mentre quello dei feriti a una cinquantina di persone. “Ma non bisogna credere che nelle strade ci siano scontri di massa. Sarebbe impossibile per chiunque affrontare i militari, che girano in gruppo e armati fino ai denti. Posso dire con certezza, ad esempio, che la vittima di Nagua è morta per un’imprudenza dei soldati che, mentre pattugliavano una via della città, hanno per chissà quale ragione sparato dei colpi verso delle case. Un proiettile è entrato nella stanza in cui si trovava la vittima e lo ha ucciso. La popolazione teme quest’incapacità dell’esercito di controllarsi” riferisce alla MISNA l’interlocutore, che conclude ribadendo che “la popolazione è alla disperazione. Negli ultimi mesi i prezzi sono aumentati di tre volte: ormai, quello che prima costava 5 ora costa 15. Il Paese è allo sbando: per questo chiede che Mejía e i suoi rassegnino le dimissioni prima possibile”.[LL]


Copyright © MISNA

Articoli correlati

  • Proseguono gli scioperi della fame dei prigionieri palestinesi
    Palestina
    Articolo di Alessandra Mincone da Nena News

    Proseguono gli scioperi della fame dei prigionieri palestinesi

    Dalla prigione di Ashqelon a quella di Damon i detenuti palestinesi, donne e uomini, portano avanti questa forma di protesta che riesce a frenare abusi e restrizioni attuate dalle autorità carcerarie israeliane
    10 luglio 2019 - Laura Tussi
  • Ilva, sciopero a oltranza
"Ora vogliamo la verità"
    Taranto Sociale
    La protesta

    Ilva, sciopero a oltranza "Ora vogliamo la verità"

    Sale la tensione, divisioni anche tra i sindacati per l'operaio morto in un incidente. Attese per il fronte giudiziario
    5 novembre 2012 - Mario Diliberto
  • Storia della Pace
    Resistenza nonviolenta

    Gli scioperi operai in Italia 1943-1944 come resistenza nonarmata al potere nazista

    Su circa 21 mila operai della Fiat, solo 100 o 200 avevano, all'inizio del 1943, la tessera segreta del partito comunista. Questo piccolissimo nucleo riuscì a trascinare allo sciopero, per un'intera settimana, dall'8 al 13 marzo 1943, circa 90-100 mila operai torinesi
    23 dicembre 2011 - Enrico Peyretti
  • Calderoli for president?
    Sociale
    Anche i calciatori piangono

    Calderoli for president?

    E' ufficiale: i calciatori sciopereranno contro la Lega Calcio che non vuole pagare il contributo di solidarietà previsto dalla Manovra, al posto loro. La risposta del ministro Roberto Calderoli è contenuta in due emendamenti: in uno si prevede che quei soldi siano pagati dai giocatori e non dalle società; nel secondo si prevedo il raddoppio dell'aliquota.
    26 agosto 2011 - Giacomo Alessandroni
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.29 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)