Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Santiago Maldonado è morto?
    A 77 giorni dalla scomparsa di Santiago Maldonado, il corpo di un uomo è stato trovato galleggiare proprio sulle acque del fiume Chubut.

    Santiago Maldonado è morto?

    Non ne è stata confermata l'identità, ma le spiegazioni "fantasiose" delle autorità non sono mancate
    19 ottobre 2017 - Raúl Zecca Castel
  • Signori Benetton, dov’è Santiago Maldonado?

    Signori Benetton, dov’è Santiago Maldonado?

    1 settembre 2017 - Raúl Zecca Castel
  • Argentina: la Casa Rosada si disinteressa di Santiago Maldonado
    A tre settimane dalla sua scomparsa, Macri e il suo governo insultano i mapuche ma non si attivano per ritrovare il giovane

    Argentina: la Casa Rosada si disinteressa di Santiago Maldonado

    Il ragazzo è stato avvistato per l’ultima volta il 1 agosto, quando è stato caricato su una camionetta della Gendarmeria a seguito di una manifestazione dei mapuche repressa con violenza dalla polizia
    23 agosto 2017 - David Lifodi
Il referendum si svolgerà il prossimo 25 ottobre

Uruguay: partita la campagna per l'annullamento della Ley de Caducidad

Partido Colorado e Nacional contrari alla cancellazione
18 agosto 2009 - David Lifodi

E’'entrata nel vivo la campagna per l'annullamento della Ley 15.848 in Uruguay. Familiarmente conosciuta come Ley de Caducidad, questa legge ha finora impedito che i responsabili delle sparizioni forzate durante gli anni della dittatura uruguayana venissero giudicati. La campagna contro la Ley de Caducidad segna un passaggio molto importante non solo per l'Uruguay, ma per tutta l'America Latina, in un momento in cui le lobby militari e i vecchi repressori degli anni '70 e '80 cercano di legittimarsi nuovamente o comunque riciclarsi di fronte agli occhi della società civile del continente. Il referendum per l'annullamento della Ley de Caducidad è in programma il prossimo 25 ottobre. Per il momento sono state raggiunte le 300mila firme necessarie per lo svolgimento del referendum, a favore del quale hanno speso la loro parola e il loro impegno intellettuali di primo piano come lo scrittore Eduardo Galeano, mentre il lancio della campagna è stato dedicato al poeta Mario Benedetti, recentemente scomparso, ma rimasto un simbolo per tutto il continente sudamericano. E' inoltre sorta una commissione speciale composta da personalità provenienti dall'ambiente sociale, sportivo, politico e culturale che promuoverà le attività della Coordinadora Nacional por la Nulidad de la Ley de Caducidad in giro per tutto il paese. Tra le associazioni che maggiormente si sono impegnate nella campagna per l'annullamento della legge figura il Grupo de Madres y Familiares de Uruguayos Detenidos Desaparecidos che, pur riconoscendo un certo impegno del governo attuale (alla cui guida si trova il Frente Amplio di Tabaré Vázquez), ritiene fondamentale svolgere una forte opera di coscientizzazione rivolta a tutta la popolazione affinché scompaia quella cultura dell'impunità ancora presente nel paese proprio grazie al mantenimento in vigore della Ley 15.848.
Si è tentato di far cadere nell'oblio le violazioni dei diritti umani durante la dittatura (tra il 1973 e il 1985) anche sotto governi teoricamente "civili e democratici": fu durante il primo mandato di Julio Maria Sanguinetti che fu votata la Ley de Caducidad nel 1986. In seguito, non c'era stato alcun progresso significativo e nemmeno la volontà di fare giustizia sotto la presidenza Lacalle (1990-1995), ancor meno durante il quinquennio successivo, quando era tornato Sanguinetti per il suo secondo mandato. Le cose sono cominciate a cambiare nel novembre 2006, quando il dittatore Bordaberry (che nel 1973 affidò i pieni poteri ai militari e abolì tutte le libertà costituzionali) e il suo ministro degli Esteri Blanco furono raggiunti da un mandato di arresto per l'uccisione dei parlamentari Zelmar Michelini ed Héctor Gutierrez, oltre che per l'assassinio di due tupamaros per le strade di Buenos Aires nell'ambito della collaborazione tra i regimi del Cono Sur sotto il coordinamento del Plan Condor.
A livello giuridico sono in molti a ritenere nulla la Ley de Caducidad poiché non rispetta le direttive internazionali in merito alla violazione dei diritti umani, a partire dal Servicio de Paz y Justicia (Serpaj) e passando per l'avvocato Oscar Goldaracena, da oltre 20 anni impegnato su questo tema, secondo il quale la sottomissione del potere giudiziario a quello esecutivo, garantito dalla legge, già per questo la dovrebbe rendere nulla per un vizio di forma. "La Ley de Caducidad", spiega, "è come un serpente che ci ha lasciato la dittatura nel tentativo di sequestrare i nostri valori e i nostri princípi".
Nel 2004 un plebiscito popolare ha sancito la ripubblicizzazione dei servizi idrici al termine di una campagna di informazione condotta casa per casa allo scopo di sensibilizzare la popolazione: il prossimo 25 Ottobre la popolazione uruguayana ha la possibilità di cancellare nell'urna la Ley de Caducidad e mandare così un segnale chiarissimo al Partido Colorado e al Partido Nacional, i due "partiti dinosauro" che si erano spartiti il potere fino alla vittoria del Frente Amplio nell'Ottobre 2004 e che da tempo mostrano segnali di insofferenza al solo sentir parlare di annullamento della legge.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)