Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Il sangue della terra

13 novembre 2009 - Rossana De Simone

Nel libro "Il sangue della terra: Atlante geografico del petrolio. Multinazionali e resistenze indigene nell'Amazzonia ecuadoriana" vengono presentate mappe, dati, analisi e testimonianze sullo sfruttamento petrolifero dell'Amazzonia ecuadoriana.
Il libro è diviso in 16 capitoli, tanti quanti sono i "blocchi petroliferi", dati in concessione a Repsol, Eni, Encana e a tante altre "sorelle del petrolio". L'Amazzonia appare divisa e svenduta in tanti rettangoli neri, in cui la foresta viene distrutta e le popolazioni assassinate, nel silenzio e nell'indifferenza dei media. Una feroce rincorsa al petrolio che, come in una cruenta e delirante "febbre dell'oro nero", calpesta vite umane e incenerisce il polmone del nostro pianeta. Al di là delle pubblicità patinate, le multinazionali del petrolio risultano illuminate da una luce sinistra che ne svela il volto aggressivo e violento.
(Derive/Approdi edizioni)

La questione delle riserve di petrolio e del picco del petrolio è argomento di costanti polemiche. In un articolo del Guardian del 9 novembre 2009 si denuncia una manipolazione operata dalla International Energy Agency (IEA) nella sua pubblicazione annuale World Energy Outlook.
Sembrerebbe che le cifre prodotte dalla AIE siano state falsificate sotto la pressione degli Stati Uniti per evitare effetti negativi sui mercati azionari.

Siamo entrati nell'era del picco del petrolio?

Key oil figures were distorted by US pressure, says whistleblower
http://www.guardian.co.uk/environment/2009/nov/09/peak-oil-international-energy-agency

Si fanno le guerre per il petrolio e le guerre richiedono petrolio. Più petrolio si consuma per fare la guerra, più bisogna fare la guerra per procurarselo.

Energy Security: an Annotated Military/Security Bibliography
http://www.energybulletin.net/node/50208

L'energia delle armi

Il sistema militare statunitense, visto come singola unità di consumo, è il settore più energivoro al Mondo. Consuma come la Nigeria e spende oltre 20 miliardi di dollari all'anno Il sistema militare statunitense, se visto come singola unità di consumo, è il settore più energivoro al mondo. A tal proposito un approfondito articolo è stato pubblicato su Energy Bulletin con il titolo “US military energy consumption - facts and figures” di Sohbet Karbuz.
Anche se è difficile recuperare dati esatti dal Dipartimento della Difesa, l’articolo è così zeppo di cifre, rilevate da più statistiche ufficiali, che ci si può fare un'idea del volume dei consumi di energia in gioco.
In sintesi, risulterebbe che nell’anno fiscale 2006 il settore militare americano abbia consumato energia primaria per 1.100 trilioni BTU (1.100.000 miliardi di BTU) che corrispondono a circa l’1% dei consumi degli USA. Se questa cifra può sembrare bassa basti pensare che la Nigeria, con una popolazione di 140 milioni di abitanti, consuma in un anno come la struttura militare americana. A livello procapite i componenti della struttura del Dipartimento della Difesa statunitense (circa 2,1 persone) consumano 10 volte quanto un cinese e 30 volte quanto un africano medio.

Le spese annuali per i consumi energetici del Dipartimento sono intorno ai 20 miliardi di dollari all’anno. Poiché tre quarti vengono destinati alla mobilità del settore, si stima che un aumento del prezzo del barile di petrolio di 10 $ porterebbe ad un aumento della spesa energetica di 1,3 miliardi di dollari. I militari americani consumano all’anno 117 milioni di barili (oltre 320.000 al giorno). Secondo il World Fact Book della CIA (2007) ci sono nel mondo solo 35 paesi che consumano più petrolio del Dipartimento della Difesa statunitense e solo tre che ne consumano di più a livello procapite.

Malgrado tutto, qualche buona notizia c’è. La prima è che si è avuto un calo di oltre il 60% dei consumi energetici dal 1985 ad oggi, soprattutto per il miglioramento dell’efficienza di edifici e impianti di produzione, anche se va detto che alcuni sono stati venduti a società private che hanno quindi assunto l’onere delle spese energetiche. La quota dei consumi per i veicoli (soprattutto per le forze aree) è invece nettamente aumentata. Altra notizia positiva è che almeno il 9% dell’energia consumata dalle forze armate è da fonte rinnovabile; il Pentagono intende portarla al 25% entro il 2025.

http://www.qualenergia.it/view.php?id=319&contenuto=Articolo#

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)