Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti
    In occasione delle proteste contro l’approvazione della riforma pensionistica

    Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti

    Molti gli operatori dell’informazione feriti
    20 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Argentina: il macrismo attacca la libera informazione
    Licenziato il giornalista di C5N Victor Hugo Morales, che aveva denunciato le pratiche mafiose del Clarín

    Argentina: il macrismo attacca la libera informazione

    Da quando Macri è giunto al potere gran parte dei giornalisti ritenuti non graditi è stata licenziata
    13 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin
  • Santiago Maldonado è morto?
    A 77 giorni dalla scomparsa di Santiago Maldonado, il corpo di un uomo è stato trovato galleggiare proprio sulle acque del fiume Chubut.

    Santiago Maldonado è morto?

    Non ne è stata confermata l'identità, ma le spiegazioni "fantasiose" delle autorità non sono mancate
    19 ottobre 2017 - Raúl Zecca Castel
Proteste di Hijos e dell'Asociación de Ex Detenidos Desaparecidos

Argentina: sentenza shock a Rosario, liberi cinque militari legati alla dittatura

Ex prigionieri dell'Esma parlano di archivi contenenti i dati personali dei detenuti
10 settembre 2010 - David Lifodi

Hanno pagato 75mila pesos di cauzione e sono tornati liberi, la loro fedina penale adesso è pulita e sono a posto di fronte alla legge: cinque militari di Rosario, tutti ferventi sostenitori della dittatura che avvolse tra le sue spire l'Argentina tra il 1976 e ed il 1983 sono potuti rientrare a casa come cittadini comuni.
Una sentenza come questa è difficile da accettare e rappresenta una brutta pagina nella storia dei diritti umani, violati più volte dai cinque durante gli anni in cui lavoravano per il Servicio de la Jefatura de Policía di Rosario. Il giudice federale Marcelo Bailaque ne ha disposto la liberazione nonostante esistano prove schiaccianti che inchiodano i militari alle proprie responsabilità Ernesto Vallejo, Julio Fermoselle, Ernesto Dougur, Marcelo Olazagoitia e Telmo Ibarra erano finiti sotto accusa per sequestro, tortura e privazione della libertà nei confronti di una dozzina di militanti politici rinchiusi in un centro di detenzione clandestino proprio a Rosario. Sarebbe interessante scoprire se i dodici desaparecidos avessero fatto parte degli archivi della dittatura argentina, contenenti i dati personali dei detenuti, di cui hanno parlato alcuni sopravvissuti alle torture. Un prigioniero transitato dall'Esma (l'Escuela de Mecánica de la Armada di Buenos Aires), Martín Gras, che adesso lavora preso la Secretaría de Derechos Humanos de Argentina, ha di recente sostenuto che gli archivi della dittatura sono tuttora conservati, in gran parte, presso la casa di Emilio Masera, uno degli uomini di spicco della giunta militare. Esisterebbe addirittura una copia del materiale archiviato presso gli uffici del Servicio de Inteligencia Naval, come confermato dal rappresentante dell'Asociación de Ex Detenidos Desaparecidos Enrique Fukman, anche lui passato per l'Esma e sopravvissuto. Nel frattempo non sono mancate le proteste contro la sentenza di Rosario.
Hijos, la rete per i diritti umani composta dai figli che, ancora neonati, furono sottratti con la forza alle loro famiglie naturali e adottati da quelle vicine alla casta militare argentina, ha definito la liberazione dei cinque "come un insulto alle vittime del terrorismo di stato e a tutti coloro che ancora oggi portano sulla propria pelle le sofferenze derivanti dalla dittatura". L' Asociación Familiares de Desaparecidos y Detenidos por Razones Políticas di Rosario ha invece proposto che per i militari si aprano quantomeno le procedure affinché vengano processati come responsabili di reati comuni (per quanto si tratti di violazioni dei diritti umani dovuti a motivazioni politiche) e incarcerati con i delinquenti comuni in modo tale da dover sopportare le stesse pene dei militanti che avevano incarcerato.

 

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)