Latina

Efe| Caracas

Aspirante dell'opposizione accusa Chávez a L'Aja di delitti contro l'umanità

23 novembre 2011
Redazione El Mundo
Tradotto da Matteo Paone per PeaceLink
Fonte: www.elmundo.es - 21 novembre 2011

Diego Arria

Il presidente del Venezuela Hugo Chávez è stato denunciato lunedì davanti alla Corte Penale Internazionale (CPI) per presunti delitti contro l'umanità, da parte di uno dei sei aspiranti alla candidatura presidenziale unica dell'opposizione delle elezioni del 2012. Diego Arria, ex ambasciatore del Venezuela per l'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU), ha dichiarato al canale televisivo Globovision di aver sporto denuncia al procuratore capo della CPI Luis Moreno Ocampo, nella sua sede a L'Aja. Egli dovrà poi consegnarla alla Sala dei giudizi Preliminari, "dove si deciderà se è pertinente o no", ha aggiunto.

 

Arria ha affermato durante una chiamata a Globovision di aver preparato la denuncia "da più di un anno e mezzo"

"C'è un inventario di azioni davvero terribili, di brutalità commesse contro migliaia e migliaia di venezuelani, che vanno dagli omicidi fino agli sfratti forzati e all'eliminazione della proprietà privata, essendo parte di una politica sistematica statale in cui si ha il diritto di violare i diritti umani e di commettere realmente dei crimini contro l'umanità" ha poi sottolineato.

Globovision ha chiesto di riportare l'identità delle vittime per le quali si stava battendo ma Arria ha risposto che "non si possono rivelare nomi" fino a quando il procuratore capo non farà avanzare il processo e anche per "timore di "vendetta" da parte del governo venezuelano".

In un dibattito televisivo tra i sei candidati della Mesa de la Unidad Democratica (MUD – tavolo dell'unione democratica ndr.) svoltosi lo scorso 14 novembre, Arria che secondo le indagini risulta essere quello con minor probabilità di essere eletto, ha affermato che " la meta finale di tutti quelli che sfruttano il proprio popolo è la città chiamata L'Aja", sede della CPI.

Il candidato ha inoltre ricordato che, come rappresentante venezuelano all'ONU durante i governi antecedenti a Chávez, ha partecipato alla ricerca di crimini contro l'umanità commessi in Bosnia, Jugoslavia, Somalia e Ruanda.

" la comunità internazionale è entrata in azione troppo tardi e il numero di morti di conseguenza è stato infinito" ha replicato.

Arria ha aggiunto che la denuncia " non è contro l'istituzione della Presidenza e neanche contro il capo dello Stato", bensì " individuale e personale" contro Chávez.

Ha chiesto l'intervento della comunità internazionale anche per "detenere le azioni criminali" che si addossa, tra le quali vengono incluse le 155.000 vittime della malavita, riconosciute lo scorso gennaio dal governatore e che sono state uccise durante i primi dieci anni del suo governo.

 

 

L'opposizione Mesa de la Unidad Democratica ha convocato per il prossimo 12 febbraio le elezioni primarie per scegliere il suo candidato alle presidenziali del 7 ottobre, elezioni in cui si ricandiderà anche Hugo Chávez.

Note: Link all'articolo originale: http://www.elmundo.es/america/2011/11/21/venezuela/1321887479.html
Tradotto da Matteo Paone per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
  • Un'agenda per il disarmo
    Disarmo
    Garantire il nostro futuro comune

    Un'agenda per il disarmo

    Il portoghese António Guterres, nono Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha assunto l'incarico il 1º gennaio 2017 e ha scritto un importante documento, l'Agenda ONU per il disarmo, di cui qui riassumiamo alcuni punti salienti.
    2 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Agenda ONU per il disarmo nucleare
    Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare
    Pace
    Lo studio A/57/124 è stato richiesto con risoluzione 55/33 dell'Assemblea Generale ONU 20/11/2000

    Studio delle Nazioni Unite sull'educazione al disarmo e alla non proliferazione nucleare

    Questo studio è stato presentato al primo comitato dell'Assemblea generale dell'ONU nella sua 57a sessione il 9 ottobre 2002. Nello studio si prevede che l'educazione al disarmo proietti a tutti i livelli i valori della pace, della tolleranza, della nonviolenza e del dialogo fra i popoli.
    23 marzo 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)