Latina

Giornata internazionale dei migranti: il Messico continua a non proteggere i migranti

24 dicembre 2011
Amnesty International (Traduzione di Beatrice Dellabianca)
Fonte: Comunicato stampa di Amnesty International - 24 dicembre 2011

Il governo messicano non è riuscito a mantenere la sua promessa e a proteggere i migranti da estesi abusi dei diritti umani, ha dichiarato oggi Amnesty International nella giornata internazionale dei migranti.
 
Solo nell’ultimo anno, l’organizzazione ha documentato numerosi casi di migranti Centro Americani che viaggiando attraverso il Messico sono stati sequestrati, torturati, stuprati, uccisi e fatti sparire da bande criminali, spesso con la complicità di funzionari pubblici. Persino i difensori dei diritti dei migranti sono stati sottoposti ad attacchi senza precedenti.
 
“Nonostante le promesse di cambiamento del governo messicano, gli abusi sistematici nei confronti dei migranti continuano senza interruzioni mentre le leggi e le altre misure  ufficiali hanno pochissimo impatto, “ ha dichiarato Rupert Knox, ricercatore di Amnesty International sul Messico.
 
“La prevenzione e la punizione di questi crimini restano rare eccezioni.”
 
Nel Febbraio 2011, la Commissione  Nazionale per I Diritti Umani ha riferito che 11.000 migranti sono stati sequestrati nei precedenti 6 mesi.
 
Ad aprile sono state ritrovate altre fosse comuni nella municipalità di San Fernando nello stato di Tamaulipas. Diversi dei 193 corpi non identificati potrebbero essere quelli dei migranti messicani e centro americani sequestrati mentre si dirigevano verso gli Stati Uniti, ma meno di 30 sono stati identificati.
 
Nello stato del Messico tre cadaveri di migranti sono stati trovati nel giro di tre mesi, a pochi metri dal rifugio per migranti San Diego a Lecheria.

I responsabili di questi abusi raramente devono rendere conto alla giustizia e molti casi di migranti sequestrati o uccisi non vengono indagati adeguatamente.

 
Nel corso del 2011, difensori dei diritti dei migranti sono stati sottoposti ad attacchi, minacce di morte ed intimidazioni come rappresaglia per i loro sforzi nel sostenere i migranti. Fray Tomas che dirige il rifugio per migranti “La 72” a Tenosique, nello stato del Tabasco, ha ricevuto minacce di morte anonime per telefono ed è stato insultato dalla polizia e da membri dell’esercito.
 
Nell’Agosto 2010, in seguito al massacro di 72 migranti nello stato di Tamaulipas, il governo messicano ha lanciato la sua strategia per combattere gli abusi nei confronti dei migranti.
Un anno dopo, non c’era alcun indizio di progresso.
 
Durante la convocazione del Messico di fronte al Comitato delle Nazioni Unite per la protezione dei lavoratori migranti nell’aprile 2011, è emerso chiaramente che il governo era privo di un piano concreto d’azione per affrontare la crisi dei diritti dei migranti nel paese.

Una nuova legge di migrazione approvata quest’anno dovrebbe portare a una maggior protezione dei diritti dei migranti, ma la legislazione attuativa proposta non è stata concordata con la società civile né emanata. Nel frattempo, sebbene siano state prese alcune misure per eliminare i funzionari corrotti dall’ente governativo responsabile per le migrazioni (Instituto Nacional de Migración, INM),  persistono le denunce di abusi.
 
“Negli ultimi due anni abbiamo chiesto alle autorità federali del Messico di portare avanti e sviluppare un piano d’azione per proteggere i migranti e fermare gli abusi. E’ arrivato il momento che trasformino le loro promesse in azioni” ha detto Rupert Knox.
 
Per commemorare la Giornata Internazionale dei Migranti, Amnesty International ha creato una proiezione di fotografie con le testimonianze dei migranti che sono stati sequestratidurante il viaggio.

Note: Per visualizzare le fotografie: http://www.facebook.com/pages/Amnesty-International-Diritti-Umani-in-Messico/159208870845077
traduzione a cura del Coordinamento America Latina

Articoli correlati

  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa
    Latina
    Per la prima volta l’Ezln esce dal territorio messicano

    Gli zapatisti in viaggio verso l’Europa

    L’Escuadron 421 (4 donne, 2 uomini ed una donna trans) sbarcherà nel vecchio continente a metà giugno, presumibilmente sulle coste della Galizia. Gli zapatisti hanno fatto sapere che il loro viaggio servirà per parlare della loro resistenza.
    5 maggio 2021 - David Lifodi
  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)