Latina

Al ballottaggio del 25 ottobre l’ex comico potrebbe conquistare la presidenza grazie alla sua propaganda apertamente razzista

Presidenziali Guatemala: Jimmy Morales favorito su Sandra Torres

Il suo partito, il Frente de Convergencia Nacional, è costituito da ex militari di estrema destra
14 ottobre 2015
David Lifodi

internet

Ni corrupto ni ladrón è lo slogan che potrebbe far vincere le presidenziali a Jimmy Morales il 25 ottobre, data in cui è stata stabilita la segunda vuelta in Guatemala: una prospettiva piuttosto preoccupante considerando il razzismo e l’egocentrismo dell’ex comico ormai divenuto il faro della destra radicale del paese centroamericano.

“La mia aspirazione è che tra cento anni, nelle scuole di tutto il paese, si insegni che Jimmy Morales è stato il miglior presidente della storia guatemalteca”, dice il candidato del Frente de Convergencia Nacional (Fcn) parlando di se stesso in terza persona. Il boom di Morales al primo turno, quando nessuno se lo aspettava, ha diverse spiegazioni. Di certo, a destra, ha avuto la strada spianata, grazie agli scandali che hanno coinvolto non solo Otto Pérez Molina e la sua vice Roxana Baldetti, entrambi costretti a lasciare l’incarico, ma anche il favorito alla sua successione, quel Manuel Baldizón di Lider (Libertad Democrática Renovada) il cui vice, a sua volta, si è trovato coinvolto in un altro scandalo, Lavado y Política. Edgar Barquín, che avrebbe dovuto essere il vice di Baldizón, è stato indagato per riciclaggio di denaro sporco per la sua attività di presidente del Banco de Guatemala: pare che la campagna elettorale di Lider sia stata finanziata in gran parte anche dal narcotraffico. Inoltre, Morales sa di poter sfruttare al massimo il basso livello di scolarità di buona parte della popolazione guatemalteca, e così i suoi proclami ad effetto, spesso politicamente scorretti ed intrisi di qualunquismo, dalla negazione del genocidio maya alle sue posizioni contro l’aborto e a favore della pena di morte, trovano un certo consenso. L’ex comico ha quindi buon gioco nel proporsi come il presidente che si occuperà degli interessi del popolo e garantire che non ha alcuna esperienza, ma certo non può fare peggio di coloro che lo hanno preceduto. La classe media potrebbe dargli il voto perché non ha la memoria storica del genocidio e non si scandalizza per il suo dichiarato negazionismo: del resto, l’operazione tierra arrasada dei primi anni Ottanta è servita non solo per sterminare gli indigeni maya, ma anche per togliere di mezzo una generazione di giovani politicamente coscienti che cercava di lottare contro regimi militari come quelli di Lucas García e Montt. E poi negare il genocidio paga in termini elettorali, come ha già sperimentato “Mano Dura” Molina quando è stato eletto alla guida del paese. Morales batte anche sul tema della sicurezza incolpando apertamente i migranti: non ha altre proposte, eppure piace all’elettorato di destra e non solo, anche perché se Lider è stata sanzionata per aver sforato ampiamente il massimo della spesa previsto per la campagna presidenziale, l’ex comico può vantare delle cifre modestissime che pure lo hanno portato a giocarsi la possibilità di diventare presidente con Sandra Torres, candidata per la Unidad Nacional de la Esperanza (Une), con vaghe tinte di centrosinistra, non entusiasmante, ma di certo assai preferibile alla guida del paese. Il Frente de Convergencia Nacional, come del resto il Partido Patriota di Molina, è costituito in gran parte da militari ed ex militari di estrema destra. Morales riesce ad acchiappare l’elettorato “nonostante l’evidente contraddizione tra il suo essere antisistema e appartenere, al tempo stesso, ad un partito molto conservatore e di destra”, notano gli analisti politici guatemaltechi: si vanta di aver frequentato l’Universidad de San Carlos, l’università che in Guatemala è ritenuta del popolo (e dove negli anni ’80 i patrulleros di regime rapivano gli studenti per poi torturarli) e di essere figlio della classe lavoratrice. Del resto, Morales è un attore ed ha avuto grande facilità nel presentarsi come un outsider, anche se in realtà è una vecchia volpe dell’estabilishment politico. Nel 2011 aveva corso per ottenere un seggio al Congresso in qualità di deputato di Lider per poi partecipare alle elezioni a sindaco di una cittadina guatemalteca. Finora l’ondata di mobilitazioni sociali che si susseguono in Guatemala dallo scorso aprile, quando è scoppiato lo scandalo denominato La Línea, che ha travolto Baldetti e Molina, non sono però servite a creare un fronte compatto a sinistra in grado di creare un’alternativa al sistema di alternanza al potere tra le destre, con l’unica eccezione della Une in occasione della presidenza di Álvaro Colom. Nonostante gli scandali e le proteste contro corruzione e impunità, l’oligarchia ha già trovato un nuovo cavallo su cui puntare, Jimmy Morales, per mantenere il paese in uno stato feudale e ridurlo a terra di saccheggio per le multinazionali.

Infine, alle accuse verso il Frente de Convergencia Nacional come partito composto solo da militari, Morales risponde che in Guatemala i militari sono attori chiave in tutte le formazioni politiche: a tutto ciò aggiunge qualche spruzzata di cattolicesimo evangelico in un paese dove la presenza degli evangelici è stata incentivata nel corso degli anni per contrastare la Teologia della Liberazione e il gioco è (quasi) fatto. Resta solo la speranza di Sandra Torres per tamponare l’emergenza (la vittoria di Morales auspicata dall’oligarchia locale), ma soprattutto che la società civile autorganizzatasi negli ultimi mesi riprenda la parola e ricostruisca un paese che non merita di andare a fondo sotto i colpi di militari, elites corrotte e proprietari terrieri.  

 

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Brasile: finalmente Lula!
    Latina
    Adesso per il presidente si apre una partita non meno complessa di quelle affrontate finora

    Brasile: finalmente Lula!

    Con il 50,9% Lula ha sconfitto Jair Bolsonaro (49,1%) in un difficile ballottaggio. La costituzione di un composito fronte antifascista, composto anche da forze di destra non bolsonariste, ha permesso a Lula di tornare al Planalto e sconfiggere il Messia Nero.
    31 ottobre 2022 - David Lifodi
  • Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia
    Latina
    Nelle presidenziali del 2 ottobre il paese spera in Lula per uscire dall’incubo bolsonarista

    Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia

    Cresce la violenza politica da parte dei sostenitori di Bolsonaro
    21 settembre 2022 - David Lifodi
  • Guatemala, istituzioni sotto scacco
    Latina

    Guatemala, istituzioni sotto scacco

    Mobilitazioni e proteste contro l'alto costo della vita, la corruzione e la persecuzione politica
    18 agosto 2022 - Giorgio Trucchi
  • Comunità LGBTI sotto attacco in Guatemala
    Latina
    Morti violente e totale impunità

    Comunità LGBTI sotto attacco in Guatemala

    Delle 16 persone uccise dall’inizio dell’anno, 5 erano donne trans, 9 uomini gay, una donna lesbica e un uomo bisessuale. Lo scorso anno sono state 33 le persone assassinate.
    15 luglio 2022 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)