Latina

Il 14 marzo Marielle Franco, attivista femminista, è stata uccisa a Rio de Janeiro da nove colpi di arma di fuoco

Brasile: in memoria di una partigiana della democrazia

Sulla morte della donna pesa la militarizzazione delle favelas imposta di recente da Temer
19 marzo 2018
David Lifodi

Marielle Franco

L'omicidio di Marielle Franco, attivista femminista e consigliera municipale del Psol (Partido Socialismo e Liberdade) a Rio de Janeiro, uccisa da nove colpi di pistola calibro 9 esplosi da un'auto in corsa lo scorso 14 marzo, va classificato come un crimine di natura politica e non derubricabile ad un crimine comune, come stanno cercando di fare i suoi detrattori.

In tutto il paese il legame tra narcotrafficanti, polizia corrotta e le mafie che controllano le favelas è stato utilizzato in maniera strumentale dal presidente Michel Temer per inviare la polizia militare nelle sterminate baraccopoli di Rio de Janeiro allo scopo di militarizzarle, nonostante il parere contrario degli stessi abitanti, stufi di essere costretti a subire continuamente i soprusi di quelle forze in teoria deputate a mantenere l'ordine. Marielle aveva preso posizione fin dall'inizio contro la militarizzazione delle favelas, un ambiente che conosceva bene poiché lei stessa proveniva da quella di Maré, una delle più grandi e problematiche di Rio de Janeiro. Di recente la giovane consigliera (nata nel 1979) era stata designata dal suo partito per monitorare gli abusi della polizia nella favela di Acari, nella zona nord della città.

Poco dopo il suo assassinio è emerso che i proiettili sparati contro di lei e l'autista Anderson Pedro Gomes, appena usciti da un incontro con un gruppo di giovani donne nere, sono quelli in dotazione alla polizia militare. Difficile pensare che si tratti di una casualità. L'impegno di Marielle per i diritti umani, contro il razzismo e per la difesa dei giovani delle favelas, di cui non si stancava mai di denunciarne un vero e proprio genocidio nel silenzio delle istituzioni, era conosciuto da tutti. Marcelo Freixo, candidato del Psol alle ultime elezioni comunali e spesso oggetto di minacce di morte, ha sottolineato che Marielle non aveva mai subito intimidazioni, ma che si è trattato di un crimine premeditato. In Brasile la tensione politica sta crescendo pericolosamente. Il prossimo 26 marzo l'ex presidente Lula sarà processato con grandi probabilità di finire in carcere. Nel frattempo l'odio corre sui social network e, di fronte all'omicidio di Marielle, che ha comunque scosso profondamente l'opinione pubblica e ha spinto la gente a scendere in piazza per protestare contro la sua morte, gli insulti nei suoi confronti si sprecano. "È stata uccisa da quei banditi delle favelas che ha sempre difeso", "propagandava l'odio tra le classi e tra le razze", "apparteneva a un partito che difendeva i narcotrafficanti", "la colpa è dei partiti di sinistra che hanno governato il Brasile per 14 anni e hanno trasformato il paese in una terra di nessuno": questi sono solo alcuni degli insulti che ancora di più fanno pensare ad una motivazione tutta ideologica dietro all'assassinio di Marielle Franco.

In rete circola una bella intervista alla donna pubblicata da Brasil de Fato, "Ser mujer negra es resistir y sobrevivir todo el tiempo", che segnalava come fosse la quinta candidata più votata alla Camera municipale con ben 46mila voti. Nel corso del colloquio con Marielle, alla vigilia dello scorso 8 marzo, la consigliera del Psol parlava delle sfide che avrebbe dovuto affrontare il femminismo, del progetto di legge per rendere l'aborto legale e rivendicava i diritti delle donne nere, violentate quotidianamente e costrette a subire sulla propria pelle un odio di razza e di classe. Solo pochi giorni prima che la sua auto fosse affiancata da quella degli assassini che le hanno sparato, Marielle aveva denunciato le violenze della polizia in quella favela di Acari dove il 41° battaglione aveva terrorizzato i suoi abitanti commettendo abusi di ogni sorta. "Dobbiamo gridare affinché tutti sappiano cosa sta accadendo ad Acari in questo momento. Il 41° battaglione della polizia militare sta terrorizzando la gente di Acari e questa settimana due giovani sono stati assassinati", aveva scritto Marielle, attribuendo tutto ciò alla militarizzazione delle favelas imposta da Temer.

L'omicidio di Marielle Franco, definito da molti come un vero e proprio attentato alla democrazia, non è servito però a far tacere i sostenitori dell'intervento della polizia nelle favelas, convinti che si tratti di una misura assai remunerativa in termini di voti, soprattutto per uno dei candidati al Planalto più violento, razzista e omofobo nella storia del Brasile, quel Jair Bolsonaro che inneggia quotidianamente alla repressione. La morte di Marielle è una delle conseguenze dell'odio politico dilagato nel paese a seguito del colpo di stato e rappresenta un vero e proprio attacco allo stato di diritto.

Il Psol e tutto il Brasile democratico hanno perso una partigiana della pace e dell'antirazzismo. Solo pochi giorni prima di morire, sul proprio account twitter, Marielle aveva scritto: "Di quanti morti c'è ancora bisogno, prima che questa guerra termini?"

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari
    Latina
    Lo scorso luglio inflitte condanne tra i 5 e i 7 anni di carcere a 23 attivisti che avevano partecipato alle Jornadas de Junho del 2013 contro le grandi opere legate ai mondiali di calcio del 2014 e alle Olimpiadi del 2016

    Brasile: persecuzione giudiziaria contro le organizzazioni popolari

    Per condannare i militanti è stata utilizzata la “delazione premiata” e l’infiltrazione degli agenti all’interno dei movimenti sociali
    12 settembre 2018 - David Lifodi

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.9 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)