A seguito della condanna dell'ex presidente confermata dal Tse il suo posto potrebbe essere preso dall'ex sindaco di San Paolo

Brasile: Fernando Haddad al posto di Lula?

Bolsonaro e Alckmin saranno i principali candidati delle destre nelle presidenziali del 7 ottobre
3 settembre 2018 - David Lifodi

Lula

In meno di un giorno e, a schiacciante maggioranza, il Tribunale supremo elettorale ha confermato la condanna inflitta a Lula per corruzione e riciclaggio di denaro sporco (entrambe le accuse non provate), che non solo sancisce una volta di più i 12 anni di carcere imposti all'ex presidente brasiliano, ma rappresenta un nuovo, durissimo colpo alle sue speranze di potersi candidare. A meno di improbabili verdetti favorevoli, Lula non potrà partecipare alle presidenziali del 7 ottobre, ma gli avvocati hanno comunque deciso di impugnare la sentenza, sostenendo che lo stesso Tse ha autorizzato in passato altri condannati a poter partecipare alle elezioni.

La cosiddetta "sentenza express", definita dal Partido dos Trabalhadores come un golpe nel golpe, assume, una volta di più, le sembianze di un'autentica farsa per evitare che Lula conquisti il Planalto, mentre nessuno si occupa dei guai giudiziari con cui è costretto a fare i conti il leader dell'estrema destra brasiliana Jair Bolsonaro, che negli ultimi sondaggi sarebbe distanziato di circa 20 punti percentuali rispetto a Lula. Sulla testa dell'ex capitano dell'esercito pende infatti una denuncia per razzismo e un processo per incitazione allo stupro, ma per Bolsonaro, all'orizzonte, non c'è una cella che lo aspetta e che gli impedirebbe di fare propaganda come invece è accaduto a Lula.

A poco più di un mese dalle presidenziali, all'interno del Pt, prende corpo l'idea che possa essere essere Fernando Haddad, ex sindaco di San Paolo, a giocarsi il Planalto contro Bolsonaro e gli altri candidati alla presidenza in una sfida dall'esito imprevedibile, con la giovane Manuela D'Avila, del Partido Comunista do Brasil, in qualità di vicepresidente. Già ministro sotto le presidenze di Lula e Dilma Rousseff, Haddad più volte si è recato in cella non solo per visitare il suo compagno di partito, ma anche per elaborare una strategia elettorale in grado di far breccia tra gli elettori il prima possibile. La prospettiva che Bolsonaro conquisti il Planalto, infatti, non è poi così remota, e ancora più preoccupante è la scelta di quest'ultimo di avere come eventuale vice il generale Antonio Hamilton Mourao, sia per i suoi continui richiami alla dittatura militare sia perché lo scorso anno, in occasione di un incontro promosso dalla Loggia massonica di Brasilia, evocò apertamente la necessità di un intervento militare, una sorta di colpo di stato promosso dalle Forze armate all'interno del golpe di Temer.

Pur di evitare il ritorno al Planalto del "lulopetismo" (così l'opposizione più radicale definisce con disprezzo la linea politica petista), imprese, lobbies, multinazionali e agronegozio sono disposte anche ad appoggiare Bolsonaro, pur di sbarrare la strada al centrosinistra che peraltro, sia all'epoca di Lula sia durante la presidenza di Dilma Rousseff, non ha mai promosso misure particolarmente rivoluzionarie, anzi. Solo per fare un esempio, la riforma agraria è rimasta al palo come durante i governi dei tucanos, la "socialdemocrazia" (leggi destra liberista) che stavolta scommette su Geraldo Alckmin, ex governatore di San Paolo. Dalla sua Alckmin, e la sua vice Ana Amelia, hanno il sostegno di gran parte dell'apparato mediatico brasiliano, mentre sembra difficile che, come già avvenuto in occasione delle ultime presidenziali, Marina Silva possa giocare il ruolo di outsider, nonostante il sostegno di gran parte dell'elettorato evangelico. Difficile ipotizzare anche un exploit di Ciro Gomes, esponente di un centro opportunista più volte rivelatosi però indispensabile per la vita di numerosi governi brasiliani.

Per il Brasile democratico resta inevitabilmente la necessità di appoggiare Lula, pur con tutte le contraddizioni del Pt e la sua politica fin troppo conciliante verso la borghesia. Per questo, intorno al piano per il Brasile proposto da Lula e condiviso da Haddad, se sarà davvero lui a calarsi nell'agone politico, ruotano le tematiche della sovranità territoriale e dell'integrazionismo latinoamericano, che Michel Temer, uno dei presidenti più screditati nella storia del paese, ha praticamente cancellato. Inoltre, il piano di Lula prevede un forte impegno per riaffermare i diritti umani, fermare la crescente criminalizzazione dei movimenti sociali, sostenere di nuovo quei diritti sociali scomparsi dall'agenda politica di Temer. E ancora, se Haddad o, più difficilmente Lula, arriveranno al Planalto, sono già in programma politiche dedicate alla tutela dell'uguaglianza razziale, ai diritti della comunità lgbtqi e dei contadini, ad un maggiore pluralismo dell'informazione e misure legate alla riforma agraria.

Attualmente, nello scenario politico latinoamericano, un programma elettorale di questo tipo non sarebbe semplice da applicare (lo hanno già sperimentato sulla loro stessa pelle Lula e Dilma Rousseff), ma il Brasile non può permettersi di compiere ulteriori passi indietro.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Raccontatori di utopie realizzate
    Due storie parallele, due storie di vita

    Raccontatori di utopie realizzate

    Roberto e Valdo erano due "meninos de rua" (bambini di strada) brasiliani, che hanno avuto il coraggio e la forza di percorrere una via diversa da quella segnata dalla droga e dalla delinquenza.
    20 ottobre 2009 - Gianfranco Zavalloni
  • Sette giorni dopo sette anni

    Il Brasile, i poveri e la "cospirazione della speranza"

    Torno a São Paulo. Prima di tutto cerco i 'miei' adolescenti, quelli che accompagnavo passo passo entrando e uscendo dal carcere minorile. E cercando loro cerco me stesso... Vedo i ragazzi che muoiono lentamente bruciandosi il cervello con il nuovo e economico modello di droga in circolazione: si chiama lança-perfume.
    26 gennaio 2008 - p. Dàrio
  • Tra le cause delle morti non naturali il 30,1% è dovuto a ferite per armi

    Domani referendum in Brasile sulle armi da fuoco

    In occasione del primo referendum del Brasile, il 23 ottobre gli elettori del paese sudamericano saranno infatti chiamati a votare per la proibizione o meno del commercio di armi da fuoco.
    22 ottobre 2005
  • Sì alla vita delle persone, sì al divieto di uccidere, sì all'abolizione del mercato delle armi

    Un referendum che riguarda l'umanita' intera

    Il 23 ottobre in Brasile si svolgerà il primo referendum nella storia di quell'immenso paese: la popolazione tutta sarà chiamata a decidere se vuole proibire il commercio delle armi da fuoco.
    9 settembre 2005 - Giacomo Alessandroni
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)