Latina

Colombia: lettera di protesta dalla Svezia al presidente Uribe

13 settembre 2004
Fonte: Nuova Colombia

Signor Alvaro Uribe Vélez
Presidenza della Repubblica

C.C:
Sig. Carlos Franco, Programma Presidenziale per i Diritti Umani ed il
Diritto Internazionale Umanitario
Sig. Edgardo Maya, Procura Generale della Nazione

Sig. Presidente: siamo venuti a conoscenza, per mezzo di fonti di
attendibilità e credibilità totali, del fatto che lo scorso 5 agosto,
nel villaggio di Caño Seco (municipio di Fortul, Arauca) l'Esercito
ha ucciso extra-giudizialmente tre leader storici del dipartimento:
Héctor Alirio Martínez, Leonel Goyeneche y Jorge Prieto, i quali
beneficiavano di misure cautelari di protezione sancite dalla
Commissione Interamericana dei Diritti Umani (CIDH) e si erano
disimpegnati per decenni come riconosciuti dirigenti sociali,
contadini e sindacali.

Ci preoccupa enormemente la versione ufficiale del suo Governo,
secondo cui questi leader sociali avrebbero sparato a unità militari,
cosa che avrebbe causato la loro morte, così come ci preoccupa che la
titolarità dell'inchiesta venga assunta dalla giurisdizione penale
militare.

E ci preoccupa perché sono ormai molti, in Colombia e specialmente in
Arauca, i casi in cui le autorità militari manipolano le prove per
occultare la propria responsabilità ed incolpare le vittime.

Per tale ragione, e in qualità di organizzazioni di difesa dei
diritti umani, contadini e sindacali, sollecitiamo il suo intervento
affinché l'inchiesta di questo caso sia affidata esclusivamente alla
giustizia ordinaria, e non a quella penale militare, al fine di
garantire la massima trasparenza e l'applicazione della giustizia e
dell'equità relativamente a questo deplorevole fatto.

Cordialmente

Margareta Olafsson, vice-sindaco di Stoccolma, Svezia
Jens Holms, Partito della Sinistra, Svezia, e primo supplente al
Parlamento Europeo

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: terrorismo di stato
    Latina
    Continua la violenta repressione contro le proteste che proseguono dal 28 aprile scorso

    Colombia: terrorismo di stato

    Il nuovo levantamiento era iniziato contro la riforma tributaria imposta, e poi ritirata, dal presidente Duque
    18 maggio 2021 - David Lifodi
  • Il  Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio
    Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)