Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cile: il caso del machi Celestino Cordova

    Cile: il caso del machi Celestino Cordova

    Come il governo cileno non rispetta i diritti umani e le norme internazionali, costringendo un’autorità spirituale mapuche a morire in sciopero della fame
    20 aprile 2018 - Manuel Zani (*)
  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin
  • Cile: la visita del Papa lascia molti punti in sospeso
    Alle radici della contestazione dei mapuche e dei movimenti sociali

    Cile: la visita del Papa lascia molti punti in sospeso

    Il percorso di Bergoglio non è stato dei più facili
    22 gennaio 2018 - David Lifodi

Argentina: i Mapuche rifiutano la donazione di terra del gruppo Benetton

Mauro Milan, dell'organizzazione Mapuche che partecipa a Roma all'incontro con Luciano Benetton, per discuterevdella rstituzine delle terre ancestrali dei Mapuche, ha dichiarato di rifiutare l'offerta di donazione di 2500 ettari avanzata dal gruppo italiano
10 novembre 2004
Fonte: Télam, Mapuexpress

Buenos Aires, 9 novembre (Telam). Mauro Millan, dell'Organizzazione Mapuche
che partecipera' a Roma all'incontro con Luciano Benetton per discutere
la restituzione delle terre ancestrali dei mapuche, ha rifiutato la donazione
di 2500 ettari avanzata ieri dal gruppo imprenditoriale di proprieta' del
magnate.

Nel colloquio con Telam da Roma, ha dichiarato che la notizia dell'offerta
delle terre al premio Nobel per la Pace, Adolfo Perez Esquivel, che partecipa
alle trattative con Benetton, lo ha colto di sorpresa.

"Qui bisogna capire che non stiamo parlando di filantropia. Il nostro accordo
iniziale e' di porre fine alla sopraffazione che stiamo vivendo come popolo
indigeno", ha sottolineato Millan, che aspetta la riunione con Benetton
per giovedi', insieme alla coppia Curinanco-Nahuelquir.

Millan ha dichiarato anche che, mentre a Treviso, sede dell'holding tessile,
tutti i mezzi di comunicazione discutono della controversia con i mapuche,
nella capitale italiana solo il quotidiano "Il Messaggero" ha pubblicato
la notizia della "donazione di terre a Perez Esquivel".

Esquivel, che non e' ancora arrivato a Roma, oltre al colloquio con Benetton
partecipera' ad un incontro con altre personalita' mondiali che sono state
insignite del Premio Nobel.

Alla riunione con Benetton per discutere se la coppia mapuche Curinanco-Nahuelquir
ha dei diritti sui 534 ettari che reclama partecipera' anche l'ambasciatore
argentino in Italia, Victorio Tachetti, che rappresenta l'esecutivo nazionale,
in accordo con un'esigenza dell'impresario italiano.

Tachetti, oltre ai precedenti del caso emessi negli ultimi giorni dal vicecancelliere,
Jorge Taiana, ha anche ricevuto istruzioni - che ancora non si conoscono
- affinche' la posizione del governo argentino si mantenga prudente nella
mediazione.

Ieri, dopo aver appreso l'offerta di Benetton, il Servizio di Pace e Giustizia,
presieduto da Perez Esquival, ha informato che "nesuno puo' essere garante
di terre che sono sempre appartenute ai mapuche, tranne un Premio Nobel
per la Pace".

Nonostante cio', hanno dichiarato di "avere rispetto per l'autodeterminazione"
e che sono i mapuche che si sono recati in Italia "coloro che devono decidere
in merito a quest'offerta".

Ugualmente, hanno detto che "il vero atto simbolico e di convivenza della
diversita' dei Popoli della Patagonia sarebbe dato da una restituzione effettiva
e dal rispetto della propria autodeterminazione come Popolo, e non da una
donazione".

Note:

http://www.mapuexpress.net/?act=news&id=110&PHPSESSID=b21efe51de689690858a0439558a3fd0

Traduzione dallo spagnolo di Silvia Corbatto a cura dell'associazione Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)