Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?
    La provocazione del Servizio penitenziario federale a pochi giorni dal quarantaduesimo anniversario del colpo di stato

    Argentina: domiciliari per i torturatori del regime militare?

    A beneficiarne, tra gli altri, ci potrebbero essere Alfredo Astiz, Horacio Martínez Ruiz, Victor Gallo, Jorge “el Tgre” Acosta, Julio Simón e l’ex cappellano militare Cristian Von Wernich
    24 marzo 2018 - David Lifodi
  • Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari
    È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

    Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

    Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
    13 novembre 2017 - Oscar Litwin
  • Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti
    In occasione delle proteste contro l’approvazione della riforma pensionistica

    Argentina: la polizia spara pallottole di gomma contro i giornalisti

    Molti gli operatori dell’informazione feriti
    20 dicembre 2017 - David Lifodi
  • Argentina: il macrismo attacca la libera informazione
    Licenziato il giornalista di C5N Victor Hugo Morales, che aveva denunciato le pratiche mafiose del Clarín

    Argentina: il macrismo attacca la libera informazione

    Da quando Macri è giunto al potere gran parte dei giornalisti ritenuti non graditi è stata licenziata
    13 dicembre 2017 - David Lifodi
comunicato stampa

Argentina: la delegazione Mapuche, a Roma per incontrare Benetton, non crede alle sue parole e chiede impegni scritti

12 novembre 2004

Non crediamo nella parola del "winka"
Roma, 12 novembre 2004
Ieri si è concretizzata la tanto propagandata riunione con Luciano Benetton, come abbiamo detto dall'inizio, questa era solo una delle cose che avremmo fatto in Italia durante la nostra visita.
Lo confermiamo.
Non ci siamo incontrati per prendere il tè o per giocare a canasta, siamo andati a trovare il maggiore latifondista di Puelmapu.
Non siamo andati a fare le fotografie per le campagne pubblicitarie della compagnia né per ascoltare dei discorsi progressisti. E' in questi termini che si svolse l'incontro.

Abbiamo lasciato chiara la nostra posizione, le abbiamo detto in faccia a uno dei principali usurpatori del Wallmapuche che restituisca il nostro territorio, che la smetta con le campagne diffamatorie e confusionarie e con il finanziamento ai nostri repressori.

Abbiamo verificato ancora una volta che lontanamente di cercare di rispondere alle nostre richieste, Benetton cerca di ricomporre la sua immagine di "capitalista umanitario".
Abbiamo verificato ancora una volta la mancanza di impegno da parte dello Stato argentino di fronte alla richiesta dei Popoli Originari, in questo caso, del Popolo Mapuche, inviando il suo ambasciatore in Italia, che ignora la profondità della nostra protesta.

Abbiamo anche verificato che alcuni dei mediatori erano più interessati a preservare la buona immagine della compagnia che a "mediare".

Abbiamo lasciato chiara la nostra posizione e ci siamo ritirati di fronte all'impossibilità di ottenere delle decisioni .
Continueremo la nostra visita in Italia denunciando i soprusi che soffriamo a causa delle multinazionali che invadono il Wallmapu con la complicità dello Stato.
Benetton e le autorità argentine vedranno quali proposte serie trovare.

La corporazione italiana si è opposta alla stesura del verbale della riunione. Il sindaco di Roma, Walter Veltroni, in difesa dei suoi compatrioti ha sostenuto "che una azienda di questa importanza non ha bisogno di impegnarsi per iscritto, basta la sua parola".

Perché non rimangano dubbi, ripetiamo ancora una volta, che molto, molto tempo fa, abbiamo smesso di credere nella parola del winka (usurpatore).
E neppure crediamo negli specchietti colorati.

Note:

traduzione di Alejandra Bariviera a cura di Peacelink

Contactos:
Tel: (02945) 45 1611 - Esquel //// (00 39 320) 569
7251 // 018 9668 - Italia.
E-mail: puelweycha@latinmail.com /// puelmapu@geomundos.com

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)