Legami di ferro

Ecco dove si può scaricare

Comunicato stampa di lancio del libro "Legami di ferro"

L'e-book si può leggere su tutti i dispositivi mobili e anche sul computer fisso
29 aprile 2015
Libro “Legami di ferro”

Autore: Beatrice Ruscio

Titolo: Legami di ferro

Dalla miniera alla fabbrica. Dal cuore dell'Amazzonia brasiliana al quartiere Tamburi di Taranto

Casa Editrice: Narcissus self-publishing



il libro racconta una storia che dal quartiere Tamburi di Taranto arriva fino alla foresta amazzonica brasiliana.


PeaceLink, su invito dei missionari comboniani, ha partecipato ad un seminario internazionale in Brasile con lo scopo di unire i movimenti che si oppongono alla siderurgia selvaggia e all'inquinamento globale. Si è così creata una rete internazionale di solidarietà e resistenza. Questo libro racconta la nascita di tale progetto.

Beatrice Ruscio insieme a Padre Dario Bossi, il missionario comboniano che lotta al fianco delle popolazioni dell'Amazzonia

Dall'alleanza con i missionari comboniani brasiliani, che ci hanno trasmesso forza, speranza e voglia di continuare a far sentire la nostra voce, dal filo di fumo rosso che unisce la città di Taranto a Piquiá de Baixo, dal legame di fratellanza e solidarietà che si è creato tra popolazioni così diverse e distanti tra loro, è nato un libro. Un libro che parla di una delle maggiori multinazionali minerarie del mondo, la Vale e del più grande stabilimento siderurgico d'Europa, l'Ilva di Taranto. Parla del quartiere Tamburi e di Piquiá de Baixo, di inquinamento e resistenza, di storie di malattie e voglia di vivere, di ricostruire, parla di idee, speranze, coraggio e determinazione.
Un libro che vuole essere un ponte, capace di attraversare l'oceano e unire le voci, i cuori, le lotte.

Il libro è disponibile in formato ebook su amazon.it e sulle maggiori librerie online.

A breve sarà disponibile anche in versione cartacea, edito da Narcissus self-publishing (ISBN 978-60-5037-458-2).

Al libro è legato un sito internet (www.legamidiferro.eu) che verrà continuamente aggiornato, con le informazioni riguardanti questa alleanza tra popolazioni che si oppongono alla siderurgia inquinante e allo sfruttamento minerario selvaggio. É un progetto ambizioso che vuole creare legami fra le vittime di questo ciclo economico.

“Il libro – spiega Beatrice Ruscio - nasce da un viaggio, da una missione del cuore, che ci ha portati dall’altra parte del mondo a confrontarci con popoli tanto lontani da noi, eppure così incredibilmente vicini. Parla di legami di ferro, sporchi e inquinanti come quel minerale che dal Brasile arriva fino a Taranto, a ricoprire e contaminare ogni cosa ma, anche, dei legami ben più solidi e inattaccabili che si sono creati tra le persone. Legami nati dalla consapevolezza di vivere lo stesso dramma, dalla stessa voglia di rivalsa nei confronti di un sistema non più sostenibile e dalla stessa sete di giustizia. Legami veri, che niente e nessuno potrà spezzare. E’ un libro che parte da lontano, dalle miniere del Carajás in Brasile per arrivare fino al quartiere Tamburi di Taranto e che speriamo possa far conoscere, riflettere e toccare i cuori di tante persone. Perchè il diritto alla salute, il diritto a vivere in una città sana, il diritto alla vita, non devono avere bandiere, nè confini”.



 

Come scaricare l'ebook:

 

  1. Creare un account di Amazon su www.amazon.it sia sul computer sia sul telefono, in pochi semplici passaggi. Verranno richiesti: nome, cognome, indirizzo e il numero di una carta di credito, o Postepay, Postepay evolution per effettuare i pagamenti. Successivamente viene consigliato di scaricare la app di lettura Kindle gratuita, per poter scaricare e leggere ebook su tablet, pc fisso e cellulare.

  2. Da questo momento in poi si possono acquistare ebook online.

L’ebook è scaricabile, oltre che da amazon, anche da altre piattaforme. L’elenco aggiornato è disponibile su www.legamidiferro.eu



Come organizzare una presentazione del libro

  1. Contattare l'autrice all'indirizzo email b.ruscio@peacelink.it

  2. Nei prossimi giorni sarà disponibile la versione cartacea del libro pertanto le associazioni, le librerie e i movimenti sensibili alle tematiche ambientali e alla tutela dei diritti umani, possono organizzare presentazioni, incontri e dibattiti.

Note: Ecco alcuni link da cui si può scaricare l'e-book:

http://www.amazon.it/Legami-di-Ferro-Beatrice-Ruscio-ebook/dp/B00WRYWMSA/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1430257392&sr=8-1&keywords=beatrice+ruscio
http://www.ultimabooks.it/legami-di-ferro
https://www.bookrepublic.it/book/9786050374469-legami-di-ferro/
http://www.9am.it/sito/Catalog/Language0/Default.aspx?template=ebookDettaglio.html&ck=WIEETTRWEU&F=Codice&V=%279786050374469%27

Articoli correlati

  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata
    Ecologia
    Intervento di PeaceLink al TAR Lazio è andato a buon fine

    Cokeria ILVA, la batteria più grande verrà fermata

    La batteria 12 è una delle quattro attualmente in funzione in fabbrica che servono ad alimentare di carbon coke gli altiforni. “La batteria 12 - dicono le fonti dell’azienda - avvierà la fase finale di ambientalizzazione l’1 settembre. Tale fase richiede la sospensione della produzione".
    26 agosto 2021
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)