Legami di ferro

Taranto

Legami di ferro ed Ecodidattica

Due giorni intensi di incontri e dibattiti che mi hanno permesso di portare, ancora una volta, il messaggio di Legami di ferro.
20 ottobre 2016

Due giorni intensi di incontri e dibattiti che mi hanno permesso di portare, ancora una volta, il messaggio di Legami di ferro. Martedì durante l'incontro di Ecodidattica all'Istituto 'Righi' di Taranto, ho parlato ai docenti della mia esperienza in Brasile e del ciclo di produzione dell'acciaio, in un discorso più ampio di sviluppo sostenibile ed ecologia. Le parole di stima dei docenti presenti e i loro complimenti mi hanno riempito il cuore di gioia e dato nuova energia per continuare quella che io chiamo la mia missione del cuore. Mercoledì ho incontrato i ragazzi dell'Istituto 'Vittorino da Feltre' e a loro ho cercato di raccontare il viaggio del ferro come fosse una storia. Una storia di inquinamento e ingiustizia, di razzismo ambientale ma anche di riscatto. Ho cercato di arrivare a loro, di scuoterli, di far capire che non esistono più problemi locali, ma che ci troviamo di fronte ad un problema globale di sviluppo non più sostenibile. Quando una ragazza mi ha chiesto da dove cominciare per poter reagire, ho risposto così:"Iniziate a studiare, a conoscere, ad informarvi e in seguito informate. Usate la rete che è un mezzo potentissimo, e condividete. La conoscenza e lo scambio di informazioni vi dará una nuova consapevolezza, vi renderà liberi e non dovrete più accettare ciò che cercano di imporvi. Non lasciate che vi costringano ad andare via dalla vostra terra perché non c'è futuro. Lottate per costruirlo quel futuro, lottate per la vostra città. Indignatevi quando la definiscono 'Taranto-la città-dell'Ilva', perché Taranto non è dell'Ilva, ma dei tarantini. Lottate affinché si parli di Taranto come della città del Castello Aragonese, dei delfini in libertà, degli ipogei, del mare cristallino. Il futuro parte da voi, se saprete credere e crescere consapevolmente". Non so se sono riuscita a toccare le loro menti, a scuotere un po' una coscienza assopita, quasi rassegnata, mi accontenterei di aver risvegliato anche solo uno di quei giovani.

Articoli correlati

  • Cittadinanza globale a partire da Taranto
    Cittadinanza
    Taranto un esempio educativo virtuoso e virtuale

    Cittadinanza globale a partire da Taranto

    A Cortona nel 2008 l’esperienza fondante di un summit sulla cittadinanza attiva e globale
    22 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto
    Taranto Sociale
    I cittadini protesteranno perché il sindaco Rinaldo Melucci non risponde

    ArcelorMittal: flash mob contro fabbrica sabato a Taranto

    Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto: "Si chiede ancora una volta che il sindaco dichiari l'incompatibilità dell’area a caldo dell’Ilva con la salute pubblica. Ricordiamo che l'area a caldo dell'Ilva venne già dichiarata fuorilegge fin dal 2012 dalla Magistratura".
    15 ottobre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Sandro ci mancherai
    Taranto Sociale
    Perdiamo una delle sue persone più buone che ci ha accompagnato in questi anni

    Sandro ci mancherai

    Sorridente e scoppiettante come pochi, sapeva rendere colorate e leggere le manifestazioni che facevamo assieme per combattere l'inquinamento a Taranto
    8 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Ilva Football club è la speranza
    Sociale
    A Taranto vogliamo vedere tornare i bambini a giocare all'aperto

    Ilva Football club è la speranza

    Le mie impressioni su "Ilva football club" che è diventato un caso letterario, ricevendo recensioni autorevoli su giornali nazionali. Narra della squadra di calcio dell’ILVA. I suoi calciatori sono tutti morti. Giocavano su un campo contaminato.
    Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)