Legami di ferro

Taranto

Legami di ferro ed Ecodidattica

Due giorni intensi di incontri e dibattiti che mi hanno permesso di portare, ancora una volta, il messaggio di Legami di ferro.
20 ottobre 2016

Due giorni intensi di incontri e dibattiti che mi hanno permesso di portare, ancora una volta, il messaggio di Legami di ferro. Martedì durante l'incontro di Ecodidattica all'Istituto 'Righi' di Taranto, ho parlato ai docenti della mia esperienza in Brasile e del ciclo di produzione dell'acciaio, in un discorso più ampio di sviluppo sostenibile ed ecologia. Le parole di stima dei docenti presenti e i loro complimenti mi hanno riempito il cuore di gioia e dato nuova energia per continuare quella che io chiamo la mia missione del cuore. Mercoledì ho incontrato i ragazzi dell'Istituto 'Vittorino da Feltre' e a loro ho cercato di raccontare il viaggio del ferro come fosse una storia. Una storia di inquinamento e ingiustizia, di razzismo ambientale ma anche di riscatto. Ho cercato di arrivare a loro, di scuoterli, di far capire che non esistono più problemi locali, ma che ci troviamo di fronte ad un problema globale di sviluppo non più sostenibile. Quando una ragazza mi ha chiesto da dove cominciare per poter reagire, ho risposto così:"Iniziate a studiare, a conoscere, ad informarvi e in seguito informate. Usate la rete che è un mezzo potentissimo, e condividete. La conoscenza e lo scambio di informazioni vi dará una nuova consapevolezza, vi renderà liberi e non dovrete più accettare ciò che cercano di imporvi. Non lasciate che vi costringano ad andare via dalla vostra terra perché non c'è futuro. Lottate per costruirlo quel futuro, lottate per la vostra città. Indignatevi quando la definiscono 'Taranto-la città-dell'Ilva', perché Taranto non è dell'Ilva, ma dei tarantini. Lottate affinché si parli di Taranto come della città del Castello Aragonese, dei delfini in libertà, degli ipogei, del mare cristallino. Il futuro parte da voi, se saprete credere e crescere consapevolmente". Non so se sono riuscita a toccare le loro menti, a scuotere un po' una coscienza assopita, quasi rassegnata, mi accontenterei di aver risvegliato anche solo uno di quei giovani.

Articoli correlati

  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
  • La scuola per il futuro, corso di educazione ambientale
    Ecodidattica
    Corso per insegnanti ed educatori dal 27 al 29 agosto presso l’Oasi di Cavoretto (TO) oppure online

    La scuola per il futuro, corso di educazione ambientale

    Casacomune propone la seconda edizione di una formazione per insegnanti ed educatori su cambiamenti climatici, biodiversità, conflitti ambientali, cibo e salute. Si offriranno spunti di riflessione su stili di vita e di azione incontrando testimoni di esperienze virtuose o di impegno collettivo.
    1 agosto 2021 - Casa Comune
  • Terni e Taranto, confronto di due esperienze di cittadinanza attiva
    Ecologia
    Territori inquinati

    Terni e Taranto, confronto di due esperienze di cittadinanza attiva

    Un video-confronto con Carlo Romagnoli (ISDE) e Alessandro Marescotti (PeaceLink). Cosa fanno le istituzioni? Cosa risponde la politica locale e nazionale ai cittadini che esigono risposte e tutela della propria salute?
    9 agosto 2021 - Alessandra Ruffini
  • Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici
    Ecologia
    ONU, 2021-2030 dedicato al ripristino degli ecosistemi

    Unep–Fao: ogni dollaro investito in ripristino della natura ne porta 30 di benefici

    La situazione è grave, il nostro pianeta sempre più inquinato, in forte crescita l’uso di plastica, prodotti chimici e pesticidi. La pandemia ha intensificato il rilascio di rifiuti nell’ambiente.
    29 giugno 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)