Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Dino Frisullo e lo…deserto

    Dino Frisullo e lo…deserto

    Dalla cronaca locale vastese lo spunto per ricordare l'ultima grande denuncia di Dino Frisullo contro il cpt Regina Pacis di Lecce
    9 giugno 2018 - Alessio Di Florio
  • CIE e bambini: accoglienza italiana
    Violazioni dei diritti umani

    CIE e bambini: accoglienza italiana

    Stando alle leggi che regolano il diritto di asilo per chi entra in Europa, chi chiede il riconoscimento dello status di rifugiato deve farlo nel paese di ingresso. Per Italia e Grecia spesso si fa un eccezione, considerato il pessimo trattamento. E poi ci sono i minori trattenuti in Centri inadeguati
    6 gennaio 2013 - Lidia Giannotti
  • Le contabilità degli orrori di una storia italiana

    Le contabilità degli orrori di una storia italiana

    Le condanne di Cesare Lodeserto
    17 luglio 2012 - Stefano Mencherini
  • Naufragio

    Naufragio

    "Terraferma". Quegli sguardi fissi e tenaci, soprattutto delle donne, rimarranno negli occhi a lungo
    12 febbraio 2012 - Lidia Giannotti
Don Cesare Lodeserto dirige il centro di permanenza di San Foca, a Lecce, una struttura da tempo sotto accusa

Immigrazione, arrestato sacerdote accusato di sequestro di persona

Avrebbe trattenuto donne moldave che volevano andarsene
L'inchiesta dopo le denunce di maltrattamenti degli immigrati

12 marzo 2005
Fonte: www.repubblica.it - 12 marzo 2005

LECCE - E' stato arrestato con l'accusa di sequestro di persona don Cesare Lodeserto, direttore del centro di permanenza temporanea Regina Pacis di San Foca a Melendugno (Lecce) che dipende dalla curia della provincia pugliese. Nei giorni scorsi, su disposizione della procura di Lecce, i carabinieri avevano compiuto perquisizioni nel centro e acquisito varia documentazione. L'arresto è stato eseguito su richiesta del pm del pool 'fasce deboli' della procura pugliese, Carolina Elia.

Don Cesare Lodeserto è stato arrestato a Mantova, dove esiste un altro centro gemello del Regina Pacis. Il sacerdote è ora detenuto nel carcere di Verona. L'imputazione a suo carico, oltre a quella di sequestro di persona, è di abuso dei mezzi di correzione. A quanto si è saputo, gli inquirenti avrebbero tra l'altro accertato che un sms di minaccia giunto nei mesi scorsi a don Cesare Lodeserto era stato inviato da lui stesso da un'altra utenza telefonica.

Dal dicembre scorso il Centro di Lecce non è più un Cpt, su richiesta dello stesso arcivescovo di Lecce, monignor Cosmo Francesco Ruppi. Oltre a due-tre indagini per maltrattamenti, per una delle quali don Cesare è già a giudizio, è in corso anche un'indagine sulla gestione dei fondi pubblici assegnati al Regina Pacis, indagine che ha coinvolto lo stesso monsignor Ruppi, prosciolto dopo mesi di indagine nell'ottobre 2004.

Don Cesare è a giudizio, dinanzi ai giudici della seconda Sezione penale del Tribunale di Lecce, per presunti maltrattamenti a 17 maghrebini ospiti nel centro 'Regina Pacis'. Imputate con Lodeserto sono altre 18 persone, volontari, operatori, carabinieri e medici in servizio nel centro. Per tutti l'accusa, a vario titolo, è di lesioni, abuso di mezzi di disciplina e falso.

Il processo costituisce l'appendice di un'inchiesta avviata nel dicembre 2002 dal sostituto procuratore della Repubblica Carolina Elia, dopo la denuncia sporta da un gruppo di maghrebini su presunte violenze subite da parte di carabinieri e dei responsabili del Regina Pacis, durante un tentativo di fuga del 23 novembre del 2002 messo in atto per evitare il rimpatrio. Un'altra indagine - che sembra sia quella che oggi ha portato l'arresto - riguarda il fatto che don Cesare avrebbe cercato di trattenere nel Centro donne moldave che invece volevano allontanarsene.

La struttura, che fa parte dei 15 centri di accoglienza temporanea italiani, era sotto osservazione dopo numerose denunce arrivate da immigrati, che avevano raccontato di maltrattamenti ripetuti. La cronaca ha registrato inoltre numerosi tentativi di fuga e la polizia è dovuta intervenire più volte per sedare proteste e fughe di massa, l'ultima delle quali lo scorso gennaio.

Già nel 2002, una delegazione di deputati e di osservatori internazionali aveva denunciato la mancanza di spazi idonei all'accoglienza degli immigrati, la mancanza di luce e areazione e le ripetute violazione delle norme sul diritto di asilo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)