Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
BOSSI-FINI

Al via i nuovi campi per richedenti asilo


Si chiamano Centri di identificazione e tratterranno profughi in attesa di giudizio
22 aprile 2005 - CINZIA GUBBINI
Fonte: www.ilmanifesto.it - 21 aprile 2005


ROMA
Da oggi si volta pagina in Italia sul diritto d'asilo. Entra ufficialmente in vigore il regolamento d'attuazione della legge Bossi-Fini che riscrive le procedure per accedere al riconoscimento dello status di rifugiato: una questione che riguarda ogni anno tra le dieci e le ventimila persone. Le novità principale è che, per la prima volta, i richiedenti asilo potranno essere trattenuti in centri chiusi - nonostante sia il Consiglio di stato che la Conferenza Stato-regioni abbiano dato un parere contrario su questo punto. Inoltre le domande non verranno più esaminate dalla commissione nazionale - che ha sede a Roma - ma da sette Commissioni territoriali che si insedieranno a Gorizia, Milano, Roma, Foggia, Siracusa, Crotone e Trapani. A farne parte saranno un rappresentante della Prefettura, unoi della questura e uno della conferenza Stato-città e un rappresentante dell'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati (unico dato positivo). La Commissione nazionale rimane in piedi e avrà un compito di coordinamento.

Ed eccoci arrivati ai centri di identificazione e al loro funzionamento, su cui già aleggiano profili di incostituzionalità. Saranno sette, in prima battuta, e sorgeranno perlopiù nelle città in cui sarà insediata la Commissione. In alcuni casi, come a Roma e a Milano, sorgeranno all'interno del centro di permanenza. Ma chi sarà trattenuto, e per quanto tempo? Sicuramente, saranno trattenuti - per un massimo di venti giorni - tutti i richiedenti asilo che verranno fermati dalla polizia per avere «eluso o tentato di eludere il controllo di frontiera». Poi ci sono quelli che «possono» essere trattenuti «per il tempo strettamente necessario», ad esempio chi deve essere identificato perché non ha documenti con sé. Queste due categorie di persone vivranno in un centro a tutti gli effetti chiuso, molto simile ai centri di permanenza temporanea, con la sola eccezione che non ci sarà nemmeno la convalida del trattenimento da parte del giudice di pace. Inoltre, non avranno in mano un permesso di soggiorno, ma un mero attestato nominativo. E se un richiedente asilo entra irregolarmente ma si presenta spontaneamente in questura - come spesso avviene - sarà rinchiuso in un centro di identificazione? Teoricamente no, ma questa è una partita tutta da giocare.

La domanda di asilo di chi viene trettenuto obbligatoriamente nei centri avverrà attraverso una «procedura semplificata», che dovrebbe durare in media diciotto giorni. Per tutti gli altri la procedura sarà ordinaria, tempo previsto: trenta giorni. Per il resto, le due procedure sono identiche, a partire dal fatto che in caso di rigetto si può chiedere un riesame entro cinque giorni (tempo brevissimo) che abbia per oggetto «elementi sopravvenuti o preesistenti non adeguatamente valutati». A decidere è la stessa Commissione territoriale, con l'aggiunta di un membro della Commissione nazionale. Oppure, entro quindici giorni, si può ricorrere al tribunale. In questo caso l'espulsione non è spospesa - un punto che le Nazioni unite hanno molto criticato - ma il prefetto può concedere di restare sul territorio. Al richiedente asilo non è concesso il gratuito patrocinio. Le assocazioni che si occupano di immigrazione esprimono perplessità. La Caritas ha parlato di «un regolamento in cui prevale la versione restrittiva della legge». Il Cir adombra profili di incostituzionalità. L'Arci parla di «criminalizzazione». L'Ics fa notare che l'Italia sarà l'unico paese europeo in cui i potenziali rifugiati verranno privati della loro libertà personale.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)