Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

"E´rumeno ma diventerà europeo; quel clandestino resti in Italia"

Torino, giudice di pace respinge espulsione per immigrato senza permesso.
17 novembre 2005
Ottavia Giustetti e Sarah Martinenghi


Qualcosa è cambiato per i cittadini romeni che vivono in Italia. La storia di Constantin Eleodor Nechifor, che vive in un campo nomadi di Torino e lavora come operaio specializzato in un´azienda della città, regalerà loro una nuova speranza. A cambiare le regole la decisione di un giudice di pace ha respinto il decreto di espulsione che lo obbligava a lasciare l´Italia, non avendo il permesso di soggiorno e una regolare situazione contributiva nel nostro Paese. Innovative le motivazioni della sentenza: "Il provvedimento dell´espulsione non si dovrebbe applicare ai cittadini candidati dell´Unione europea così come non si applica a quelli già membri". In altre parole: i romeni possono restare sul nostro territorio anche se non hanno il permesso di soggiorno visto che la Romania entrerà a far parte dell´Unione europea a partire dal 2007.

«Questa storia apre le porte alla speranza di poterci integrare davvero in questo Paese - spiega Aurelia Mirita, presidente di Fratia, la più grande associazione in Italia che si occupa di assistenza sociale, psicologica e culturale agli immigrati romeni - stiamo lavorando per avere una possibilità e ritengo che questo possa essere un enorme passo in avanti». Nato a Botosani 39 anni fa, Constantin è arrivato a Torino da qualche anno. In attesa di una sanatoria o di riuscire a mettersi in regola, ha trovato casa in un campo nomadi e un lavoro come operaio. Fino a quando non si è imbattuto in un controllo della polizia. Gli agenti gli hanno chiesto i documenti e l´hanno scoperto senza permesso. Portato in questura e "fotosegnalato", il suo destino sembrava ormai deciso: per lui era già pronto un biglietto di sola andata per tornare nel suo Paese entro cinque giorni. Gli avvocati Davide De Bartolo e Geo Dal Fiume, a cui il romeno si è rivolto per un aiuto, gli hanno consigliato di fare ricorso poiché già alcuni altri casi in Italia avevano visto giudici ritirare il decreto di espulsione.

È così è stato anche per lui. Il giudice Francesco Sibilla ha accolto il ricorso e Constantin è rimasto a Torino. A convincere il giudice di pace anche la giurisprudenza su casi analoghi di altri cittadini stranieri appartenenti a paesi poi entrati a pieno titolo nell´Unione Europea. Soddisfatta la comunità romena torinese, la più numerosa in città con 50mila persone. A Torino esistono tre associazioni religiose che fanno riferimento alle comunità ortodossa e cattolica. I ragazzi romeni sono quelli che più integrati nelle scuole di primo grado e sono già centinaia, secondo gli ultimi dati del Provveditorato, gli adolescenti che frequentano le superiori. «Il suo caso – ha detto l´avvocato De Bartolo – e costituisce un precedente al quale potranno appellarsi tutti i romeni nella sua situazione».

Articoli correlati

  • Come 14 milioni di automobili
    Disarmo
    L'impatto ambientale della militarizzazione in Europa

    Come 14 milioni di automobili

    E' stato pubblicato uno studio pioneristico ma parziale, per via della mancanza di dati in questo ambito, e che getta un primo allarmante sguardo sul reale impatto ambientale delle attività militari. Gli autori si sono concentrati su 6 stati dell'Unione Europea, tra cui l'Italia.
    12 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • La spesa militare al tempo del Covid-19: così la pandemia aumenta le diseguaglianze
    Disarmo
    Potenti attori che spingono per l’avventurismo e per le spese militari

    La spesa militare al tempo del Covid-19: così la pandemia aumenta le diseguaglianze

    La crisi globale causata dalla pandemia del COVID-19 potrebbe avere ripercussioni geostrategiche significative
    8 dicembre 2020 - Rossana De Simone
  • Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?
    Disarmo

    Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?

    Unione Europea e NATO devono collaborare e convincere i loro stati membri a sviluppare la tecnologia 5G
    4 ottobre 2020 - Rossana De Simone
  • Ursula Hirschmann
    Europace
    Celebrando i 70 anni dell'Unione europea

    Ursula Hirschmann

    Ricordiamo Ursula Hirschmann, madre fondatrice degli Stati Uniti d'Europa. Dovette sfuggire a una doppia persecuzione, in quanto ebrea e antinazista. Insieme ad Altiero Spinelli ha prefigurato una federazione europea dotata di un Parlamento eletto a suffragio universale e di un governo democratico
    14 maggio 2020 - Virginia Mariani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)