Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Riconoscimenti internazionali per il "Multietnicità" del Comune di Roma.

26 febbraio 2006


ROMA - Personalità del giornalismo, della cultura, dell'imprenditoria e dello spettacolo, particolarmente sensibili ai temi dell'integrazione degli immigrati, hanno ricevuto riconoscimenti da parte del Comune di Roma nell'ambito del premio "Multietnicità", promosso dal Campidoglio congiuntamente con Caritas, Organizzazione internazionale per le migrazioni, Camera di commercio di Roma e associazione Oforula, con il patrocinio di Regione Lazio e Provincia di Roma.
A consegnare le targhe l'onorevole Franca Eckert Coen, consigliera del sindaco Veltroni per le politiche della multietnicità, nell'ambito di una suggestiva cerimonia svoltasi al teatro dei Satiri, che ha visto, l'esibizione, tra gli altri, del musicista senegalese Pape Kanouté, del gruppo di danza africana "Ka anyi biriwe ndu" e dei musicisti peruviani Vasquez.
Per il giornalismo i riconoscimenti sono andati alla cilena Paula Baudet Vivano, caporedattrice dell'agenzia Migra, alla russa Galich Svetlana e all'italiano Giampiero Castellotti.
Per la cultura premi al poeta albanese Gezim Hajdari, fondatore del Partito repubblicano albanese, al sociologo iracheno Ali Adel Jabbar, alla Provincia di Trieste e a Giuseppe Castorina, direttore del dipartimento di lingue per le politiche pubbliche dell'università "La Sapienza" di Roma.
Tra gli imprenditori premiati il siriano Youssef Hallak e il tunisino Mohamed Lakdar Arfaoui.
Infine, per lo spettacolo, riconoscimenti al nigeriano Stevew Emejuru, al presidente di "Casa America Latina" di Milano Juan José Zignago e al regista italiano Carlo Chiaramente, autore di "Le donne vestivano gonne fiorite".

Articoli correlati

  • Missionari in piazza
    Alex Zanotelli
    Roma, piazza Montecitorio, 24 luglio 2019

    Missionari in piazza

    Contro l'approvazione del decreto sicurezza bis che criminalizza ulteriormente chi soccorre i migranti in mare
    23 luglio 2019
  • L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto
    Sociale
    Cittadinanza Attiva

    L'Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli chiede aiuto

    L'AIASP ONLUS (Associazione Internazionale di Amicizia e Solidarietà con i Popoli), ha una lunga storia di iniziative sociali e culturali dalla parte dei popoli, dei più deboli, contro le ingiustizie e per i diritti, contro l'esclusione culturale
    17 aprile 2019 - Laura Tussi
  • “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”
    Disarmo

    “O indagate questi cinque Ministri o incriminateci per calunnia”

    Un'associazione pacifista sarda denuncia, presso le Procure di Roma e di Cagliari, cinque Ministri dell'attuale Governo gialloverde. Ipotesi di reato: traffico d'armi verso l'Arabia Saudita e concorso nelle stragi commesse dai sauditi nello Yemen.
    28 febbraio 2019 - Redazione
  • L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano
    Pace
    Nonostante i concreti rischi di una insurrezione o di una invasione militare...

    L’Italia decide di non decidere chi sostenere nel conflitto venezuelano

    Eppure sarebbe stato possibile votare una risoluzione che esiga il pieno rispetto della legalità, sia all'interno del paese, sia sul piano internazionale. Come ha già fatto il Consiglio di Sicurezza dell'ONU, quando ha rifiutato di riconoscere l'usurpatore Guaidò (notizia taciuta dai mass media)
    14 febbraio 2019 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)