Migranti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • F-35
    La Relazione speciale della Corte dei Conti e la cupa posizione dei sindacati confederali

    F-35

    Verranno finanziati con 150 milioni di dollari i laboratori software degli Stati Uniti occupati quasi per il 50% da personale statunitense
    1 settembre 2017 - Rossana De Simone
Nuove normative

Olanda: esame al telefono per gli immigrati che vogliono trasferirsi nel Paese.

La legge scatterà la prossima settimana.
Il Ministro Verdonk: "Provvedimento storico".
16 marzo 2006 - Stefano Camilloni
Fonte: www.stranieriinitalia.it - 09 marzo 2006

L'AJA - L'Olanda si appresta a mettere in pratica, la prossima settimana, le nuove misure per l'ammissione degli immigrati.
Pochi giorni dopo le elezioni municipali, i cui temi centrali sono stati proprio immigrazione e sicurezza, scattano regole ancora più restrittive per gli extracomunitari che vogliono vivere nel paese. Tra le altre un esame che mostri la buona conoscenza della lingua e la cultura e il pagamento di una tassa di 350 euro.
Il governo è talmente fermo nell'applicazione della direttiva che nella rete è finito anche un noto calciatore, che ha chiesto di accorciare i tempi per la naturalizzazione in modo da poter partecipare ai prossimi mondiali di calcio in Germania con la maglia arancione dell'Olanda. Salomon Kalou, centrocampista del Feyenoord, originario della Costa d'Avorio, è appoggiato dalla federazione e dal commissario tecnico della nazionale Marc Van Basten, ma deve superare il veto del ministro dell' immigrazione e dell' integrazione Rita Verdonk,la quale si oppone a qualsiasi deroga.

LA LEGGE
Il parlamento dell'Aja ha dato via libera, a fine gennaio, a una normativa per la quale gli extracomunitari che vogliono trasferirsi nei Paesi Bassi devono prima superare un esame che include un test sulla conoscenza della lingua. Viene fatto al telefono, ha una durata di 20 minuti ed è gestito da un computer, che pone le domande e registra le risposte. Il sistema sarà in grado di decidere se i candidati parlano correttamente la lingua da un punto di vista grammaticale, oltre a valutarne la pronuncia. L'esame è a pagamento e gli immigrati che vogliono vivere nel paese dovranno versare anticipatamente 350 euro: una cifra abbordabile sulla base degli standard della ricca Olanda, ma che di fatto rischia di diventare una barriera quasi insormontabile per gli immigranti poveri provenienti dai paesi del nord Africa o dell'Asia.

NON SOLO AL TELFONO...
L'esame linguistico, con il computer quale giudice, e il pagamento della tassa di 350 euro, non sono le sole barriere da superare per avere il visto. L'immigrante-candidato deve affrontare anche una prova di integrazione, e cioé un esame sulla cultura e i valori fondanti della società olandese, prova che sarà sostenuta nelle sedi delle ambasciate dell'Aja nei paesi di partenza.
Rita Verdonk, diventata un personaggio molto discusso nel paese, sostiene che quello approvato dal Parlamento rappresenti un "provvedimento storico". Secondo il ministro, proprio il fatto che il test non sia gratis è un elemento fondamentale, in quanto, è il ragionamento di Verdonk, ciò farà sì che solo chi è veramente intenzionato a studiare per poter vivere nel paese dei tulipani sarà disposto ad affrontare la prova.

UN FUTURO INCERTO?
L'Olanda, dopo l'uccisione del leader populista Tim Fortuyin e del regista Theo Van Gogh vive un periodo di grande tensione, dovuta alla difficile convivenza tra le varie etnie. La posizione del ministro divide il paese, ma molti vedono nel nuovo test un sistema efficace per bloccare l'ingresso degli stranieri poco preparati. Secondo alcune stime, ogni anno ci sono circa 15 mila extracomunitari pronti a fare il test, molti dei quali hanno già mariti, mogli o parenti residenti nei Paesi Bassi. In Olanda vivono già circa 3,1 milioni di immigrati (dei quali circa un milione di turchi e marocchini, di religione musulmana) su una popolazione di 16 milioni di abitanti.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)