Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

Stati Uniti: più di 3 milioni in piazza contro la legge sull'immigrazione

19 aprile 2006
amismc


E' passata la legge statunitense che prevede un inasprimento delle politiche di immigrazione. Rigide regole per l'ottenimento dei permessi di soggiorno, criminalizzazione dei non in regola. Molte le proteste in piazza. La prossima è prevista per il primo maggio.

Negli Stati Uniti, si calcola, vivono 12 milioni di persone senza documenti, e ogni anno ne arriva un altro milione.La maggior parte fa lavori che gli americani non fanno, o almeno non per la stessa paga. La proposta di legge approvata alla camera dei rappresentanti in dicembre inasprirebbe le politiche di immigrazione: tra i drastici provvedimenti per marginare la presenza di clandestini negli States, la costruzione di oltre 1000 km di muro al confine tra Stati Uniti e Messico. Inoltre, in base al provvedimento sarà possibile espellere un immigrato senza permesso anche nel caso abbia dei figli piccoli nati negli Stati Uniti e che vivono nel terrotiorio americano.

A fine marzo i latinos e non solo sono scesi in piazza, in 500 mila a Los Angeles e in 300 mila a Chicago. e anche ad aprile in circa 60 città degli Usa centinaia di migliaia di persone hanno fatto sentire la loro voce. Il Senato ha risposto con una proposta alternativa, approvata dalla commissione di giustizia, che prevedeva il raddoppiamento dei permessi di soggiorno e una semplificazione delle procedure per l'ottenimento della cittadinanza; l' opposizione dei repubblicani è stata netta e il Senato non è riuscito ad approvare il testo preparato dalla commissione.

Ora bisogna raggiungere un compromesso. Un lavoro difficile, complicato dal fatto che tra sette mesi ci saranno le elezioni per il Congresso, e i politici sanno che in ballo ci sono i voti della popolazione ispanica, ma anche i voti di chi chiede di chiudere le frontiere ai clandestini. Questa volta Bush non appoggia i repubblicani più conservatori, e si è schierato con la lobby imprenditoriale, dichiarandosi a favore di un programma di "lavoratori ospiti" per mettere in regola chi lavora negli Usa.

Note: http://www.amisnet.org/

Articoli correlati

  • L'era digitale pretende un esercito digitale
    Disarmo
    USA

    L'era digitale pretende un esercito digitale

    Pubblicato il rapporto della commissione statunitense sull'uso dell'intelligenza artificiale in ambito militare
    3 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • In difesa dei nativi americani
    Pace
    Il movimento di opposizione all’Indian Removal Act

    In difesa dei nativi americani

    Jeremiah F. Evarts (1781–1831) era un missionario, riformatore e attivista cristiano per i diritti degli indiani d'America. Si distinse per la difesa dei diritti degli indiani d'America.
    Redazione PeaceLink
  • Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi
    Disarmo
    La sicurezza degli Stati passa attraverso il controllo capillare del territorio

    Per una critica dell’innovazione capitalistica: il lavoro nella catena del valore delle armi

    La nozione di sviluppo tecnologico è una nozione inscindibile da quella di sviluppo capitalistico, si trattava pertanto di smascherare la presunta neutralità della scienza
    29 marzo 2021 - Rossana De Simone
  • AI - La nuova corsa agli armamenti
    Disarmo
    Intelligenza artificiale e armi autonome

    AI - La nuova corsa agli armamenti

    USA e Cina, e non solo, gareggiano sul fronte pericoloso della delega delle operazioni militari a sistemi autonomi in contesti sempre più complessi, come i combattimenti in volo
    3 dicembre 2020 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)