Migranti

Lista Diritti Globali

Archivio pubblico

E’ necessario un intervento strutturale e non temporaneo

Forte dissenso in merito alla bozza di testo in approvazione per la misura di regolarizzazione

Alcune associazioni di Taranto hanno consegnato al Prefetto una PEC
11 maggio 2020
Fonte: Rete Pace di Taranto - 11 maggio 2020

Al Prefetto di Taranto
Dott. M. Demetrio
Via Anfiteatro Taranto
protocollo.prefta@pec.interno.it
con richiesta di inoltro al Ministero dell’interno

Oggetto: regolarizzazione immigrati decreto maggio
Le sottoscritte organizzazioni esprimono forte dissenso in merito alla bozza di testo in approvazione per la misura di regolarizzazione in oggetto. Manifestazione in piazza Garibaldi Taranto 31 agosto 2018


I motivi sono di carattere etico, politico e pratico:
non consideriamo una misura consona a uno Stato civile consentire la regolarizzazione di un numero imprecisato di persone per un periodo di tempo estremamente limitato, riconsegnando le stesse a una situazione di degrado e marginalità immediatamente dopo la scadenza della stagione della raccolta.
Si esprime una profonda preoccupazione per le condizioni di vita delle persone oggetto del provvedimento in un momento di grave emergenza sanitaria. E’ necessario un intervento strutturale e non temporaneo per assicurare la salvaguardia della salute delle persone attualmente in condizioni vulnerabili e per la popolazione tutta.
Una regolarizzazione limitata ad alcuni settori lavorativi non consente l’emersione dalle condizioni di sfruttamento e di marginalità per gli altri stranieri attualmente impiegati nei centri urbani.
Già in passato, in occasione di provvedimenti simili, si sono sviluppati fenomeni di ulteriore sfruttamento a carico delle persone straniere attraverso la vendita di contratti di lavoro falsi da parte di organizzazioni criminali. Consideriamo, quindi, che la procedura possa produrre effetti criminogeni.
Chiediamo, quindi, come già avanzato da centinaia di associazioni, sindacati e organizzazioni umanitarie, il riconoscimento di un permesso di soggiorno generalizzato per attesa occupazione, unico strumento utile a favorire l’emersione e sottrarre persone in stato di vulnerabilità a dinamiche di sfruttamento e riduzione in schiavitu’.
Si rappresenta, inoltre, una ulteriore grave problematica non presa in considerazione dal Ministero: come previsto dal Dl 113/2018, i titolari di permesso di soggiorno per protezione umanitaria, devono convertire il titolo di soggiorno in permesso per lavoro. Tale possibilità è oggi preclusa a causa dell’emergenza sanitaria. Moltissime persone non hanno potuto rinnovare i contratti di lavoro a tempo determinato; altre persone non hanno potuto portare a termine i tirocini formativi propedeutici alla contrattualizzazione. Manifestazione a Taranto
Si chiede, pertanto, un provvedimento specifico che consenta anche ai cittadini stranieri con titolo di soggiorno per motivi umanitari, di convertire per attesa occupazione.

Babele aps, Campagna Welcome Taranto, Bottega del Mondo Equociqui, Associazione Ohana, SvegliArci Palagiano, Associazione Lo straniero, Peacelink, Arci Comitato Territoriale Taranto, Auser territoriale Taranto, Legambiente Taranto, Migrantes, Libera associazione contro le mafie, Chiesa Evangelica Valdese di Taranto, Giustizia per Taranto, Sud in movimento, Idea comune San Marzano, Partecipazione è cambiamento, ActionAid San Marzano

Articoli correlati

  • Esperienze di attivismo: dialoghi con Laura Tussi
    Pace
    Attivismo di pace e nonviolenza

    Esperienze di attivismo: dialoghi con Laura Tussi

    Lavorare in rete, tessere complicità e punti di forza con tutti i compagni di viaggio in cammino verso la pace e la nonviolenza
    14 novembre 2020 - Fabrizio Cracolici
  • Le origini di PeaceLink e le nuove prospettive della telematica sociale
    PeaceLink
    Intervista a Carlo Gubitosa

    Le origini di PeaceLink e le nuove prospettive della telematica sociale

    Dal giovanile incontro con Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink, ai progetti futuri con il vignettista Mauro Biani. "Insieme agli amici di PeaceLink - spiega - abbiamo lanciato la piattaforma sociale.network, una alternativa alle piattaforme social orientate al profitto".
    12 novembre 2020 - Laura Tussi
  • Un'alternativa etica a Facebook
    PeaceLink
    Viene lanciato Sociale.network basato su Mastodon

    Un'alternativa etica a Facebook

    Sociale.network è una piattaforma etica, filosofica e politica, collegata - grazie a Mastodon - a diverse reti che si federano tra loro sui valori, i principi, gli ideali della tolleranza, della cooperazione, della solidarietà e della pace. Manca ogni forma di pubblicità commerciale.
    15 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Video-appunti per un Consumo critico di Social Network
    PeaceLink
    Webinar di PeaceLink ore 21

    Video-appunti per un Consumo critico di Social Network

    Mercoledì 14 ottobre 2020 Carlo Gubitosa terrà un seminario online sul network sociale etico e presenterà la piattaforma sociale.network pensata per persone che sognano un mondo più pulito, solidale e libero.
    12 ottobre 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)