Caso Moro

Rassegna stampa

Sul rapimento di Aldo Moro indaga la Procura di Reggio Calabria

Ora sappiamo ufficialmente che a indagare non sono solo la Procura di Roma e la Procura generale di Roma ma anche quella di Reggio Calabria. La 'ndrangheta ebbe un ruolo nel caso Moro
Roberto Galullo

La perizia balistica del “Moro quater”

La perizia medico-balistica disposta il 2 giugno 1993 dall’allora pubblico ministero Antonio Marini, nell’ambito del quarto processo Moro (23 febbraio 1994, pagine 32, 33), ha ribadito quanto già affermato nella perizia del 1981, ovvero che a sparare in via Fani furono sette armi. I medici legali Silvio Merli e Enrico Ronchetti, con il perito balistico Antonio Ugolini, hanno fornito una ricostruzione dell’agguato divergente rispetto a quella descritta dal brigatista Valerio Morucci nel suo “memoriale”.

Secondo Morucci infatti i brigatisti avrebbero colpito la scorta di Moro con il fuoco di quattro mitra e due pistole semiautomatiche, sparando tutti i colpi dallo stesso lato della strada. I periti hanno invece identificato i bossoli di una quinta pistola, una calibro 9 ed hanno accertato che l’attacco fu portato da entrambi i lati.

Inoltre la nuova ricostruzione peritale rilevò un altro elemento contrastante con la versione fornita da Morucci nel memoriale scritto nel 1986: secondo questa versione l’unico del gruppo di fuoco ad avere una pistola calibro 7,65 sarebbe stato Franco Bonisoli, il quale tuttavia non avrebbe sparato contro il caposcorta maresciallo Oreste Leonardi. La perizia ha invece stabilito che a colpire Leonardi, oltretutto dal lato opposto della strada rispetto a quanto dichiarato da Morucci, sarebbe stata proprio un’arma calibro 7,65. Il che porterebbe a ritenere che il commando fosse composto da un numero di persone superiore alle nove indicate da Morucci (lo stesso Morucci, Mario Moretti, Barbara Balzerani, Franco Bonisoli, Raffaele Fiore, Prospero Gallinari, Alvaro Loiacono, Alessio Casimirri, Bruno Seghetti).

(...)

L’insieme di tali circostanze porta dunque, ancora una volta, a ritenere che la ricostruzione che i brigatisti pentiti e dissociati hanno fornito dell’azione di via Fani presenta ancora oggi dei vuoti.

(...)

La ‘ndrangheta

Già verso la fine del 1992 entrò in scena con la deposizione di Saverio Morabito, uomo di punta della ‘ndrangheta, che decise di collaborare con la giustizia e venne pertanto interrogato nel carcere di Bergamo dall’allora giovane sostituto procuratore della repubblica di Milano Alberto NobiliSaverio Morabito riferì della presenza in via Fani di un elemento di spicco della ‘ndrangheta calabrese, Antonio Nirta.

(...)

Il presidente della Commissione d’inchiesta sul rapimento e la morte di MoroGiuseppe Fioroni, il 13 luglio 2016 disse testualmente: «Possiamo affermare con ragionevole certezza che il 16 marzo del 1978 in via Fani c’era anche l’esponente della ‘ndrangheta Antonio Nirta

(...)

L’audizione di Pignatone il 21 ottobre 2015

Il capo della Procura di Roma Giuseppe Pignatone venne audito dalla Commissione parlamentare presieduta da Fioroni il 21 ottobre 2015. Confermò, naturalmente, la collaborazione della Procura con la Commissione e quella con la Procura generale della Capitale.
Tra Procura e Procura generale di Roma c’è stato uno scambio di lettere che si concludeva così: «In definitiva, l’ambito delle indagini di questa Procura generale è limitato, allo stato, all’accertamento dei fatti di via Fani, con particolare riguardo al ruolo svolto dai due a bordo della moto Honda prima, durante e dopo la strage e a quello svolto da Bruno Barbaro, verosimilmente collegato al colonnello Guglielmi e al colonnello Pastore Stocchi. Strettamente connesso a tale accertamento è quello relativo al presunto ruolo svolto dal “quinto sparatore” o “tiratore scelto” di cui si parla nell’opposizione alla richiesta di archiviazione dell’avvocato Biscotti». Assicurava poi la leale collaborazione fra gli uffici.
In partica la Procura generale – con la quale la Procura ordinaria ha varato il coordinamento di indagini, procedimenti collegati e scambio di informazioni – segue un filone specifico. Tutto il resto tocca alla Procura ordinaria. Ora sappiamo anche in collegamento con quella di Reggio Calabria.

Articoli correlati

  • Caso Moro
    Video

    Gli enigmi del caso Moro

    Il giornalista Andrea Purgatori ripercorre le varie domande senza una chiara risposta del rapimento del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro
    3 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus
    Peacelink en français
    Ce qui a été découvert et ce qui reste à découvrir

    Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus

    Alors qu'en 1978, les Brigades rouges avaient assassiné Aldo Moro, la mafia tue Peppino Impastato. Depuis ces événements, de nombreux détails et inconfortables vérités ont émergées
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Caso Moro
    Non è la piazza che accusa il palazzo, ma il palazzo che accusa sé stesso

    Il Memoriale Moro trovato nel covo di via Montenevoso a Milano

    A chiare lettere ci sono scritte cose terribili sulla storia italiana e sui segreti della DC. E noi sappiamo, e pur sapendo non facciamo niente e non ce ne importa niente. Sappiamo e continuiamo a vivere nella più totale e oscena indifferenza.
    Riccardo Lestini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)