Caso Moro

Audizione del procuratore generale di Roma, Luigi Ciampoli, davanti alla Commissione Moro

Caso Moro, accusato di concorso in omicidio il superconsulente Pieczenik

L’esperto statunitense fu chiamato dall’allora ministro dell’Interno, Francesco Cossiga, a far parte del comitato di crisi istituto poche ore dopo il sequestro di Moro

Sul conto di Steve Pieczenik, lo psichiatra, ex funzionario del Dipartimento di Stato Usa e superconsulente del Governo italiano ai tempi del sequestro di Aldo Moro, vi sono «gravi indizi circa un suo concorso nell’omicidio» dello statista democristiano. E’ quanto sostiene il procuratore generale di Roma, Luigi Ciampoli.

La controversa figura dell’esperto statunitense, che fu chiamato dall’allora ministro dell’Interno, Francesco Cossiga, a far parte del comitato di crisi istituto poche ore dopo il sequestro di Moro, è da tempo, e da molti, considerata “centrale” nella vicenda del sequestro e dell’omicidio del presidente della Dc.

Secondo il procuratore Ciancipoli nella vicenda Moro vi è traccia anche del ruolo giocato nel sequestro Moro dal colonnello del Sismi, Camillo Gugliemi (1), presente in via Fani la mattina del 16 marzo 1978 , nei confronti del quale secondo il pg «potrebbe ipotizzarsi» il concorso nel rapimento e nell’omicidio degli uomini della scorta, ma nei suoi confronti non si può promuovere l’azione penale perché è morto. Le indagini compiute dalla procura generale confermano che Guglielmi era «presente in via Fani alle ore 9 antimeridiane» o comunque «pochi minuti dopo il fatto». L’agente del Sismi, durante il processo Moro in Corte d’assise, giustificò la sua presenza lì, a quell’ora, «asserendo di doversi recare a pranzo da un collega, che abitava nelle vicinanze». Versione che il pg definisce «risibile» e che è stata smentita anche dall’amico in questione. Dunque allo stato dei fatti, anche secondo il pg Ciampoli, «restano misteriose le ragioni della presenza di Camillo Guglielmi in via Fani».

Note: (1) Sulla presenza di Camillo Guglielmi (ufficiale di Gladio) in via Fani si può leggere quanto segue.
---
Sul Secolo d'Italia, l'ex generale Paolo Inzerilli, comandante di Gladio, esclude ogni intervento nel caso Moro.

Sul Secolo d'Italia si legge: "Tutta la questione gira intorno alla figura di Camillo Guglielmi, il colonnello di Gladio, che la mattina di via Fani era nei pressi della zona dell’eccidio e del rapimento di Moro. E che resterebbe, così, fuori dalla ricostruzione, nonostante la sua accertata presenza durante l’azione brigatista. Una presenza che, fino ad oggi, è stata ritenuta non casuale. Per Inzerilli, durante il caso Moro, «Guglielmi abitava a Modena, e dirigeva i carabinieri di quella città». Non la pensa così il membro della Commissione, Gero Grassi: «Guglielmi abitava in via Stresa 117, nei pressi di via Fani, il suo nome è sull’elenco telefonico del tempo», sostiene il deputato del Pd".

Cfr. https://www.secoloditalia.it/2017/05/lex-capo-gladio-sequestro-moro-non-intervenimmo-mai/

---

Sul sito "Sedicimarzo" Maurizio Barozzi scrive: «Per quanto si conosce non è possibile comprovare, al di fuori di ogni ragionevole dubbio, ipotesi dietrologiche su la presenza (a ridosso della strage e rapimento Moro), del colonnello Camillo Guglielmi (nelle vicinanze di via Fani). Deve quindi ritenersi che fu una coincidenza occasionale per ragioni private».

Cfr. http://www.sedicidimarzo.org/2018/02/sul-caso-del-col-guglielmi-riceviamo-e.html

Articoli correlati

  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus
    Français PeaceLink
    Ce qui a été découvert et ce qui reste à découvrir

    Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus

    Alors qu'en 1978, les Brigades rouges avaient assassiné Aldo Moro, la mafia tue Peppino Impastato. Depuis ces événements, de nombreux détails et inconfortables vérités ont émergées
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Caso Moro
    Non è la piazza che accusa il palazzo, ma il palazzo che accusa sé stesso

    Il Memoriale Moro trovato nel covo di via Montenevoso a Milano

    A chiare lettere ci sono scritte cose terribili sulla storia italiana e sui segreti della DC. E noi sappiamo, e pur sapendo non facciamo niente e non ce ne importa niente. Sappiamo e continuiamo a vivere nella più totale e oscena indifferenza.
    Riccardo Lestini
  • Caso Moro
    Era il 1978 e Moro, prigioniero delle BR, scrisse un memoriale che i brigatisti non diffusero

    "Tutto verrà reso noto al popolo", ma non fu così

    Nel comunicato n. 1 i brigatisti parlano di un Tribunale del Popolo e che tutto quello che avrebbe detto Moro sarebbe stato "trattato pubblicamente". Nel comunicato n.5 i brigatisti annunciano che "tutto verrà reso noto al popolo e al movimento rivoluzionario"
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)