Caso Moro

Era il 1978 e Moro, prigioniero delle BR, scrisse un memoriale che i brigatisti non diffusero

"Tutto verrà reso noto al popolo", ma non fu così

Nel comunicato n. 1 i brigatisti parlano di un Tribunale del Popolo e che tutto quello che avrebbe detto Moro sarebbe stato "trattato pubblicamente". Nel comunicato n.5 i brigatisti annunciano che "tutto verrà reso noto al popolo e al movimento rivoluzionario"
Fonte: "Il memoriale di Aldo Moro rinvenuto in via Monte Nevoso a Milano" a cura di Francesco M. Biscione, settembre 1993 (viene qui pubblicato un estratto delle pagine 11 e 12, mentre da academia.edu si può scaricare il testo integrale).

Già il comunicato n. 1 (18 marzo), che rivendicava l’attentato di via Fani e il rapimento di Moro, annunciava «il processo al quale verrà sottoposto da un Tribunale del Popolo», e assicurava che tutto sarebbe stato «trattato pubblicamente». Il secondo comunicato (25 marzo) descriveva i capi d'imputazione nell’intera carriera politica dello statista e sottolineava che l’interrogatorio sarebbe servito a «chiarire le politiche imperialiste e antiproletarie di cui la DC è portatrice; ad individuare con precisione le strutture internazionali e le filiazioni nazionali della controrivoluzione imperialista; a svelare il personale politico-economico-militare sulle cui gambe cammina il progetto delle multinazionali; ad accertare le dirette responsabilità di Aldo Moro».
Di lì a qualche giorno (29 marzo) il comunicato n. 3 asseriva che l’interrogatorio «prosegue con la completa collaborazione del prigioniero. Le risposte che fornisce chiariscono sempre più le linee controrivoluzionarie che le centrali imperialiste stanno attuando». E più avanti parlava di «illuminanti» risposte che, «una volta verificate, verranno rese note al movimento rivoluzionario che saprà farne buon uso nel prosieguo del processo al regime che con l’iniziativa delle forze combattenti si è aperto in tutto il paese». Dunque le Br valutavano allora che nelle cose che Moro stava dicendo e scrivendo vi fossero informazioni spendibili politicamente, ovvero stavano agitando l’interrogatorio del prigioniero come una minaccia; ma con il comunicato n. 4 (4 aprile) si nota un cambiamento di rotta: il problema centrale diviene lo scambio di prigionieri (...)

Con il comunicato n. 5 (10 aprile), il «memoriale» entrava nella discussione più generale sulla trattativa, ma con un senso ormai diverso, speso sul terreno della tattica. Vi si dice che l’interrogatorio del prigioniero sta incentrandosi sulle «trame sanguinarie e terroristiche che si sono dipanate nel nostro Paese»; e prosegue: «L’informazione e la memoria di Aldo Moro non fanno certo difetto ora che deve rispondere davanti a un tribunale del popolo. Mentre confermiamo che tutto verrà reso noto al popolo e al movimento rivoluzionario che saprà utilizzarlo opportunamente, anticipiamo tra le dichiarazioni che il prigioniero Moro sta facendo, quella imparziale e incompleta, che riguarda il teppista di Stato Emilio Taviani».

(...)

«L’interrogatorio del prigioniero Aldo Moro è terminato»; così iniziava il comunicato n. 6 (15 aprile), che annunciava la sentenza di morte. 

(...)

I brigatisti: «Non ci sono segreti che riguardano la DC» e, più avanti, «non ci sono quindi “clamorose rivelazioni” da fare»; ma il comunicato conteneva pure espressioni d’altro genere:
«Certo, l’interrogatorio di Aldo Moro ha rivelato le turpi complicità del regime, ha additato con fatti e nomi i veri e nascosti responsabili delle pagine più sanguinose della storia degli ultimi anni, ha messo a nudo gli intrighi di potere, le omertà che hanno coperto gli assassini di Stato, ha indicato l’intreccio degli interessi personali, delle corruzioni, delle clientele che lega in modo indissolubile i vari personaggi della putrida cosca democristiana e questi (nessuno si stupirà) agli altri dei partiti loro complici».

Note: Oltre all’edizione contenuta negli atti parlamentari, il Memoriale Moro fu pubblicato in versione pressoché integrale dall’Unità del 23 ottobre 1990.

Articoli correlati

  • Caso Moro
    Video

    Gli enigmi del caso Moro

    Il giornalista Andrea Purgatori ripercorre le varie domande senza una chiara risposta del rapimento del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro
    3 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus
    Peacelink en français
    Ce qui a été découvert et ce qui reste à découvrir

    Peppino Impastato et Aldo Moro, un pas de plus

    Alors qu'en 1978, les Brigades rouges avaient assassiné Aldo Moro, la mafia tue Peppino Impastato. Depuis ces événements, de nombreux détails et inconfortables vérités ont émergées
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Caso Moro
    Non è la piazza che accusa il palazzo, ma il palazzo che accusa sé stesso

    Il Memoriale Moro trovato nel covo di via Montenevoso a Milano

    A chiare lettere ci sono scritte cose terribili sulla storia italiana e sui segreti della DC. E noi sappiamo, e pur sapendo non facciamo niente e non ce ne importa niente. Sappiamo e continuiamo a vivere nella più totale e oscena indifferenza.
    Riccardo Lestini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)