Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Quando i militari americani uccidevano i civili lei chiedeva il risarcimento

Ricordare Marla Ruzicka, volontaria e pacifista americana morta ieri in Iraq

Promuoveva la "Campagna per le vittime innocenti dei conflitti". Andava a visitare le famiglie di iracheni per far ottenere il pagamento dei danni dai militari americani, previsti per la morte o il ferimento grave di civili innocenti. E' rimasta vittima del folle gesto di un kamikaze.
18 aprile 2005

La notizia è apparsa oggi sui giornali. Marla Ruzicka

Marla Ruzicka aveva 27 anni, molti dei quali spesi in Iraq a fare il conto di quanti muoiono sotto il fuoco delle truppe di occupazione degli Stati Uniti e aiutare i sopravvissuti a chiedere un risarcimento al governo americano. Come sempre più spesso accade nel paese devastato da una guerriglia strisciante, domenica sera l'attivista americana ha perso la vita a causa di un’autobomba guidata da un attentatore suicida.

Era tra i fondatori e per la «Campagna per le vittime innocenti dei conflitti». In passato era stata anche su altri fronti di guerra, altri luoghi, come l’Afganistan, dove l’esercito americano nella sua battaglia per portare libertà e democrazia si trascinava dietro una scia di “danni collaterali”. Laddove organizzazioni internazionali come la Croce Rossa Internazionale e l'Onu avevano abbandonato il terreno ritenendolo troppo pericoloso, la volontaria era rimasta tra i pochi a tenere il conto delle vittime civili (secondo un istituto di studi americano in Iraq si è superata quota 100.000).

Domenica sera Marla stava andando a visitare alcune delle tante famiglie di iracheni che ha aiutato nelle pratiche complesse per ottenere risarcimenti dai militari americani, previsti per la morte o il ferimento grave di civili innocenti. Tra questi seguiva la storia drammatica di una neonata lanciata dal finestrino di un autobus dai suoi stessi genitori per salvarla dal razzo che stava raggiungendo il veicolo e che li avrebbe uccisi.

Note: La sua associazione
http://www.civicworldwide.org

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)