Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Che indicazioni hanno dato i Papi che hanno visitato il siderurgico di Taranto?

    I discorsi dei Pontefici Paolo VI e Papa Giovanni Paolo II sulla produzione dell'acciaio nell'impianto siderurgico di Taranto

    Abbiamo voluto analizzare i discorsi dei due pontefici hanno letto davanti agli operai del siderurgico di Taranto quando sono venuti nel 1968 e nel 1989, in quanto rappresentano una riflessione alta sul senso del lavoro in una grande fabbrica, sull'impatto dell'industria sul territorio, sul modello di sviluppo e, come tali, sono ancora molto attuali.
    21 agosto 2013 - Gianpaola Gargiulo
  • 44 torturatori hanno festeggiato la nomina del nuovo Papa

    Bergoglio e una tifoseria particolare

    Forse il peccato del nuovo Papa è stato solo una insicurezza dell'Uomo, una umana mancanza di coraggio in un paese imbestialito, ma la sua debolezza fu intesa come un appoggio morale da chi stava compiendo atti criminali contro l'umanità, e che ieri è entrato in un’aula di Tribunale con un fiocco bianco e giallo. ( N.d.t.)
    15 marzo 2013 - Marta Platía - www.pagina12.com.ar
  • Poteva denunciare i carnefici e non l'ha fatto
    Il cardinale argentino Jorge Mario Bergoglio è ora papa Francesco I

    Poteva denunciare i carnefici e non l'ha fatto

    La Chiesa argentina sapeva. Veniva data la comunione ai torturatori. C'era anche chi affermava che "la repressione fisica è necessaria". Il nuovo papa potrebbe chiedere perdono alla vittime, sarebbe un grande atto di coraggio, come ha già fatto papa Giovanni Paolo II
    14 marzo 2013 - Alessandro Marescotti
  • A Giovanni Paolo II
    Certe lettere devono essere scritte quando il destinatario sicuramente le leggerà e comprenderà

    A Giovanni Paolo II

    Riceviamo e - volentieri - pubblichiamo questo commento di don Vitaliano Della Sala
    2 maggio 2011 - don Vitaliano Della Sala

L'ultra destrorso Joseph Ratzinger sarà il nuovo papa

L'ex membro della Gioventù Hitleriana governerà la Chiesa Cattolica con il nome
di Benedetto XVI
20 aprile 2005
Fonte: El Mundo/BBC/Rebelión

La elezione del nuovo pontefice è venuta alla quarta votazione, durante la
seconda giornata della conclave. La fumata bianca è fuoriuscita dalla Cappella
Sistina alle 17.50. Pochi minuti dopo, le campane hanno cominciato a suonare in
Piazza San Pietro confermando la attesa notizia.

Non si sono avute sorprese, Govanni Paolo II ha lasciato la sua successione ben
chiusa, molto ben chiusa, visto che la conclave ha eletto colui che era stato
il suo braccio destro durante il suo mandato, il cardinale Joseph Ratzinger,
ideologo della reazione ecclesiastica dopo il Concilio Vaticano II.

Ratzinger è nato nel 1927 in seno ad una famiglia bavarese tradizionale. Suo
padre era un poliziotto ed era una persona molto religiosa.

Ratzinger dovette interrompere i suoi studi allo scoppio della Seconda Guerra
Mondiale, durante la quale venne assegnato ad una unità antiaerea a Monaco di
Baviera essendo lui membro della gioventù hitleriana, anche se - secondo lui -
a tutto questo venne obbligato.

I suoi simpatizzanti dicono che la sua esperienza sotto il regime nazista lo
convinse che il Vaticano dovesse adottare una forte posizione nei confronti
della verità e della libertà.

Dopo essere stato ordinato sacerdote, Ratzinger appoggiò il Concilio Vaticano II
negli anni 60 e il suo spirito di convertire la chiesa in una istituzione più
aperta.

Più tardi, rivestendo la carica di professore nella città tedesca di Tubinga,
Ratzinger visse a stretto contatto con le proteste studentesche e alcuni dicono
che fu in quel periodo che si andarono definendo la maggior parte delle sue
posizioni successive.

Per esempio, durante una delle sue dissertazioni si verificò un incidente che
finì per segnarlo, questo secondo un testimone: gli studenti si alzarono e
presero il microfono in violazione delle norme universitarie, cosa che irritò
Ratzinger.

Il Panzercardinale, come lo chiamano a Roma, fu uno dei collaboratori più
stretti del Papa e, spesso, considerato come l'autentico numero due della
Chiesa, al di sopra anche del Segretario di Stato, il cardinale Angelo Sodano.
Profondamente associato al pontificato del Papa polacco, la figura di Ratzinger
passerà alla Storia come quella del teologo che lo aiutò a mettere ordine alla
Chiesa e prima a decapitare e poi ad addomesticare la Teologia della
Liberazione.

Nel 1984, le condanne formali della Teologia della Liberazione introdotte per il
cancerbero della fede permisero alla destra cattolica di lasciar fuori dal gioco
tutta una corrente innovatrice in campo pastorale, teologico, catechistico e
sociale, distruggendo quasi interamente l'idea di una Chiesa più popolare e
maggiormente fedele al Vangelo dei poveri.

Ratzinger impose una totale rigidità dottrinale a tutta la vita intellettuale
della Chiesa e una dinamica del controllo a oltranza sui teologi. E la paura
andò instaurandosi nelle sue fila. Ammoniti, perseguitati, controllati, in una
istituzione intellettualmente inabitabile, i pensatori della Chiesa optarono
per andarsene (Leonardo Boff), chiudere la bocca (Gustavo Gutiérrez) o spezzare
la catena (Hans Küng).

Il culmine della repressione teologica venne raggiunta con la pubblicazione del
"Catechismo della Chiesa Cattolica" e soprattutto, con la "Dominus Iesus", un
documento di Ratzinger,nel quale si attribuisce in esclusiva alla Chiesa
Cattolica il possesso della verità e della salvezza. Il ritorno dell'assioma
tridentino che "fuori dalla Chiesa non c'è salvezza". Un documento tanto
infelice che contro di esso si levarono le proteste di numerosi cardinali.

Oltre a questo, Ratzinger ridusse al silenzio con metodi autoritari tutte le
questioni teologiche dibattute: il celibato dei preti, lo statuto del teologo,
il foglio dei laici, la prassi della penitenza, la comunione per i divorziati,
il preservativo per difendersi dall'AIDS e la fecondazione artificiale.

Impose la tesi del romanocentrismo, tolse sostanza alla collegialità e al potere
delle Conferenze Episcopali, riducendole a mere succursali della Curia, e definì
quasi come dogmatico l'eventuale accesso della donna al sacerdozio. In
definitiva, Ratzinger disattivò il Concilio.

E questo lui che all'epoca del Vaticano II (1962-65) era parte dell'ala
progressista della Chiesa, anche se molto velocemente era poi passato nelle
fila della fazione conservatrice. Nella conclave ha diretto il partito della
Restaurazione, del tradizionalismo legalista, alleato ad una serie di movimenti
neoconservatori (Opus Dei, Comunione e Liberazione, i Legionari di Cristo.). Il
wojitilismo senza Wojitila.

A 78 anni il Panzercardinale conserva l'incanto di essere una grande
personalità. Altri, tuttavia, lo descrivono come un Jano bifronte. A Ratzinger
non piace l'ottimismo e neppure la fede nella bontà umana del Vaticano II. La
sua ossessione è per il peccato, e come il suo compatriota Lutero, è
"ipnotizzato dal male".

Note:

citazione del pensiero di Radzinger sul pacifismo
http://www.ilvelino.it/allegati_documenti/allegato_documento_244.pdf

Negli ultimi decenni abbiamo visto ampiamente nelle nostre
strade e sulle nostre piazze come il pacifismo possa deviare verso un
anarchismo distruttivo e verso il terrorismo.

Tradotto da Melektro per www.peacelink.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)