Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Foggia: Il 7 e 8 Maggio due giornate dedicate alla Pace

7 maggio 2005
Il coordinamento per la marcia della Pace e della Nonviolenza

Il coordinamento per la marcia della Pace e della Nonviolenza

E se Amendola non fosse più “Amendola aeroporto militare”? Se diventasse semplicemente il nostro aeroporto civile o anche parzialmente civile come è già accaduto a Pisa? Proviamo ad immaginare il mutamento di scenario: un luogo finalmente aperto alla città di Foggia, a Manfredonia, a San Giovanni Rotondo, a Monte S. Angelo , a Lucera, a San Severo, a Cerignola. Un luogo da vivere con le emozioni dell’andare verso altri paesi per poi far ritorno ai nostri arricchiti dalle nuove conoscenze, un luogo abitato da adulti e bambini, da aerei di tanti colori in cui risuonano lingue diverse e si racconta di mondi lontani ma raggiungibili. Vedremmo giapponesi arrivare a frotte e tra un po’ anche tanti cinesi, australiani…. Insomma avremmo una provincia più colorata e probabilmente più ricca. In tutti i sensi, dall’economico al culturale. Certo dovremmo anche stare attenti alle facili speculazioni edilizie, ai villaggi nati dal nulla, ma quel posto, Amendola, comincerebbe finalmente a ri-appartenerci. Potrebbe diventare la nostra più importante finestra sul mondo. Non proveremmo più, passandoci davanti, quel senso di estraneità e persino di ostilità che tante volte abbiamo sperimentato perché ci ricorda le guerre che non vogliamo più e a cui non vogliamo più dare contributi. Neppure come semplice base di appoggio, poiché continuare a farlo significa in qualche modo sostenere le guerre. Vogliamo che la nostra terra esprima il nuovo che c’è: il desiderio e la speranza di un mondo che trovi la sua ragione d’essere in una politica dello scambio e non della sopraffazione, che affronti le tante situazioni conflittuali con il dialogo e non con le armi, che apra l’unico vero conflitto che sembra sensato anche a noi: quello per trasformare la mentalità di chi crede che “chi ha più armi è più potente e merita più rispetto”. E’ un conflitto che va fatto innanzitutto in se stessi e poi con gli altri e le altre, perché quella mentalità da sudditi non rispecchia più il mondo che tantissimi uomini e donne oggi vogliono abitare. Occorre sconfiggerla per sottrarre i giovani alla delinquenza comune o mafiosa . Ci servono risorse finalizzate a far crescere la nostra terra in PACE. Ci serve creatività per pensare altri mondi possibili.

Amendola aeroporto militare non va in questa direzione e dunque chiediamo con forza che venga riconvertito. Non ci servono i Predator, nè la cultura delle armi che esprimono.

E’ ora che la nostra terra sia sempre più “civile”.

PARTECIPA alle due giornate il 7 e l’8 maggio dedicate alla Pace

per

  • -riconvertire Amendola da aeroporto militare in aeroporto civile;
  • realizzare politiche di sviluppo per il nostro territorio legate al desiderio di pace che ci attraversa;
  • praticare uno scambio continuo con chi è diverso da noi, perché una pace autentica non può che essere frutto del contributo di tutte le culture;
  • rifiutare simboli e discorsi violenti nei rapporti interpersonali come nella relazione tra Stati;
  • ricercare modi creativi per stare insieme dando spazio al desiderio di felicità;

7 maggio 2005: Biblioteca provinciale, ore 16,00 convegno su

“Non violenza ed orizzonti creativi per il nostro territorio”

con Alex Zanotelli, Anna Di Salvo delle “Città vicine”, Tonino Drago dell’Università di Siena, Sabina Sergio Gori, sindaca di Quarrata. Porteranno il loro saluto il Presidente della provincia Carmine Stallone e l’Assessore comunale Michele del Carmine. Coordinerà Francesca Vecera

8 maggio 2005: marcia della Pace “Foggia- Amendola”

con Don Ciotti e Niki Vendola.

Partenza alle ore 9,00 dal Pronao della Villa Comunale, dove autobus messi a disposizione dall’ATAF ci porteranno fino ad EMMAUS. Da lì a piedi raggiungeremo Amendola.

Il coordinamento per la marcia
cattolici e laici, uomini e donne, insieme per la pace

Per info: Francesca 340/2831243 349/2639825- Lina 3385624533 – Antonietta 328/6887982

Allegati

Articoli correlati

  • Scuola. Il viaggio senza fine
    Pace
    Esperienze di educazione alla pace

    Scuola. Il viaggio senza fine

    A scuola è necessario imparare a riconoscere e gestire anche la parte emotiva dell’apprendimento: stati d'animo, insicurezza, esigenza di supporto da parte dell'adulto, sofferenza psichica, disagio emotivo.
    9 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista
    Pace
    Ricorda Calamandrei: basta guerre, distruzioni, viviamo in altri modi e mondi possibili

    Riflessioni di un obiettore di coscienza e di una attivista

    Dalla Seconda Guerra Mondiale, al processo di Norimberga, dai movimenti per la nonviolenza e il disarmo, fino a arrivare alle Università per la Pace
    12 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • L’Agenda delle idee
    Cittadinanza
    A scuola con Agenda Onu 2030

    L’Agenda delle idee

    Progetti di sviluppo dell’educazione all’attivismo partecipativo in base agli obiettivi di Agenda Onu 2030
    5 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Teoremi di pace 
    Laboratorio di scrittura
    Fili concettuali e teoremi virtuali dei vissuti di pace

    Teoremi di pace 

    Con i miei scritti, imparo la relazione nell’azione educativa e di attivismo e di impegno civile, in rapporto con l'altro da me
    30 novembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)